function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Dall'11 gennaio la pendemia ha ucciso 79 malati ogni ora
Immagini articolo
Ducentomila morti,
tragedia mondiale
MAURO SPIGNESI


Le prime, ancora incerte notizie erano arrivate in Europa l’11 gennaio, quando la Cina aveva confermato la morte di un paziente che aveva  contratto quella che era stata definita "una misteriosa polmonite virale". La notizia era giunta dalle autorità sanitarie di Wuhan che precisavano come il primo caso era stato registrato il 3 gennaio, aggiungendo che altre 41 persone erano ricoverate con sintomi simili alla prima vittima e sette di loro si trovano in condizioni gravi. Allora si era parlato di contagi avvenuti al mercato del pesce, poi di generiche trasmissioni del virus dai pipistrelli. L’Europa e l’America a gennaio andavano ancora a mille, l’economia di molti Paesi viaggiava sostenendo i listini borsistici. Dall’11 gennaio sono passati 105 giorni, in pratica tre mesi che hanno cambiato la faccia del mondo. Quella che era stata inizialmente definita "misteriosa polmonite" e che molti facendo spallucce avevano definito "una influenza", mentre l’Organizzazione mondiale della sanità diceva di non avere "informazioni sufficienti per valutare la gravità del rischio", era una "bomba" a orologeria pronta a esplodere.
E quando è scoppiata  ha travolto interi Paesi, chiuso in casa milioni e milioni di persone, e fatto una strage simile a una guerra. Sino a oggi il coronavirus ha provocato la morte di quasi 200mila persone, è andato avanti come una bestia oscura, silenziosa, traditrice. Ha ucciso in media circa 1.900 persone al giorno. In ogni ora di questo periodo che ha stretto in una morsa di paura e angoscia il mondo sono decedute in media 79 persone, più di una al minuto. Una diffusione sorprendente che ha preso tutti in contropiede, costretto le autorità sanitarie di mezzo mondo a rivedere la propria organizzazione, a mettere in piedi in fretta e furia un piano d’emergenza.
Nel mondo oggi si contano quasi tre milioni di casi. E se in Cina lo spettro del coronavirus ha diradato la sua immagine, in Europa e negli Stati Uniti, l’incubo è ancora ben presente. Ci sono Paesi, come la Spagna, dove la strage è continua: nelle ultime 24 ore ci sono stati 378 decessi e oltre 223mila casi. Il virus ha spento l’America, dove tra venerdì e sabato sono stati registrati 1.258 morti, che portano il dato complessivo a oltre 53mila, con una progressione impressionante di contagi, quasi un milione. In Gran Bretagna sempre in 24 ore ci sono stati 813 decessi nei soli ospedali e il totale è salito a 20.319; il virus ha ucciso quasi una media cittadina.
Anche dove è stato registrato il picco e la curva dei casi positivi ha cominciato progressivamente e lentamente a scendere, la vita ha ripreso in parte la sua normale routine, le autorità sono pronte a cambiare bruscamente strategia nel caso di una seconda ondata. D’altronde proprio ieri, sabato, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha precisato che per adesso non ci sono ancora prove che chi ha già contratto il coronavirus, una volta guarito non possa essere nuovamente reinfettato. Nessuno, dunque, in questa brutta storia è a rischio zero.
"Molti studi - ha spiegato l’Oms - hanno dimostrato che le persone che sono guarite dall’infezione hanno gli anticorpi per il virus. Tuttavia alcuni di questi hanno livelli estremamente bassi di anticorpi neutralizzanti nel sangue. Al 24 aprile 2020 nessuno studio ha valutato se la presenza degli anticorpi da Sars-CoV-2 possa dare immunità ad una successiva infezione nell’uomo". L’unico modo per ripartire è il vaccino. "Che - ha spiegato l’Oms - nascerà da una storica collaborazione fra Stati". mspignesi@caffe.ch
26.04.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00