Dodici professionisti sul mercato e il lavoro che verrà
Immagini articolo
Gli artigiani, la Lia,
le regole in chiaroscuro
ANDREA BERTAGNI E ANDREA STERN


Dodici categorie, dodici artigiani, dodici pareri sul passato e il futuro. Sulla legge per gli artigiani, la Lia, e il lavoro che verrà. Un’istantanea con più sfaccettature quella che emerge dalle voci dei protagonisti, da chi lavora sui cantieri, e prova sulla propria pelle le contraddizioni di una normativa che è stata applicata frettolosamente e poi cancellata. "Con la Lia - spiega Gabriele Zecca, titolare della Punto ponteggi per l’edilizia a Quartino - non è cambiato nulla. Noi abbiamo pagato la tassa, ora vogliamo indietro i soldi perché prima di proporre una legge bisogna vedere se è fattibile. Quello che serviva davvero era un contingente per i frontalieri. Bisognava trovare un equilibrio, noi per lavorare abbiamo dovuto fare formazione, ottenere un diploma. Con che risultato?".
Nel frattempo il mercato procede in chiaroscuro. "Il lavoro? È meno di prima. Si fatica a trovare un incarico - dice Davide Schlub, pittore di Brissago - eppure la Lia era una bella idea, bisognerebbe riprovare, almeno ha dato un’immagine positiva a chi era iscritto all’albo. Prima  chi non poteva lavorare perché non era in regola qui non veniva, oggi è tornato a fare ciò che vuole". Secondo Rolando Filipponi, vetraio di Tegna, "le piccole aziende non sono state aiutate. E tutte le leggi non hanno portato benefici. Quello che bisognerebbe fare sono più controlli contro gli irregolari".
"A me la Lia ha fatto perdere un lavoro importante - racconta Salvatore Schipani, giardiniere di Riva San Vitale - perché chi mi aveva dato l’incarico voleva i documenti per vedere se io fossi in regola. Avevo spedito tutto a Bellinzona e ogni volta che sollecitavo mi dicevano che stavano controllando le carte. Il loro ritardo mi ha solo provocato guai".
Anche Nando Forte, gessatore di Bellinzona, la legge l’ha "odiata sin dal primo giorno. Per 18 anni ho lavorato con lo Stato e siccome non avevo tutto in regola, avevo piccole difficoltà, non mi hanno fatto più lavorare. Sono stati due anni buttati via. Fortunatamente molti clienti sono ritornati". Tiziano Marra, piastrellista di Bellinzona, punta il dito contro "quella inaccettabile montagna di documenti che doveva essere presentata per l’iscrizione all’albo. Ora che non c’è più la legge il lavoro è tornato". Secondo Giuliano Folisi, lattoniere di Lamone, "la Lia scremava le ditte non preparate, non era sbagliata. Però abbiamo pagato e abbiamo perso tempo. Ora qualcosa contro la concorrenza che arriva dall’Italia serve, portano i loro prodotti e li spacciano come svizzeri. Molti lattonieri sono italiani perché da noi ogni anno abbiamo appena 3 o 4 apprendisti e poi ci sono aziende incapaci che riempiono il mercato".
Sergio Cereghetti, titolare di una ditta di impianti sanitari a Villa Luganese, dice che la legge "era buona ma strutturata male. Le aziende artigiane ticinesi che da anni lavorano e vivono qui non avrebbero dovuto pagare. semmai il Cantone avrebbe dovuto chiedere una cauzione doganale alle imprese estere. Poi c’è la piaga delle ditte bucalettere, affidate ai prestanome e due ispettori non bastavano per controllare tutti i cantieri". Un aspetto, quest’ultimo, che mette in evidenza anche Christian Di Vito posatore di pavimenti a Bellinzona: "La norma non è servita, gli irregolari entravano comunque. Per il mio lavoro non è cambiato nulla".
Più positivo lo spazzacamino Paolo Cadenazzi, di Coldrerio: "La legge almeno metteva dei paletti mentre ora ci sono solo palliativi. Oggi la qualità è stata abbandonata, si gioca al ribasso con i prezzi tra le stesse imprese ticinesi. Servono regole precise". Erwin Moccia, falegname di Minusio, avverte: "La Lia ha aiutato comunque a gestire la situazione. Una situazione che va affrontata visto che ci sono gessatori a 15 franchi l’ora. Il problema non sono le aziende serie italiane ma l’illegalità che ora è tornata sul mercato". Per Fabio Ombelli, carpentiere di Melide, "la legge in teoria era interessante ma è stata pensata senza criterio da burocrati invece che da professionisti. Il lavoro? C’è. Grazie ai tassi ipotecari bassi si costruisce".

abertagni@caffe.ch
astern@caffe.ch
24.02.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Indonesia:
Giacarta,
la città
che affonda

Open Arms,
Salvini autorizza
lo sbarco
dei minori

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00