L'unità del Ministero che non ha mai promosso un'accusa
Immagini articolo
Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
FEDERICO FRANCHINI


È in pompa magna che, nel 2012, il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) ha lanciato il Ccv, il Centro di competenze in Diritto penale internazionale. Una nuova unità, destinata a lottare contro i crimini internazionali. "La Svizzera vuole assicurare un perseguimento penale efficace, trasparente e senza sosta del genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra" si legge sul sito della Procura federale. Nel 2017, però, dell’entusiasmo che ha accompagnato la creazione del Ccv si sono perse le tracce. L’unità è stata indebolita e nessuna accusa è stata finora promossa davanti a un tribunale.
Eppure, gli affari non sono mancati. Ma la loro gestione ha generato dubbi sulla reale volontà di Berna nel perseguire questo tipo di reati. Crimini difficili d’appurare, certo. Ma anche considerati "sensibili". È un sostituto procuratore generale che lo scrive in un documento che il Caffé si è procurato: "Le inchieste nei settori di competenza del Ccv sono degli affari sensibili che quasi sempre suscitano un grande interesse e l’attenzione da parte della stampa, rispettivamente della politica, così come è vero che gli interessi del perseguimento penale non coincidono necessariamente con la politica estera della Svizzera". Insomma, si tratta di affari che scottano. E che hanno una forte dimensione politica. Anche se ciò, in teoria, non è motivo per influire sull’operato delle autorità di perseguimento penale le quali per legge devono sottostare "soltanto al diritto". Ma nella pratica non sembra essere così.
Nell’ottobre 2011, l’Ong Trial International scopre che l’ex capo delle forze armate algerine, Khaled Nezzar, è a Ginevra. L’associazione denuncia l’uomo per crimini di guerra commessi durante la guerra civile algerina degli anni ‘90. La procuratrice federale Laurence Boillat, alla testa del Ccv, apre una procedura. Ciò crea disagio in seno alla diplomazia elvetica. Di recente, il giornale le Temps ha pubblicato un documento in cui si legge come l’ambasciatrice ad Algeri abbia informato i procuratori del fatto che l’inchiesta è una sorta di bomba a ritardamento per le relazioni bilaterali tra i due paesi. La diplomatica scrive "che un dossier economico non ha potuto avanzare a causa di questo affare" e sottolinea che "vi è un’attesa molto chiara da parte del potere algerino a che questo affare sia chiuso". Una volontà che sarà esaudita nel gennaio di quest’anno quando il Mpc decreta, a sorpresa, un non luogo a procedere.
Nota per il suo franco parlare, la procuratrice Boillat con le sue inchieste dà fastidio. Un altro incarto scottante riguarda Rifaat al-Assad, zio dell’attuale presidente siriano. L’uomo è sospettato d’aver diretto dei massacri contro dei civili negli anni ‘80. Nel dicembre 2013, Berna apre in gran segreto un incarto per crimini di guerra. Laurence Boillat chiede dei rinforzi per condurre un’inchiesta oggettivamente complessa. Una richiesta che non va giù al procuratore generale Michael Lauber che la considera una"mancanza di visione strategica". Nel giugno del 2015 Laurence Boillat sarà vittima della purga che ha portato all’allontanamento forzato di cinque procuratori federali. Il suo ruolo in seno al Ccv non sarà rimpiazzato.
Lo scorso mese di settembre, l’Ong Trial International, all’origine della denuncia contro el-Assad, ha reso noto l’esistenza di questa procedura e denunciato la sua estrema lentezza. Tre giorni dopo, tre consiglieri nazionali di tre partiti diversi hanno depositato ognuno un’interpellanza parlamentare. Tutti chiedono spiegazioni su questa inerzia e sulla reale indipendenza della procura federale. Contatta da il Caffè quest’ultima afferma che le procedure di diritto penale internazionale sono condotte conformemente all’indipendenza del Mpc. "Ciò non impedisce - aggiunge un portavoce della procura - di contattare altre autorità che potrebbero rivelarsi utili all’’istruzione".
03.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel