Ecco come coniugare le tendenze emerse nell'ultimo voto
Immagini articolo
Cassis insieme a Rytz?
Sì e non è fantapolitica
NENAD STOJANOVIC, POLITOLOGO UNIVERSITÀ GINEVRA


Mercoledì 11 dicembre i membri dell’Assemblea federale avranno il compito di eleggere sette consiglieri federali. Così vuole la Costituzione. Siccome tutti gli attuali membri del governo si ripresentano, di fatto si tratta di sapere se il Parlamento vorrà riconfermarli. Dal 1848 ad oggi, solo quattro membri del Consiglio federale non sono stati rieletti.
L’attuale livello di consensi di cui godono i Verdi è del 13,2%. Un seggio in Consiglio federale corrisponde a una quota del 14,3%. Il Ppd, con l’11,4% di consensi, ha un seggio. Il Plr, con il 15,1%, ne ha due. Il Ps idem, con il 16,8% di consensi. Ecco perché, da questo punto di vista, è ingiusto lasciare i Verdi a secco.
I Verdi hanno perciò deciso di attaccare, con la loro presidente Regula Rytz, il primo seggio Plr su cui si voterà l’11 dicembre, quello di Ignazio Cassis. Non attaccano l’altro membro Plr, Karin Keller-Sutter, perché non vogliono togliere il seggio a una donna. Ma Cassis è ufficialmente un rappresentante della Svizzera italiana e la Costituzione afferma che in Governo tutte le componenti linguistiche "devono essere equamente rappresentate". Anche Keller-Sutter, oltre ad essere donna, rappresenta la Svizzera orientale, e lo stesso articolo della Costituzione afferma che le varie "regioni geografiche" del Paese hanno diritto a un’equa rappresentanza.
Quindi che fare? Il problema sta nel numero dei consiglieri federali. È praticamente impossibile soddisfare tutti i criteri (partito, lingua, regione, sesso) se il numero rimane sette. Non a caso, negli scorsi anni il Parlamento ha dovuto pronunciarsi diverse volte sull’idea di aumentare il numero dei consiglieri federali a nove, ma non è mai stato possibile trovare una maggioranza favorevole.
Quindi che fare? Una soluzione elegante esiste. Rieleggere Ignazio Cassis ed eleggere Regula Rytz dei Verdi allo stesso tempo. È possibile? Certo. La parola magica è "job-sharing". Cassis e Rytz diventano consiglieri federali a metà tempo. Qualche precedente esiste. In diversi cantoni i membri dell’esecutivo lavorano a tempo parziale (Appenzello interno, Uri, Nidvaldo). Nell’esecutivo della città di Soletta alcuni membri sono a tempo pieno, altri a tempo parziale. Era questa la situazione, fino al 2013, anche nell’esecutivo della città di Bienne: c’erano 4 membri a tempo pieno e 4 a tempo parziale.
Ma come, direte, la Costituzione non afferma che i membri di governo sono sette? Certo. Ma con un po’ di creatività è possibile interpretare il relativo articolo costituzionale affermando che si tratta di 7 membri a tempo pieno, quindi in totale un’occupazione al 700%. Con la soluzione che propongo il livello di occupazione rimarrebbe lo stesso.
In ogni caso, il Parlamento è sovrano nelle decisioni che prende e non vi è alcuna sanzione giuridica se non rispetta alla lettera le disposizioni costituzionali. Esempio? L’applicazione solo parziale dell’articolo costituzionale sulla protezione delle Alpi e la non-applicazione dell’articolo contro l’immigrazione di massa. Entrambi sono stati accettati dalla maggioranza del Popolo e dei Cantoni, nel 1994 e nel 2014 rispettivamente. Questo è possibile perché la Costituzione (art. 189 al. 4) afferma che "gli atti dell’Assemblea federale (quindi anche le elezioni del Consigio federale, n.d.a.)… non possono essere impugnati presso il Tribunale federale".
Certo, il Parlamento ha un obbligo politico e morale di rispettare la Costituzione. Ci mancherebbe. (Non a caso ero dell’avviso che il non-rispetto dell’articolo sull’immigrazione andava sottoposto al popolo.) In teoria, il Parlamento potrebbe eleggere anche 9 o più consiglieri federali a tempo pieno. Ma in tal caso la violazione della Costituzione sarebbe palese e politicamente insostenibile. Nella soluzione che propongo non è così perché la percentuale totale corrisponde al carico di lavoro di sette consiglieri federali a tempo pieno.
Certo, sarebbe auspicabile se la possibilità di job-sharing venisse ancorata nella Costituzione. Ma perché non fare un esperimento e scomodare il Popolo e i Cantoni solo se vediamo che funziona e che non solleva opposizioni maggiori nell’opinione pubblica? Fra l’altro, i costi dell’operazione non aumenterebbero - o allora solo marginalmente - perché i due consiglieri federali a tempo parziale sarebbero pagati solo al 50% e avrebbero diritto soltanto alla metà dei collaboratori rispetto ai loro colleghi.
Rimangono alcune questioni da chiarire. Primo, che peso avrebbero i due nel collegio governativo? Avrebbero diritto a un mezzo voto oppure a un voto intero? Di principio, la prima soluzione non mi disturba. Sei cantoni su 26 hanno solo un mezzo voto nelle votazioni popolari che richiedono la maggioranza dei cantoni, e solo un voto nel Consiglio degli Stati (mentre i rimanenti 20 ne hanno due ciascuno). Non sarebbe quindi una rivoluzione nel sistema svizzero. Ma sarebbe forse poco elegante avere questa regola in seno all’esecutivo federale, perché potrebbe intaccare l’autostima e la dignità dei "mezzi" consiglieri federali rispetto ai loro colleghi. Perciò propongo che i due consiglieri federali al 50% abbiano un voto intero. In caso di parità deciderà il o la presidente della Confederazione (quindi ogni anno qualcun altro). Sarebbe una soluzione interessante anche perché renderebbe meno rigide le maggioranze in seno al collegio. Attualmente, per esempio, l’Udc e il Plr hanno sempre - sempre - la maggioranza assoluta (nonostante abbiano, insieme, soltanto il 40,7% di consensi). Se con il sistema attuale al posto di Cassis il Parlamento eleggesse la signora Rytz, la destra avrebbe tre seggi, la sinistra tre e il Ppd, al centro, uno. Il Ppd avrebbe così un potere enorme, ben al di sopra della sua (magra) quota di consensi. La soluzione che propongo sarebbe molto più equa per quanto riguarda il potere dei vari partiti e/o blocchi (destra, sinistra, centro) nel Consiglio federale.
L’ultima obiezione riguarda il fatto che un impiego al 50% di principio lascia libera la persona ad occupare il rimanente 50% nelle altre attività. Potrebbe però essere molto problematico avere un consigliere federale al 50% che esercita un’altra attività al 50%, per esempio - ne faccio uno a caso - come lobbysta presso Curafutura, l’associazione mantello di alcune assicurazioni malattia. Ma il problema può risolversi. Si potrebbero elencare le occupazioni problematiche. O dire ai dirett interessati: siete pagati molto bene anche al 50% (circa 240’000 franchi), una cifra che corrisponde a quello che i ministri di diversi cantoni guadagnano per un impiego al 100%.
24.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Un traguardo sociale
ma ancora non per tutti
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Arrestato
il presunto
aggressore
dell’Aja

Un trono
di soldi…
con lo scopo
di farne di più

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00