function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Voci, volti e slogan dal corteo in difesa dell'autogestione
Immagini articolo
La rabbia colorata
dei "molinari" in piazza
ANDREA STERN


Un’allegra, rumorosa e affollata passeggiata. Almeno cinquecento persone, anche giunte da altre città e dall’Italia, di ogni età e colore. Birra a fiumi. Fumogeni e petardi. Striscioni libertari. Qualche "cannetta". E soprattutto tanta voglia di gridare il proprio sostegno all’autogestione a Lugano. È andata in scena ieri, sabato 14 settembre, in perfetta tranquillità, sorvegliata discretamente a vista da un ampio dispositivo di polizia, la manifestazione organizzata dal Centro sociale autogestito (Cosa) dell’ex Macello "in difesa degli spazi liberati". Non si sa bene da cosa siano stati liberati visto che gli autogestiti presero possesso dell’ex Macello nel 2002, quando la macellazione degli animali era già stata abbandonata da quasi un decennio. A essere "liberato", tecnicamente, fu dunque uno spazio vuoto. Ai protagonisti di questa storia va tuttavia riconosciuto il merito di essere riusciti a dare un’anima a una struttura che difficilmente potrà ora essere "liberata" con un colpo di spugna.
"Ma agli inizi era un’altra cosa - dice Bruno Gianinazzi, uno dei fondatori del primo centro sociale autogestito luganese, nel 1996 agli ex molini di Viganello -. Agli inizi era davvero una realtà variegata, aperta a tutti, dove ognuno poteva dare sfogo liberamente alla propria creatività, senza condizionamenti di sorta. A Viganello avevamo uno spazio enorme, arrivavano migliaia di persone ogni sera. Arrivavano punk, persone con la pelliccia, era un centro davvero, ripeto, aperto a tutti. E non ci sono mai stati disordini". Dalle parole di Gianinazzi, ormai alla soglia della pensione, traspare una certa nostalgia per un tempo che non c’è più, che è passato sopra la storia della città e dei movimenti autogestiti. "Purtroppo con il trasloco è cambiato tanto - afferma -. Forse a causa della struttura più piccola, forse per le divergenze d’opinione... ma si è persa la pluralità". Quella pluralità che era probabilmente la forza e insieme l’anima del centro. Ciò non toglie, sottolinea Gianinazzi, che l’autogestione vada preservata, in qualsiasi forma essa sia. "Non si può immaginare che Lugano si privi di uno spazio libero". Uno spazio, aggiungono le ventenni Celine Keles e Shamsa Taha Nafei, accessibile a tutti. "A noi non piace andare in discoteca - spiegano le ragazze - e non potremmo permetterci di frequentare altri locali. L’ex Macello è ormai diventato la nostra seconda casa, ci sentiamo a nostro agio e poi non dobbiamo spendere un patrimonio ogni sera".
Al corteo tra il Cinestar e Piazza Molino Nuovo, con sosta in via Monte Boglia per lanciare petardi e fumogeni sotto la sede della Lega dei Ticinesi, hanno partecipato molti frequentatori abituali del centro autogestito, ma anche sostenitori provenienti dal resto della Svizzera e dall’Italia. Ricardo Rodriguez, Mickaël Béday e Hector Costadone arrivano dalla Romandia. Rappresentano tre generazioni. "Noi sosteniamo lo spirito libertario - dicono - ovunque esso si trovi. Appena abbiamo sentito che il centro autogestito di Lugano rischiava di chiudere abbiamo subito deciso di far sentire anche la nostra voce". Dalla Romandia, più precisamente da Losanna, arriva anche Omar "Kawa" Poletti. "Sono molto preso con gli studi - afferma - ma non potevo non dare il mio contributo in difesa dell’autogestione".
Tra i folti ranghi che hanno sfilato per Lugano si sono intravisti anche parecchi rappresentanti politici, tutti di sinistra. Dal coordinatore del Movimento per il socialismo Pino Sergi ai socialisti Marilena Renzi Antognoli, Chiara Orelli Vassere e Carlo Zoppi. I politici di destra, invece, sono stati presenti nei cori. "Borradori a testa in giù" o "Con tutti gli immigrati solidarietà, fuori i leghisti dalla città" sono stati tra gli slogan più spesso intonati.
Qualcuno, timidamente, ha però chiesto tra le fila che la si smettesse di andare contro, di attaccare gli avversari politici. "La nostra è una manifestazione per l’autogestione - ha detto una donna presente al corteo -, non contro chi non la pensa come noi". Va però detto che l’antipatia, se vogliamo definirla così, per le autorità si è limitata alle parole. La polizia, che aveva mobilitato circa duecento agenti tra cui alcuni provenienti dal Nord delle Alpi, è stata più volte "sbeffeggiata" ma non è mai intervenuta. Tutto insomma è filato liscio, come gli autogestiti auspicano fili anche il futuro del loro centro. L’unico, hanno rimarcato in molti, dove non vigono le leggi di mercato e dove chiunque può essere libero di esprimersi senza condizionamenti. Per chi ci crede, non è poco.
astern@caffe.ch
15.09.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La perenne infinita attesa
per l'attacco all'Occidente
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Tormentati e solitari,
animati dalla genialità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Thailandia:
nuove
proteste
a Bangkok

Piovono razzi
su Kabul.
Sospetti
sui talebani

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00