Leo Gullotta
Immagini articolo
"Se dalla vita ricevi
alla vita devi restituire"
ALESSANDRA COMAZZI


Leo Gullotta, un altro grande attore siciliano: nato a Catania, ha compiuto 71 anni il 9 gennaio, proprio durante la tournée che sta realizzando con la commedia di Noël Coward "Spirito allegro", regista Fabio Grossi, che resterà in scena al Teatro Carcano di Milano fino al 19 febbraio. L’attore era il sesto figlio di un papà pasticcere. "Sono sempre stato un ragazzino curioso, e lo sono ancora - ricorda -. Ho cominciato a recitare giovanissimo, e giovane ero già in scena con Stasera si recita a soggetto di Pirandello. Non ho più smesso, ma dopo dieci anni con Turi Ferro ho pensato che un attore deve guardare, incamerare, per migliorare. Ho fatto cabaret, ho scoperto i muscoli facciali e un genere". Fino ad arrivare al Bagaglino. Che era teatro, compagnia e poi divenne spettacolo televisivo. Andando in video per 22 stagioni, sempre con la regia di Pierfrancesco Pingitore, cominciando nel 1987: lo show era Biberon, sulla prima rete Rai. "C’ero io e c’erano Oreste Lionello, Pippo Franco, Gabriella Ferri. Entravamo nelle case degli italiani con grande affetto, e l’immaginario del pubblico fu molto colpito. Arrivavano i politici, con loro si rideva e si giocava, ma gli unici realmente spiritosi furono Giulio Andreotti e Calogero Mannino. In Italia restò famosissimo il momento in cui invitavamo l’ospite politico di turno a tirarsi una torta in faccia. E l’invito veniva accettato. Il re era davvero nudo. Cercavamo di far ridere, e spesso ci riuscivamo, ma il nostro era un lavoro duro, durissimo. Tutto scritto. Copioni, pagine. Certo, l’improvvisazione ci poteva anche stare, ma l’improvvisazione funziona quando c’è, introiettato da ognuno, un canovaccio ben chiaro di battute, interventi, codificazioni di personaggi. E furono milioni di spettatori".
Se chiudi gli occhi, ti sembra di sentir parlare Woody Allen. Nei film in lingua italiana, naturalmente, dopo Oreste Lionello, da anni gli dà voce lui. E Gullotta ha doppiato Allen nella prima serie diretta e interpretata dall’attore-regista americano, prodotta da Amazon. "Sì, si intitola Crisi in sei scene, e racconta gli anni che precedettero il ‘68 - spiega Leo -. Un racconto indagatore tra finti intellettuali e studenti-pantera, molto sociale, un linguaggio nuovo per Allen. È bello andare avanti ed evolversi. Sempre restando, come ritengo che lui sia, e come mi ritengo io stesso, buoni artigiani dello spettacolo". Così l’attore siciliano intende il suo lavoro. E fa l’esempio di Spirito allegro dell’inglese Noël Coward. "L’autore scrisse la commedia nel 1941, in piena guerra: voleva esorcizzare la morte. Noi la riproponiamo adesso, in questi tempi tristi, rissosi e incerti, per esorcizzare il pessimismo, la negatività. Viviamo in un’epoca spaurita, e invece dobbiamo uscire di casa, lasciare internet per qualche ora. È una medicina per la mente, una bella edizione, elegante nelle scene e nei costumi; una commedia ispirata ai film di  Lubitsch. Ci sono equivoci, ambiguità, tutto espresso in un gioco aperto con il pubblico". Una bella casa, una seduta spiritica, una prima moglie defunta che, evocata, non se ne vuole più andare. "Faccio questo lavoro da 54 anni, e son contento. Ho lavorato con  Salvo Randone, Enriquez, la Moriconi, Glauco Mauri: la lezione più forte che ne ho tratto è che bisogna cercare di essere persone perbene".
In gennaio è uscito nelle sale L’ora legale, il nuovo film di e con Ficarra e Picone: "Mi piacciono molto, puntano l’osservazione umoristica verso il sociale. È la storia di un paesino, con due candidati sindaci. E io sono il prete del paese, simpatico e curiosetto. E pure proprietario di un bed&breakfast". Ancora Sicilia, quindi, dopo la sua partecipazione alla fiction Rai Catturandi, diretta da Fabrizio Costa. Tutta l’isola era protagonista, tra palazzi storici, città, entroterra. Nel cast Massimo Ghini, Alessio Boni, Anita Caprioli, il palermitano Vincenzo Amato, Ranieri Monaco di Lapio. "Io interpretavo un avvocato - ricorda Gullotta - impegnato ad aiutare Alessio Boni, mentre il capo era Massimo Ghini, che doveva contrastare una complicata operazione della criminalità organizzata. Ci sembrava giusto far conoscere meglio il lavoro così difficile di queste persone che rappresentano lo Stato e la giustizia. È stato un esperimento anomalo, un modo per ridare alla televisione il suo ruolo educativo, che è importante".
Un attore talmente poliedrico da essere pure diventato protagonista del libro di Elvia Gregorace, "Mister Gullotta, Leo My Huge Pumpkin". Curioso titolo, Leo Grande Cocomero. "L’autrice mi faceva domande, io rispondevo, è venuto fuori un racconto particolare, il grido di dolore dei giovani verso una società che si rifiuta di considerare le loro qualità. E intanto questi ragazzi non possono farsi strada se non dicendo ‘mi manda Picone’. Non va bene. Per questo credo che un po’ di ‘Spirito allegro’ sia un balsamo".
E cioè: che succede se per casa comincia a girare un fantasma? E se i fantasmi diventano inaspettatamente due? C’è una sola via per saperlo: seguire le poco rassicuranti vicende di Charles Condomine, così come ci vengono raccontate da Coward nella commedia. "Nella sua autobiografia  lo scrittore  racconta di averla composta in soli sei giorni durante una vacanza nel Galles e non c’è motivo di non credergli - rivela -. Il successo dello spettacolo fu epocale, sebbene il debutto nel West End non fosse stato entusiasmante. Era il 1941, anno di guerra, e a molti sembrò di cattivo gusto parlare di morti e di fantasmi. Ma i trapassati di Coward erano così travolgenti che, dai e dai, ebbero la meglio sulle mutrie. Risultato: 1997 recite filate. Un record. Ci sono equivoci, ambiguità, un gioco aperto con il pubblico. E la traduzione di Masolino d’Amico è giustamente elegante e raffinata. Insomma, mi dà soddisfazione davvero, in questi tempi di crisi e di tristezza, aiutare gli spettatori a sorridere".
Gullotta parla senza problemi della sua omosessualità, ammettendo semplicemente al Maurizio Costanzo Show "Ho fatto coming out semplicemente, quando me l’hanno chiesto. Anni fa, in conferenza stampa, alla presentazione del film Uomini uomini uomini mi domandarono se fossi gay e ho risposto di sì. Ricordo ancora che durante il Gay Pride del 2000 a Roma sono salito sul palco e ho detto: eccomi, sono l’unico uomo di spettacolo gay. Che paese ipocrita l’Italia". L’attore lancia anche un messaggio ai genitori dei ragazzi omosessuali: "Non vi dovete vergognare di nulla. I vostri figli sono persone con sentimenti. Bisogna vergognarsi solo di chi spaccia o è mafioso". Gullotta ci tiene a terminare il colloquio sottolineando un principio che, nella sua esistenza, assicura di aver sempre seguito, con soddisfazione: "Se dalla vita hai ricevuto, alla vita devi restituire".
12.02.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Gli imprevedibili
soldati del Califfo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
20.06.2017
Pubblicata la statistica finanziaria "i conti dei comuni nel 2015"
14.06.2017
Pubblicato il nuovo sito tematico "Circonvallazione Agno-Bioggio" [www.ti.ch/circonvallazione]
14.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2017
07.06.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 giugno prossimo
07.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
06.06.2017
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2016 [www.ti.ch/aria]
02.06.2017
Modifica calendario tiro obbligatorio 2017
02.06.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato il nuovo dossier sull’artigianato in Ticino.
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan,
4000 soldati
USA
in arrivo

Colonia,
musulmani in marcia
contro
il terrorismo

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch