function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Commercio da reinventare a ridosso della dogana
Immagini articolo
La crisi sulla frontiera
che colpisce i  negozi
ANDREA STERN


Chiasso non si trova neanche un macellaio. Ma in compenso ci sono oltre una cinquantina tra parrucchieri ed estetiste. A Ponte Tresa non ci sono più negozi di alimentari. Non mancano però i bar. A Brissago invece resiste qualche chiosco e poco più. Oltre alle immancabili stazioni di benzina, che contraddistinguono il paesaggio di tutte le zone di frontiera. L’economia di confine fatica ma sopravvive. Lotta, cerca di mantenere le posizioni. Certo, qui, a cavallo tra Ticino e Italia, il business ha sempre ruotato attorno a quel concetto che gli esperti chiamano "le rendite di differenziale". In altre parole, si è sempre approfittato delle differenze di prezzo che rendono più attrattiva l’una o l’altra parte del confine. L’ideale, hanno suggerito in molti, sarebbe quello di ragionare attorno all’idea di regione insubrica. Ma è un’ipotesi difficile da percorrere perché bisogna fare i conti con le regole nazionali che invece di avvicinare le due parti della frontiera le allontanano. Così il commercio lungo la frontiera resta incastrato in mezzo a due economie che hanno velocità diverse.
Entrambe le velocità sono attualmente piuttosto lente. In Ticino il commercio al dettaglio ha registrato una buona progressione netta negli ultimi 10 anni, con 1.418 cessazioni e 1.670 fondazioni di attività ( 252), secondo uno studio Crif (azienda che si occupa di solvibilità delle imprese), eppure annaspa. Ma non è che nelle province di confine - come spiegano anche i negozianti nelle pagine successive del nostro Focus -  vada molto meglio. "Gli effetti negativi della crisi - nota Sergio Rossi, professore universitario di economia - si fanno sentire dalle due parti del confine". Con alcuni distinguo, che fanno pendere la bilancia del commercio di confine più da una parte che dall’altra. "In Ticino - afferma Rossi - è venuta a mancare una certa clientela italiana molto benestante spesso legata alle banche". Mentre nei supermercati italiani non mancano di certo i consumatori ticinesi.
E per molte persone, aggiunge Rossi, il supermercato italiano è un’ancora di salvezza. "Troppi ticinesi sono confrontati con una riduzione del potere d’acquisto - afferma l’economista -. Aumentano le spese, aumenta il costo della cassa malati, ma i salari restano fermi al palo".
Il Ticino invece offre forse solo la benzina al consumatore italiano che vuole risparmiare. Ma, tra tasse sul CO2 e avanzata delle auto elettriche, anche i distributori hanno un futuro incerto davanti a loro. "Dipende tutto dai fattori economici - nota Luca Bertossa, sociologo -. Ai tempi a Chiasso, per esempio, c’era una miriade di negozi di intrattenimento elettronico. Lo Stato italiano era molto protezionista nei confronti dei prodotti elettronici esteri. Quindi la gente veniva a comprarli in Svizzera. Gli stessi fenomeni potrebbero riproporsi. Ma dipende tutto dai prezzi". Gli unici prodotti per i quali i prezzi hanno un’importanza ridotta, aggiunge Rossi, sono quelli di consumo immediato. "Le gelaterie o le paninoteche resistono meglio - afferma -. Mentre i negozi di arredamento, gioielli o abbigliamento sono i primi a subire al concorrenza estera".
E qui si può fare poco. Certo, in Italia è stata introdotta la carta benzina per frenare l’esodo di automobilisti verso il Ticino. Oggi chi vive nella fascia di confine beneficia di uno sconto di 23 centesimi di euro al litro. Ma secondo Rossi si tratta di una soluzione inapplicabile al settore commerciale. "Sul piano teorico - osserva Rossi - si può immaginare una carta sconto per i consumatori ticinesi. Ma sul piano pratico penso sia impossibile. In Svizzera i costi sono molto alti e i margini di guadagno ridotti. Sarebbe difficile operare ulteriori sconti. L’unica soluzione per rilanciare i consumi interni sarebbe quella di intervenire sui salari, aumentandoli".
Oppure ingegnarsi. Mantenendo, come fanno molti, servizi di qualità, promuovendo i prodotti ticinesi (come si sta facendo) e articolando l’offerta cercando di sfruttare le possibilità che offre il commercio online che non conosce confini. Così gli stessi negozi "fisici" potranno reinventarsi.
astern@caffe.ch
15.12.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
07.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 19 ottobre 2020
05.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2020
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Cina, ovvero "Fabbrica"
per un mondo malato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tutte le ipotesi in campo
dopo la guerra più lunga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo, ambiente e clima
portano alla nuova umanità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Accordo
fra Israele e Sudan
per normalizzare
le relazioni

Repubblica Ceca,
ospedale da campo
contro il Covid-19
a Praga

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00