Dopo le ultime tragedie rabbia e proposte degli esperti
Immagini articolo
"Troppi contromano,
più test per gli anziani"
MAURO SPIGNESI


Lui 74 anni, lei 77 anni. Il primo alla guida della sua auto nell’ottobre scorso ha imboccato l’autostrada contromano allo svincolo di Lugano sud. La seconda, mercoledì scorso, si è immessa sempre contromano sulla A13 in direzione di Locarno. Due casi gravi. Ma la lunga lista di incidenti di questo genere potrebbe continuare. Non solo in Ticino. L’episodio più incredibile registrato in Svizzera è quello capitato a Horgen, dove un automobilista ha percorso quasi cento chilometri, in alcuni tratti superando la velocità consentita, sulla A3 in direzione Zurigo. "Abbiamo una media nazionale di 13 scontri causati da automobilisti che si infilano nella corsia sbagliata, cioè lo 0,02 per cento del totale", spiega Eugenio Sapia, dell’Ufficio federale delle strade (Ustra).
Ma i numeri non rendono sempre il fenomeno. Perché chi sbaglia corsia rischia seriamente di causare tragedie che coinvolgono più persone. Proprio l’Ustra sta sperimentando due "apparecchi intelligenti". Uno è stato piazzato a Varenzo, all’altezza di Quinto, e l’altro a Lugano sud. Se qualcuno appunto imbocca l’autostrada contromano segnalano prima con flash luminosi e poi acustici l’errore e fanno partire un allarme diretto alla polizia. Questa sorta di "radar" funzionano anche in ottica preventiva. "È accaduto tempo fa - spiega Sapia - quando un automobilista si è accorto di aver sbagliato e ha rapidamente rimediato".
Ma a parte i segnali stradali e gli altri accorgimenti che puntano sulla prevenzione c’è da dire che questo genere di incidenti vedono protagonisti soprattutto persone anziane. "E molte di loro non si rendono conto di non essere più adatte alla guida - spiega Riccardo Pfister, dell’Associazione svizzera maestri conducenti - eppure continuano. Per questo da tempo noi abbiamo detto d’essere contrari a spostare l’età da 70 a 75 anni per la verifica d’idoneità". Secondo Pfister, inoltre, "non basta solo una visita medica per capire se una persona è ancora adatta a condurre un’auto. Oltre l’idoneità, cioè la valutazione del medico delle condizioni psico-fisiche di un anziano, occorre anche un check-up di un maestro conducente per misurare le capacità tecniche, di osservazione, reazione e visione. Molti lo fanno spontaneamente, ma non basta. La regola dovrebbe essere estesa a tutti".
L’anno scorso, secondo i dati della Sezione della circolazione di Camorino, si sono sottoposti alla visita obbligatoria davanti ai 118 medici autorizzati in tutto il territorio cantonale 22mila automobilisti di oltre 70 anni. In duecento non hanno superato il test di primo livello. Inoltre 1.518 hanno riconsegnato volontariamente la patente. "Che serva un esame più approfondito per gli automobilisti anziani è indubbio e d’altronde la Confederazione punta a spostare in avanti l’età dei controlli consentendo al medico di effettuare esami più approfonditi", spiega Patrick Passalia, presidente del gruppo Locarnese-Valli del Touring Club svizzero. "Per il resto - aggiunge Passalia - gli scontri provocati da persone che imboccano strade o autostrade contromano sono molto rari, ma per noi anche un incidente in più è un fatto grave e va evitato. Poi, è vero che gli anziani sono quelli maggiormente a rischio, ma ci sono persone di 70 anni perfettamente lucide e altre meno". In questo senso non è possibile generalizzare. "Ma bisogna tenere conto - spiega ancora Riccardo Pfister - che con l’invecchiamento della popolazione abbiamo sempre più anziani alla guida e non sempre fra di loro c’è chi si rende conto non essere più lucido come una volta e smette".
L’anno scorso, secondo i dati elaborati dall’Ustra, a livello nazionale sono stati 13.466 gli automobilisti dai 70 anni in su che sono incappati in misure amministrative, cioè ritiri di patente, ammonizioni, prescrizione di corsi stradali e visite presso psicologi del traffico o medici. A livello cantonale invece gli over 70 sanzionati sono stati complessivamente 855, a fronte di 11.808 sanzioni complessive. A 505 persone sopra i 70 anni è stata revocata la licenza di condurre.
Oltre l’età, resta il problema della segnaletica stradale. "Ma noi questo aspetto lo curiamo costantemente. Abbiamo sostituito tutta la segnaletica verticale e potenziato quella orizzontale - spiega ancora Eugenio Sapia -. E per una questione finanziaria, perché costerebbe davvero troppo, non possiamo neppure sistemare a ogni svincolo un apparecchio come quelli che stiamo testando in Ticino per avvertire chi sbaglia". D’altronde nella lunga rete autostradale svizzera ci sono 420 entrate e uscite. "Almeno nella nostra zona - spiega Patrick Passalia - dove è capitato giorni fa l’ultimo incidente con una vettura che si è immessa contromano io non credo che il problema sia quello della segnaletica, nel senso che non vedo gravi carenze. Certo, poi tutto potrebbe essere migliorato. Semmai bisognerebbe puntare di più sull’educazione e sulla prevenzione".
Peraltro in molti casi di incidenti per errore di corsia dopo i controlli emerge che l’automobilista era, come dice la polizia, in uno "stato psicofisico alterato". O sotto stress, o con una capacità di reazione e di attenzione molto ridotta. Ad esempio, l’uomo che aveva percorso contromano quasi cento chilometri in direzione Zurigo non era in grado di guidare.

mspignesi@caffe.ch
29.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14