Le ricette contro gli effetti negativi delle vacanze di massa
Immagini articolo
Città assediate da turisti
'Qualità e nessun limite'
ANDREA BERTAGNI


Il paradosso del turismo. Mentre alcune città, come Lucerna, Interlaken, Barcellona e Amsterdam scoppiano di visitatori, in Ticino i pernottamenti non conoscono exploit da diversi anni. Lo scorso maggio la città sul lago dei Quattro Cantoni è stata presa d’assalto da 12mila cinesi. Un’invasione sconosciuta a Sud delle Alpi. C’è insomma chi non ne può più e chi invece va a caccia, cercando strategie per ritagliarsi una fetta di torta. Servono limiti? "Ma noi vogliamo attrarre un turismo di qualità - spiega Angelo Trotta, dallo scorso primo luglio direttore dell’Agenzia turistica ticinese - poi, se riusciamo a essere convincenti anche per altre fasce di vacanzieri ben venga".
Di sicuro nulla avviene per caso. Barcellona, ad esempio, è da anni, almeno da dopo le Olimpiadi del 1992, che punta in modo aggressivo a diventare una città attraente. Venezia invece soffre il fatto di essere unica al mondo. Amsterdam non sa più che fare: l’ultima mossa è stata quella di rimuovere la scritta "I Amsterdam" in centro. Troppi quelli che si facevano le foto lì. In Ticino  alcuni anni fa c’è stato il fenomeno delle "Maldive a pochi passi da Milano". Un’operazione di immagine inventata da alcuni youtuber meneghini, che forse ha creato più danni che vantaggi. "È stato un fuoco di paglia - annota Trotta - che non ha portato indotto, perché in pochi hanno soggiornato e sono andati al ristorante: inoltre non sono stati indifferenti i problemi di traffico e di rumori molesti".
Come uscirne dunque? Come si riesce ad attrarre senza essere invasi in modo molesto e senza un franco di ritorno? "Una buona strategia per il turismo giovane è sicuramente quella del marketing digitale - spiega Trotta - ma in Ticino siamo messi bene: abbiamo diversi eventi come il Moon and Stars, il Locarno Film Festival e l’Estival Jazz capaci di attrarre e incuriosire". Un’altra peculiarità della Svizzera italiana sono inoltre le attività sportive all’aperto. "Escursionismo e bicicletta sono attrattori importanti - prosegue il neo direttore dell’Agenzia turistica ticinese - ma in tutti i casi non assisteremo mai a fenomeni come quelli di Barcellona e Venezia". O quelli di Lucerna o Interlaken travolti da comitive di centinaia e centinaia di turisti.
In Ticino, invece, non esiste un problema tra densità turistica e spazio. Non ci sono, detto altrimenti, città e quartieri in grado di accumulare molti vacanzieri in spazi ridotti, come è il caso di Venezia e Barcellona. "Il che è una fortuna - prosegue Trotta - perché poi si innescano tutta una serie di conseguenze negative come il rincaro degli affitti in centro e gli schiamazzi notturni".
La barra a Sud delle Alpi è perciò ferma. Qualità, qualità e ancora qualità. Ecco la ricetta individuata da Trotta. "I risultati del primo semestre, che hanno attestato una crescita dei soggiorni rispetto all’anno scorso e ci posizionano sopra la media svizzera, sono positivi e ci lasciano ben sperare - afferma - ciò nonostante sono sempre prudente: sono davvero troppe le incognite dietro l’angolo potenzialmente capaci di rimescolare tutto". Una di queste è rappresentata sicuramente dalle condizioni meteorologiche. Da sempre una spina nel fianco per il turismo ticinese. "Io guardo però anche al corso del cambio euro/franco - precisa Trotta - in questi giorni, ad esempio, sta tornando sfavorevole: la mia speranza è che non possa rovinare troppo il trend positivo di quest’anno".
A non fermarsi saranno di sicuro le orde di turisti che continueranno a spostarsi da una parte all’altra del mondo. "Rispetto a 30 o 40 anni fa la tendenza globale è schizzata verso l’alto - spiega il direttore dell’Agenzia turistica ticinese - e secondo le ultime proiezioni si calcola che la crescita mondiale sarà almeno del 3% ogni anno".
A far lievitare la voglia vacanze sono soprattutto le classi medie asiatiche e sudamericane. La speranza del Ticino è quella di riuscire a intercettare un po’ di queste nuove masse "affamate" di posti nuovi, ma anche di cultura, relax e bellezze paesaggistiche.
abertagni@caffe.ch
11.08.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
06.07.2019
Alpe Pesciora/Bedretto - coordinate 681/151 - Predazione 3 pecore
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
A Hong Kong la rivolta
che cambierà la Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il tiranno Salvini
al ballo del Papeete
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Norvegia:
sparatoria
in moschea

Myanmar:
morti
e sfollati
per le alluvioni

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00