Sanità privata a Mendrisio e possibilità di dialisi a Faido
Immagini articolo
Un altro centro medico
e un servizio nefrologia
PATRIZIA GUENZI


Di questo passo entro il 2020 chissà quanti centri medici privati saranno attivi in Ticino. Sembrano non bastare mai. Ai tre già esistenti nel cantone (Lugano, Chiasso e Bellinzona), se ne aggiungerà un altro a Mendrisio. Ma anche con i centri dialisi non si scherza. In tutto, nel cantone ce ne sono otto - tra servizi pubblici, dell’Ente ospedaliero, e privati - più che sufficienti per i bisogni dei pazienti. C’è però un progetto per aprire il nono centro. All’interno della casa anziani di Faido.
Sorgerà a due passi dall’ospedale Beata Vergine il nuovo centro medico privato di Mendrisio e sarà pronto nell’autunno del 2018. Metterà a disposizione tutta una serie di specialisti, probabilmente anche un laboratorio di analisi e altri servizi. Per certa c’è pure l’apertura di due altre sedi, sempre nel corso dell’anno prossimo, a Locarno e un’altra a Lugano. Quest’ultimo, Centro medico di Lugano2, andrà ad aggiungersi all’attuale, aperto nel novembre 2014 all’interno del Fabbricato Viaggiatori della stazione i cui spazi non bastano più. Senza contare i due centri medici "satellite" di Castione e Claro, già in funzione, e uno a Faido che aprirà i battenti l’anno venturo.
In realtà quest’offerta sanitaria da un lato risponde ad un bisogno della popolazione, visto che i medici di famiglia diventeranno sempre più rari. Questi preferiscono infatti lavorare in gruppo piuttosto che mettersi in proprio. Nei centri medici trovano posto decine di specialisti, che ovviamente non rinunciano a dotarsi di apparecchiature costose. Infatti, nel Centro medico di Lugano2, ci saranno oltre una trentina di studi medici, attrezzatura all’avanguardia per esami radiologici e pure un laboratorio di analisi e un reparto di fisioterapia. Anche in questo caso l’intenzione è di offrire un servizio in una fascia oraria estesa, dal lunedì al sabato.
Che dire, un Ticino davvero malmesso dal punto di vista della salute a guardare l’enorme offerta esistente. Non solo un cantone dotato di costosi macchinari diagnostici (vedi articolo principale), ma anche di medici, specialisti, strutture varie e servizi di nefrologia e emodialisi. In realtà, ci si chiede se di un altro centro dialisi v’era necessità. Quelli esistenti risponderebbero molto bene alle esigenze dei pazienti. Tanto per dare qualche numero (dati 2016), in Svizzera sono 103 i centri di dialisi, uno ogni 80.500 abitanti; in Ticino 8, uno ogni 44.250 abitanti.
Comunque sia, i giochi sembrano fatti. Di un centro dialisi nella casa anziani di Faido, in collaborazione con l’Ente, di fatto se ne parla da un po’. Inizialmente il progetto era stato bocciato dal consorzio dei comuni della Leventina. Riproposto, dovrebbe ricevere l’ok.  "Abbiamo fatto delle ricerche e visto che l’esigenza di un nuovo centro c’è - assicura Marzio Eusebio, presidente del consiglio di amministrazione della casa anziani e sindaco di Dalpe -. Già oggi questo servizio potrebbe coprire i costi".
Inutile aggiungere che questa notizia ha mandato su tutte le furie i medici della valle coinvolti, dicono loro, solo marginalmente nell’iniziativa, ma quanto basta per sottolineare che non ci sarebbero sufficienti pazienti per un centro dialisi in valle Leventina. Anche perché vien da chiedersi come mai, se proprio lo si vuole aprire, non si sia pensato di inserirlo nell’ospedale di Faido. Forse perché, come hanno recentemente osservato alcuni medici della valle in un servizio sul Caffè, ne è già stata programmata la chiusura?
03.09.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo
28.11.2017
Concorsi scolastici: sono aperti i concorsi per la nomina e l’incarico di docenti e operatori per l’anno scolastico 2018/2019
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel