Unia chiede un contratto collettivo e Berna più regole
Immagini articolo
"Quella delle badanti
è ormai una giungla"
PATRIZIA GUENZI


Otto ore al giorno? Ma quando mai! Sarebbe bello, purtroppo spessissimo sono molte di più. È parecchio relativo il rispetto delle 42 ore di lavoro a settimana". Giangiorgio Gargantini, responsabile del settore terziario del sindacato Unia, non si è stupito della "denuncia" di una badante polacca che su Tio, qualche settimana fa, si era sfogata così: "Ero costretta a lavorare 24 ore su 24, non potevo uscire neanche dieci minuti per fare due passi". "Quello è un caso limite, almeno spero, ma siamo consapevoli - dice Gargantini - che è un po’ una giungla il settore delle badanti, poco strutturato e non considerato da molti come una professione. Sollecitazioni ne riceviamo anche noi, e parecchie". Da qui l’intenzione di arrivare il più presto possibile ad avere finalmente un contratto collettivo di lavoro che tuteli chi accudisce gli anziani. "Necessità su cui abbiamo più volte sollecitato il Cantone - aggiunge Gargantini -, visto che sempre più queste figure professionali faranno parte della nostra realtà".
Una realtà dai contorni spesso opachi, in cui numerose donne straniere si muovono in punta di piedi per il timore di perdere il lavoro. Senza lamentarsi, continuando ad accudire l’anziano, a volte anche giorno e notte. Una realtà su cui anche il Consiglio federale vuole intervenire. Entro metà 2018 Berna intende regolamentare, con la collaborazione dei Cantoni, l’assistenza domestica agli anziani 24 ore su 24, stabilendo disposizioni minime per il conteggio delle ore di presenza in base alle esigenze di assistenza dei clienti. Più tutele, insomma, per le badanti, che spesso non trovano neanche il tempo di informarsi sui loro diritti: "Capita che vengano qui, nei nostri uffici, accompagnate dall’anziano perché non lo possono lasciare solo neanche mezz’ora, una condizione comune a molte di loro", riprende  Gargantini.
Secondo un rapporto del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr), in Svizzera si stimano circa 10mila badanti pendolari, la maggior parte delle quali si ferma per 2-4 settimane per assistere a domicilio una persona anziana. Successivamente queste badanti rientrano nel loro Paese per un periodo altrettanto lungo, per poi ritornare nuovamente in Svizzera e rioccupare lo stesso posto di lavoro. Stanto alle stime del Defr, questo modello assistenziale riguarderebbe attualmente circa 5mila anziani.
La difficoltà principale per una badante è separare lavoro e vita privata. Vivendo a stretto contatto con l’anziano, in un certo senso è come se fosse sempre disponibile. Anche la notte. "Da qui l’urgenza di intervenire - insiste il sindacalista -. Da tempo abbiamo organizzato un comitato che conta qualche centinaio di badanti; si riuniscono regolarmente in assemblea, anche con colleghe di altri cantoni. Ma serve un contratto collettivo". Prima, però, bisogna definire il partner sociale con cui discutere. "Potremmo fare come Ginevra - spiega Gargantini -, dove il Cantone ha preparato un contratto di lavoro ‘su misura’ per loro. In Ticino, invece, è richiesto soltanto di rispettare il salario minimo, secondo la legge federale".
Un salario all’ora o mensile per 42 ore settimanali. Eppure, spesso chi si occupa di un anziano può arrivare anche a lavorarne cinquanta di ore a settimana, una decina di ore al giorno. E poi c’è la notte. "Una badante dorme praticamente con un occhio solo - osserva Gargantini -. Se è una persona coscienziosa, è ovviamente preoccupata per il suo paziente. Ma ogni badante ha diritto al riposo, altrimenti durante il giorno non può avere le forze per affrontare il suo compito, che è molto pesante e di responsabilità. Sempre più badanti che ci chiedono aiuto sono già in burnout".

p.g.
10.09.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Aeroporti e piste da sci
che "succhiano" soldi
L'INCHIESTA

La nuova vita delle auto
tra l'Africa e i Balcani
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonell

Oltre mezzo milione
in abiti, scarpe e viaggi
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ci salverà solamente
un modello sostenibile
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kashoggi:
Erdogan "Faremo
luce su quanto
accaduto"

Brexit:
oltre 500'000
a Londra
per 2° referendum