Proposta per "curare" anche chi non ha commesso reati
Immagini articolo
"È un uomo pericoloso
e bisogna ricoverarlo"
MAURO SPIGNESI


Il tentativo è quello di disinnescare le "bombe sociali" prima che queste esplodano. E per farlo occorre destreggiarsi fra vincoli giuridici cantonali e federali con la stessa abilità e leggerezza di un artificiere. Il gruppo di lavoro nominato dal Consiglio di Stato che sta affrontando il problema delle persone potenzialmente pericolose ha anche discusso sulla possibilità di arrivare a una norma che permetta alla polizia, in assenza di strutture adeguate, di portare in un luogo di cura o d’assistenza chi ha dato preoccupanti segni di instabilità. Una persona che potrebbe diventare una minaccia seria, anche solo potenziale, per la società. E che, se non curata, potrebbe poi farsi protagonista di fatti gravi, come quelli finiti in questi anni nelle pagine della cronaca. Questo anche se l’individuo non ha commesso alcun reato o non è stato denunciato, ma comunque mostra segnali, appunto, di pericolosità. Un po’ sulla falsariga di quanto accade a Zurigo e San Gallo, dove è stata messa a punto una norma che consente questo tipo di provvedimenti.
Il gruppo di lavoro, presieduto da Raffaella Ada Colombo, direttore medico della clinica psichiatrica cantonale di Mendrisio, sta valutando se inserire questa disposizione all’interno delle modifiche da introdurre nella legge di polizia, così come è stato fatto ad esempio per stabilire misure più rapide ed efficaci contro la violenza domestica. Con la possibilità che sia un ufficiale a decidere l’allontanamento da casa di un "soggetto" pericoloso per i propri familiari. Naturalmente la nuova norma sarebbe differente da quella del ricovero coatto, possibilità che già esiste e scatta per chi tuttavia è già stato protagonista di fatti gravi e ha bisogno d’essere rapidamente curato. Già a livello cantonale, peraltro, dopo minacce e tentativi di aggressione contro i dipendenti pubblici da parte di persone che hanno dato in escandescenze o sono passati alle vie di fatto, è stato pensato il Servizio di gestione delle persone minacciose e pericolose. Un primo passo è stato fatto.
Ora si tratta di trovare lo strumento adeguato che permetta anche di fare prevenzione attiva, bloccando sul nascere situazioni che potrebbero degenerare. Il ricovero in un luogo di cura, che può essere un servizio psichiatrico, dovrebbe riguardare, secondo quanto sta emergendo nel confronto del gruppo di lavoro nominato dal governo, quelle persone segnalate da uno dei diversi servizi d’assistenza o dalla polizia, che magari hanno colto chiari segnali di minacce, instabilità, o comportamenti violenti anche legati a dipendenze da stupefacenti o alcol. Sul fronte della droga, ad esempio, è rimasto un vuoto normativo, perché la legge federale sugli stupefacenti prevede che si possa segnalare ad un ente di assistenza una persona che ha problemi o è un rischio sociale proprio per effetto della dipendenza. Il Cantone non si è ancora adeguato e dunque la polizia non sa come segnalare queste persone.  
L’equipe di lavoro deve tuttavia ancora mettere a punto le diverse idee sulla prevenzione di comportamenti delle persone potenzialmente pericolose e entro fine anno dovrebbe trasmettere una relazione al Consiglio di Stato. Poi sarà il governo, in collaborazione con il servizio giuridico, a scegliere e tradurre in messaggi le ipotesi che condividerà.

m.sp.
26.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel