function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Piani e appelli contro stoviglie "monouso" non riciclabili
Immagini articolo
'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
MAURO SPIGNESI


Stoviglie e piatti, ma anche vassoi e bicchieri. Plastica usa e getta che abbonda nelle feste di Carnevale, nelle sagre e nei vari eventi. Che viene usata in alcune mense, fortunatamente sempre meno, o nelle case private. Tonnellate di rifiuti che finiscono nei sacchi dell’immondizia e poi nell’inceneritore, perché contrariamente a bottiglie e altri tipi di confezioni, essendo sporchi di cibo, non possono essere riciclati, se non attraverso un lavaggio che per ora pochissime strutture fanno. "Proprio per questo motivo serve una maggiore attenzione", sottolinea Daniele Polli, segretario dell’Osservatorio per la gestione ecosostenibile dei rifiuti (Okkio).
Gli esempi non mancano. Un passo avanti lo ha fatto Neuchâtel che dal 2019 vieterà le cannucce in plastica usa e getta nei bar. In Lombardia recentemente è stata approvata una direttiva per bandire l’uso di plastiche nelle mense gestite dagli enti pubblici. In Ticino il Cantone da tempo si è dotato di un "manuale", in collaborazione con la Scuola superiore alberghiera e del turismo. Uno strumento in cui vengono offerti suggerimenti, tra cui ridurre gli scarti di prodotti e imballaggi, assicurare la raccolta differenziata, utilizzare stoviglie, bicchieri, servizi e tovaglioli ecologici e biodegradabili. "Però, il Cantone dovrebbe fare di più - dice Mario Camani, ex capo della Sezione protezione aria, acqua e suolo  dell’amministrazione cantonale - per contrastare la plastica ma per tutto l’ambiente in generale. Ma i nostri governanti e la classe politica hanno sempre la scusa pronta e dicono che non è compito loro e che non possono fare di più". Alcuni paesi tuttavia si sono mossi autonomamente. Al villaggetto realizzato a Novazzano durante gli ultimi Mondiali di calcio sono stati utilizzati unicamente piatti e bicchieri multiuso. "È stato un esperimento – spiega il sindaco Sergio Bernasconi -. È andato bene e l’intenzione e di riproporlo anche per Natale e per le altre feste, come il Carnevale. Chiaramente bisogna organizzarsi, ma con un po’ di buona volontà si può fare".
Ma la strada è lunga. "In questi anni - aggiunge Polli - abbiamo contattato diversi organizzatori e abbiamo notato che i giovani sono molto sensibili, hanno cominciato a usare stoviglie riciclabili. Mentre se dietro gli eventi ci sono persone di una certa età è più difficile far passare il discorso dell’attenzione all’ambiente. Ci rispondono che loro sono abituati così". Ma batti e ribatti, un primo importante risultato forse è stato raggiunto. Alla prossima edizione del Rabadan di Bellinzona la plastica dovrebbe essere bandita. E probabilmente anche al Nebiopoli di Chiasso. "È da 11 anni che batto il chiodo su questo tema - spiega Jessica Bottinelli dei Verdi - . Finalmente in dicembre il Consiglio comunale sarà chiamato a decidere se effettuare un anno di test, un anno senza plastica monouso a Chiasso. La maggioranza della commissione comunale è favorevole".
Un obiettivo, questo dei party ecologici, di cui si discute da tempo. "La soluzione c’è. In diversi cantoni della Svizzera francese e tedesca – spiega Jennifer Schwarz, responsabile gruppo di Greenpeace Ticino - in occasione delle feste vengono noleggiati piatti e stoviglie di plastica riutilizzabile. Ma è importante innazitutto cambiare i nostri comportamenti da consumatori, orientandoci verso prodotti rispettosi dell’ambiente. Le possibilità esistono, tanto che a livello nazionale stiamo lavorando per sensibilizzare le grandi aziende alimentari per usare meno plastica possibile".
"È evidente – spiega Massimo Mobiglia, presidente del Wwf Svizzera italiana - che su questo fronte sia il Cantone che la Confederazione devono dare l’esempio. Siamo un Paese che può e deve fare di più. Persino alcuni Paesi africani hanno bandito le plastiche. Ma io direi che tutti devono lavorare a livello politico per evitare che la plastica non riciclabile venga utilizzata. D’altronde oggi esiste un ampio spettro di alternative di stoviglie prodotte con materiali riutilizzabili o riciclabili. Deve essere innazitutto la ragione e muovere i nostri comportamenti". Ma per ora poco è stato fatto. Anche se, va detto, diverse aziende pubbliche, come ad esempio l’Ente ospedaliero, sempre più utilizzano stoviglie e altro materiale non di plastica. Dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs), inoltre, fanno sapere che nelle mense scolastiche non si è mai usata plastica usa e getta, che invece viene ancora utilizzata, sostiene Okkio, in alcune case anziani.
Sempre a livello cantonale, spiegano dall’Ufficio gestione rifiuti, non esiste una normativa che vieti espressamente la plastica usa e getta, contrariamente a  fusti, bottiglie e contenitori di detersivi, vetro e latta che i Comuni sono obbligati a recuperare predisponendo punti di raccolta. "Non esistono dati precisi - spiega ancora Daniele Polli - ma secondo un nostro calcolo approssimativo è tra il 10 e il 20% della plastica che viene buttata ogni anno".
A livello nazionale vengono prodotti quasi 100 chili di rifiuti di plastica pro capite, cioè tre volte di più della media europea. Proprio l’Europa ha deciso di dire basta e ha elaborato una serie di misure: la messa fuori legge di prodotti come cotton fioc, cannucce, bastoncini per mescolare le bevande. La Commissione europea, inoltre, vuole poi ridurre in pochi anni i recipienti rigidi per alimenti. E alla normativa potrebbe anche allinearsi la Confederazione.

mspignesi@caffe.ch
04.11.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00