Elisabetta Sgarbi
Immagini articolo
"È giusto per un editore
perseverare negli errori"
ALESSANDRA COMAZZI


Elisabetta Sgarbi è una donna assai bella, elegante, non teme i colori, gira film e documentari, ha fondato la Milanesiana, "laboratorio di eccellenza" di letteratura, cinema, musica, arte, scienza, filosofia. Il suo progetto è quello di far incrociare saperi e arti diverse, un po’ come fa lei, che si può a buon diritto considerare un bell’esempio di eclettismo. È stata direttore editoriale della Bompiani fino al novembre 2015, poi hai intrapreso una via coraggiosa e controcorrente, fondando una casa editrice nuova, La Nave di Teseo, libera nelle scelte e indipendente. Fondata dagli autori: Umberto Eco, Sandro Veronesi, Edoardo Nesi, Furio Colombo, Sergio Claudio Perroni; dagli editori: la stessa Sgarbi, Mario Andreose, Eugenio Lio, con il supporto di un gruppo di imprenditori e rappresentanti della società civile e degli editori Nicky e Jean Claude Fasquelle. La sessantenne Sgarbi è direttore generale e editoriale. "Sento la bellezza delle cose nuove e grandi - dice -. In un solo anno di vita, anzi meno, la Nave di Teseo ha raggiunto una quota di mercato ragguardevole, inimmaginabile all’inizio di questo viaggio. Abbiamo dato forza a autori bravissimi, come Elena Stancanelli, finalista al Premio Strega; non c’è stata settimana in cui non siamo stati in classifica. Da Bompiani ero un direttore editoriale, e ho dato moltissimo, basti vedere quanti e con quanto accanimento la volevano".
Un via nuova, intrapresa  per mantenere autonomia, e non accettando che Mondadori e Rizzoli fossero ormai un gruppo unico. "In nessun Paese al mondo un gruppo editoriale ha il 35 per cento del mercato - ribadisce -. Ci sono editori più grandi di Mondadori e Rizzoli, ma sono transnazionali, si confrontano, in ciascun perimetro linguistico con concorrenti paritari. Si aggiunga a ciò che in Italia i grandi gruppi dispongono di tutta la filiera editoriale, dalla produzione alla vendita. E questo crea enormi squilibri. Non volevo essere complice di un sistema che non condivido; una scelta. La vita è fatta di scelte". Umberto Eco, che, com’è noto, è stato con la Sgarbi uno dei soci fondatori della Nave di Teseo, è morto poco tempo dopo. Al di là della perdita oggettiva, umana e letteraria, un problema per la nuova realtà industriale e intellettuale. "Quando scompare una persona come Eco è un problema per la comunità intera. La casa editrice - Eco amava ribadirlo - non era fondata da lui e su di lui, ma con lui. Non poter lavorare con lui è la perdita più grave della casa editrice".
Il comparto industriale dell’editoria è, in proporzione, quello che ha perso in questi ultimi anni il maggior numero di posti di lavoro. Su come una nuova casa editrice possa contrastare la crisi, Sgarbi ha idee ben precise: "L’anomalia della situazione italiana è che bisogna sperare che Mondadori vada bene. Se inizia a perdere quote di mercato, sarà un problema per tutta l’editoria, per tutto il sistema, librerie comprese, anche dal punto di vista degli impieghi nel settore. Insomma dovremmo lavorare tutti perché la Mondadori vada bene". Sgarbi non sottovaluta la fusione anche di altri grandi gruppi editoriali, come L’Espresso-Itedi. "Non è che io sia contro le concentrazioni, ma ci sono soglie che vanno rispettate per il bene del mercato - spiega -. Le sinergie vanno cercate, è un mercato molto difficile e instabile. È evidente che il mercato si sta riconfigurando: Mondadori non poteva certo alzare barricate contro la fusione Stampa-Espresso-Secolo XIX, visto che era sotto osservazione dall’autorità antitrust. E ‘Il Corriere della Sera’ stava andando verso l’editore Cairo. Ma mi sembrano in sostanza gruppi omogenei per potere. Diverso è il tema delle case editrici".
Più stimolante, per Elisabetta Sgarbi parlare dei suoi prossimi progetti editoriali, di chi le interessa pubblicare. "A gennaio - rivela - pubblicheremo il nuovo romanzo di Mauro Covacich, ‘La città interiore’. Bellissimo". E a proposito del suo eclettismo, non va dimenticato che è anche regista. "A Torino, al Festival, il 24 novembre, presenterò un lavoro cui tengo molto, su Romanino in valle Camonica, iniziato nel 2012 con Giovanni Reale. Avrà i testi di Luca Doninelli, e la voce di Toni Servillo. Si intitola ‘La lingua dei furfanti’".
E se la televisione, come disse Karl Popper, è spesso considerata "cattiva maestra", può ospitare anche cose belle. Lo dimostrano proprio alcuni lavori della Sgarbi in versione regista, come "Quiproquo", presentato al Festival del cinema di Venezia, e poi trasmesso da Rai 5. Dopo, è andato in onda molto altro. "Tutti i lavori sul fiume Po, sulla Resistenza nel Polesine, ad esempio - ricorda Sgarbi -. Recentemente è andato su Rai Storia ‘Per soli uomini’. I miei film sul Delta del Po sembravano film inattuali , fuori dal tempo, e invece oggi sono più che mai dentro il contemporaneo e la nostra vita, persino della cronaca. Non amo generalizzare e non lo faccio sulla televisione, che guardo. Se non si è in grado di vedere le differenze, non si è intelligenti". Elisabetta Sgarbi, tra l’altro, ha partecipato a un talent show televisivo dedicato agli scrittori, ‘Masterpiece’, ma non sembra propensa a ripetere un’esperienza simile, magari su un’altra rete: "Penso che tutto si possa fare, ma in modo radicalmente diverso". Preferisce parlare della Milanesiana, il ‘laboratorio di eccellenze’ da lei fondato. "È la mia idea di sapere, di cultura, live, che ha la durata di 21 giorni". Sul suo sito viene definita "laboratorio delle eccellenze". Ecco di nuovo la parola laboratorio. Sgarbi sembra credere molto nella necessità non soltanto di trovare talenti, ma poi di non abbandonarli, anzi di coltivarli e valorizzarli. "Ma certo. Si può sbagliare, ma l’editoria è uno di quei luoghi in cui, spesso, perseverare negli ‘errori’ è la cosa giusta da fare. È facile credere in un autore quando l’autore va bene. Bisogna crederci anche quando le cose non vanno bene. A volte la situazione contingente non lo permette, a volte l’autore stesso non lo permette. Ma in linea di principio credere nel proprio istinto è una legge non scritta. La Milanesiana - essendo svincolata da condizionamenti esterni - è un luogo di assoluta libertà. E quindi di ricerca. E  spero si avverta". Aggiunge una considerazione a proposito della Svizzera: "Mi muovo spesso tra Locarno, Lugano, Mendrisio, cui mi legano amicizie e naturalmente il Festival del Cinema. Una mia aspirazione è gettare un ponte - che non sarebbe neppure troppo difficile da edificare - tra La Milanesiana e alcune realtà culturali svizzere. È una apertura verso il nord Europa che penso potrebbe essere fruttuosa".
Inevitabile chiederle com’è il rapporto con suo fratello, Vittorio Sgarbi, critico e storico dell’arte, molto conosciuto per le sue polemiche sviluppate proprio in televisione: "Il rapporto è ottimo. Gli voglio bene come a un fratello".
15.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe