Luciano Giudici
Immagini articolo
'Io nella corrente liberale
ma mio padre era fabbro'
STEFANO PIANCA


Se è sempre stato lontano - con un certo sospetto e fastidio - dalla corrente dominante, sarà anche per essere riuscito a smarcarsi da un certo determinismo fin da giovane. "Una volta agli amici radicali che mi punzecchiavano sul mio essere di destra ho risposto: Di tutti voi, io sono forse l’unico ad aver visto il proprio padre lavorare con le mani".
Per capire l’avvocato Luciano Giudici, nato a Locarno 77 anni fa, è forse illuminante partire dalla sua famiglia: "Mio papà - racconta l’ex consigliere nazionale del Plrt al Caffè - era un uomo molto intelligente, ha fatto il fabbro perché il nonno aveva un’officina. Ho visto i suoi libretti scolastici e avrebbe potuto benissimo studiare come ha voluto che facessi io".
Il martello che lui, metaforicamente, ha sentito più volte risuonare è stato invece quello dell’aula penale, che lo ha visto protagonista a più riprese. Dapprima, dal 1970 al 1975 come procuratore pubblico, poi come avvocato penalista. Ma tutti, ancora oggi, e sono passati ormai quindici anni, lo ricordano nel  ruolo di procuratore pubblico straordinario per il caso Cuomo-Verda. Giudici contro il giudice Franco Verda in un processo che terminò, nel giugno 2001, con la condanna per corruzione passiva dell’allora presidente del Tribunale penale. "Il ricordo più vivido è legato al momento della mia chiamata a Bellinzona da parte dell’allora consigliere di Stato Luigi Pedrazzini. Il quale, sommariamente, mi aveva indicato che c’era la necessità di un procuratore pubblico straordinario per indagare su dei magistrati ticinesi. Il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) esigeva infatti che fosse qualcuno al di fuori della magistratura in carica. Mi ricordo benissimo quel giorno, quando davanti al governo in corpore mi venne indicato lo scopo dell’inchiesta. Sempre allora un rappresentante del Mpc mi consegnò un fascicolo, relativamente piccolo, che conteneva trascrizioni di intercettazioni fatte dall’autorità italiana. Dalle quali trasparivano elementi preoccupanti".
In quell’occasione si discusse anche se comunicare subito al Gran consiglio chi erano le persone coivolte. "Io proposi che i nomi fossero detti, anche per evitare che si scatenasse un putiferio dentro il Palazzo di giustizia. Feci giuramento e subito corsi a Lugano per comunicare ai magistrati l’avvio di questa inchiesta bernese". La reazione fu variabile "dalla sorpresa all’arrabbiatura di Verda". È l’inizio di un impegno totale: "Per un anno, in pratica, ho fatto solo quello. Ma ricordo che uno dei motivi che mi spinsero ad accettare l’incarico fu il fatto che se il governo non avesse trovato un ticinese, il Ministero pubblico federale avrebbe lui stesso indicato un magistrato di un altro cantone. Mi sembrava veramente offensivo che il Ticino potesse venir messo quasi sotto tutela. E così accettai".
Di quel processo ormai archiviato, a ceneri del tutto o quasi fredde, quale eredità rimane, chiediamo a Giudici. "Attraverso l’inchiesta e poi il processo, che fu pubblico, si comprese che il caso era individuale e non c’era una malattia della magistratura. Io penso - sottolinea l’avvocato - che sia servito a chiarire, specialmente tra l’opinione pubblica ma anche all’interno del potere giudiziario, che il magistrato deve avere un comportamento coerente. Anche riguardo alle relazioni private. Di per sé non punibili, ma inopportune". Agganciandosi alla stretta attualità, e in generale, a proposito del rendere pubblici i nomi di persone sotto inchiesta, Giudici ha un’idea precisa: "Quando si tratta di fatti gravissimi e sufficientemente accertati, il nome sembra inevitabile farlo. Naturalmente nei casi indiziari è necessaria una prudenza a sottolineare la presunzione d’innocenza. Sono contrarissimo ai processi che vengono fatti in televisione quando ancora i prevenuti sono a giudizio. Una spettacolarizzazione pericolosa. Ma non è la nostra realtà".
Spenti i riflettori sul Ticinogate, Giudici tornò a fare l’avvocato e vennero altri casi importanti.  "Calando però l’impegno con gli anni. Perché fare il penalista richiede molto anche dal profilo fisico. Il mio ultimo dibattimento importante è stato quello di BancaStato nel 2006. Alcuni processi,  quelli difficili e contrastati, consumano molto. Ho visto morire in aula a Locarno l’avvocato e sindaco di Lugano Paride Pelli. Colpito da un infarto. Io ero il procuratore di quel processo e lui difensore. Mi lasciò un’impressione indelebile. Si trovava al banco della difesa e stava per replicare. Ebbe ancora la forza di alzarsi e dire al presidente Gastone Luvini che si sentiva male. Poi stramazzò".   
Il ritratto di Luciano Giudici sarebbe parziale senza puntare i fari sugli importanti ruoli politici. Per vent’anni in Gran Consiglio e per quattro, dal 1983 al 1987, a Berna come consigliere nazionale. All’interno del Plrt era posizionato nell’ala liberale. Anche se... agli inizi le premesse erano altre. "Fu una passione sbocciata al liceo, senza nessuna tradizione di politica attiva in famiglia. Nei Giovani liberali, di cui fui presidente, ero partito su posizioni piuttosto radicali. Nel senso che allora l’intervento dello Stato mi appariva necessario e importante, non solo per le classi bisognose ma anche in economia. Era il clima di allora. Dopodiché  ci fu la parentesi in magistratura e siamo ormai a metà degli anni Settanta. È allora che mi sembrò importante contrappormi al comunismo e al marxismo come sottofondo ideologico. Mi schierai contro la corrente dominante, quel mainstream che aveva attecchito in una parte del nostro partito. Sono gli anni del Psa e, nonostante la stima personale nei confronti di Pietro Martinelli, io facevo una netta opposizione, e quindi anche politica, a quell’ideologia. Del resto mio padre era un artigiano, non avevo da difendere il punto di vista dei ricchi", ricorda Giudici.
Nel contesto di questa contrapposizione, che era particolarmente acuta all’interno del mondo della scuola, lui si schierò "con la parte anti-marxista, più che di destra. Per intenderci ero dalla parte di Aron e non di Sartre", ricorda. È il periodo, ricorda, di quando la "gauche" sintetizzava l’antitesi nel detto: "Plutôt avoir tort avec Sartre que raison avec Aron". Oggi sono sparite le ali, forse perché si vola francamente più basso. E comunque il ricompattamento, all’interno del Plrt c’è stato: "Penso che Rocco Cattaneo, venuto dall’esterno ed estraneo alle famiglie politiche, ha svolto un ruolo pragmatico e la sua presidenza è stata utile a smussare le precedenti contrapposioni. Ha ricompattato. Adesso però bisogna che si discuta, per esempio, su questioni concrete come l’Europa. Ed avere una linea chiara. I tempi del fervore europeista sono passati, adesso la comunità europea realizzata ha deluso su aspetti come la gestione migratoria o la stessa moneta unica. Si è perso un certo senso storico dei Paesi che compongono l’Ue e io sono scettico".

spianca@caffe.ch
@StefanoPianca
27.11.2016


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe