Anche le moderne tecnologie fanno aumentare i costi
Immagini articolo
Siamo assediati
da tac e risonanze
PATRIZIA GUENZI


Se pensate che 15 Tac e 13 risonanze magnetiche per immagini (Rmi) - distribuite tra ospedali, cliniche e centri medici privati - siano sufficienti per un cantone di nemmeno 360mila abitanti vi sbagliate di grosso. Nel prossimo futuro il loro numero è destinato ad aumentare. Eppure, in Svizzera, e in Ticino, da tempo si parla di "utilizzo appropriato e senza sprechi delle risorse sanitarie disponibili". Tant’è che il 15 settembre prossimo, all’hotel de La Paix di Lugano, si terrà la seconda edizione del simposio Choosing Wisely.  
E invece succede che l’ospedale La Carità  di Locarno di qui a poco non condividerà più la macchina per Rmi con la clinica Santa Chiara. Quest’ultima ne prenderà una una tutta per sé. Non stanno a guardare - ma anzi vantano attrezzature all’avanguardia anche per esami ragiologici - i Centri medici privati di cui è tutto un fiorire nel cantone. Nel giro di un anno ne aprirà un altro a Mendrisio, a due passi dall’ospedale Beata Vergine. E così, saliranno a otto. Anche i servizi di dialisi non mancano. Ma presto se ne aggiungerà un altro nella casa anziani di Faido. Il progetto c’è, si tratta ancora di definire tutti i dettagli. Un’esigenza, stando ai promotori (vedi articolo sotto).
Circondati dagli apparecchi diagnostici, dunque. Niente di illegale, ovvio. Forse inopportuno, un po’ esagerato sicuramente, vista l’esiguità dei potenziali pazienti. Con quel che costano macchine come Tac e Rmi è evidente che debbano "viaggiare", fosse soltanto per ammortizzarne la spesa. Le autorizzazioni per la loro installazione sono concesse da Bellinzona, che verifica, si legge sul sito del Cantone, "se esiste un fabbisogno non sufficientemente coperto" e vigila "allo scopo di contenere i costi della salute e di tutelare l’interesse pubblico preponderante". Purtroppo, sono i numeri crescenti a dirlo, si rivela poco efficace l’intervento del Cantone. "Una commissione del Consiglio di Stato valuta l’opportunità per un ospedale o una clinica di dotarsi di un costoso macchinario - spiega Brenno Balestra, primario di medicina interna all’ospedale di Mendrisio -. Se l’Ente ospedaliero di fronte a un no non reagisce, le cliniche private spesso fanno ricorso. E si sa che a livello federale fa stato la libertà di concorrenza e di mercato".
"C’è chiaramente un eccesso di macchine diagnostiche in Svizzera - nota Jean-Michel Gaspoz, copresidente della Società svizzera di medicina interna generale -; si corre il rischio di fare troppi esami". In dieci anni gli esami Tac sono triplicati in Svizzera e i costi aumentati del 40% tra il 2009 e il 2013. Ricordiamo che per ricorrere ad una Tac devono esserci precise motivazioni cliniche, altrimenti l’esame oltre che dannoso è costoso. A livello nazionale, si stima che un terzo dei trattamenti medici sia inutile. In Ticino, gli esami di risonanze e Tac sono quasi il doppio rispetto alla media svizzera.
Numeri, tanti numeri a cui corrispondono altrettanti esami, che fanno lievitare la spesa nazionale per la sanità, ormai attorno agli 80 miliardi di franchi l’anno. "La domanda indotta dall’offerta ha un’ampia letteratura, sia teorica sia empirica, che in generale ne conferma l’esistenza, seppure in intensità e modalità diverse - osserva il professor Carlo De Pietro, docente e ricercatore alla Supsi -. Puntare sull’offerta, dall’appropriatezza clinica e organizzativa alle retribuzioni ai profitti, anziché sulla domanda, resta un’efficace leva di verifica complessiva della spesa sanitaria e di governo del sistema".
Ma non sono solo Tac e risonanze a pesare sul bilancio sanitario. Anche apparecchi Rx, mammografi, ecografi e vari macchinari per le indagini di medicina nucleare. Il peso economico delle prestazioni evitabili, quelle cioè che non danno nessun beneficio ai pazienti, rappresenta, secondo l’Oms, il 20-40% della spesa sanitaria.

pguenzi@caffe.ch
03.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta