Il dottor Noseda boccia le modifiche della legge sanitaria
Immagini articolo
"Pubblico e privato?
Ma già collaborano"
PATRIZIA GUENZI


N non occorre mica cambiare la legge sull’Ente ospedaliero per creare delle proficue collaborazioni tra pubblico e privato. Già ne esistono". Così replica il dottor Giorgio Noseda, a suo tempo fautore del No alla modifica della legge sull’Ente, a chi dà ai referendisti la responsabilità del ritardo dell’ospedale di Acquarossa. "Ci hanno accusati di avere messo il bastone tra le ruote - dice -. Ma  la collaborazione che dovrebbe esserci tra l’Ente ospedaliero e la fondazione La Quercia non ha bisogno di una nuova legge. Basta un semplice contratto in cui si mettono nero su bianco alcuni punti".
Intanto, la nuova modifica sulla legge dell’Ente ospedaliero (Leoc) - dopo la bocciatura alle urne nel giugno 2016 - sarà presto presentata in Gran Consiglio. Già nel dicembre 2016 il direttore del dipartimento della Sanità, Paolo Beltraminelli, rassicurando sul futuro degli ospedali di Faido e Acquarossa, aveva promesso di presentarla ai colleghi in tempi brevi. In realtà, sono trascorsi altri sei mesi. Ma tant’è.
Sarà una modifica "light", ma che rivede l’aspetto che più aveva fatto discutere e spinto a raccogliere le firme per il referendum: la collaborazione tra istituti ospedalieri pubblici e privati. Se ci sarà ancora, sarà soltanto con i privati no profit.
Difficile che la nuova Leoc venga  presentata prima della pausa estiva. Più probabile che soltanto in autunno si saprà quale sistema ha adottato il Governo. Ovviamente non ci sarà più la collaborazione prevista in un primo tempo, che avrebbe richiesto la creazione di società anonime, aprendo le porte - sostenevano i referendisti - ad una maggior privatizzazione, ad un rinforzo della logica del mercato del settore sanitario, e di riflesso ad un indebolimento degli ospedali pubblici. Ma, soprattutto, non avrebbe avuto alcuna influenza positiva sugli ospedali di valle.
09.07.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Sgravi fiscali per tutti
con un taglio del 5%
L'INCHIESTA

L'estate al museo
con 100mila visitatori
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nelle città turistiche
non si santifica la festa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I missili non aiutano
la Siria senza pace
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

"Florence"
declassato
ma vittime
e danni

Città del Messico:
sparatoria
in pieno centro,
morti e feriti