Leonardo Pieraccioni
Immagini articolo
"Il dare e avere a teatro
non lo vivi in televisione"
ALESSANDRA COMAZZI


Leonardo Pieraccioni, alle spalle tanti film di successo, dai Laureati, racconto di una generazione, quella degli allora trentenni, al Professor Cenerentolo, dal Ciclone al Paradiso all’improvviso, è adesso in tournée con uno spettacolo che si intitola semplicemente "Tour", e che l’attore-regista condivide con Carlo Conti e Giorgio Panariello. Sono nati tutti e tre a Firenze, Panariello nel 1960; Conti nel 1961; Pieraccioni nel 1965: amici da sempre, sempre così si raccontano. Ma sarà proprio vero? Risponde Pieraccioni: "Come faremmo a fingere una cosa del genere? Siamo amici ma non siamo un trio, lavoriamo insieme soltanto quando lo decidiamo e ci troviamo per il piacere di farlo. Perché tra noi non c’è solo amicizia, c’è reciproca stima professionale. Siamo tre battitori liberi che si divertono, anche in scena. Ce la godiamo. E il pubblico lavora di mascella, se la ride. Certo, a ben pensare: lavorano di mascella sì, ma quando ci sono io ridono, quando c’è Giorgio sbadigliano".
I tre si prendono molto in giro, si stuzzicano anche durante lo show. "Quando ho saputo - dice Pieraccioni - che Carlo farà anche lo Zecchino d’oro, ho pensato che a questo punto è certa pure una sua prossima collaborazione alla Sagra della ficattola di Pistoia. Che esiste davvero, sapete, e non soltanto a Pistoia, essendo la ficattola una pasta fritta dolce o salata tipica toscana. Il nostro spettacolo, che ha debuttato nel settembre scorso all’Arena di Verona, scritto insieme con Riccardo Cassini, Walter Santillo e Fabrizio Testini, è legato all’attualità, e quindi è in continuo divenire. Non è un lavoro di improvvisazione. C’è un testo scritto, abbiamo un copione, un canovaccio, con delle finestre nelle quali mettiamo quello che accade all’ultimo momento. O parliamo del luogo dove siamo. Ci siamo molto divertiti a scriverlo, dopo vent’anni dall’esperienza di Fratelli d’Italia: scrivere insieme era uno spettacolo nello spettacolo. La prima stesura, vi assicuro, durava 7 ore e 25 minuti, abbiamo tolto i 25 minuti. E ci resta materiale per i prossimi 40 anni. Tutto è nato quando abbiamo festeggiato insieme il compleanno di Francesco Nuti: siamo saliti sul palco e abbiamo capito che lo spirito ero lo stesso della gioventù. Come quando il fidanzato dà alla donna amata l’anello. Complice il produttore Salzano, abbiamo richiesto l’un l’altro di sposarci un’altra volta".
I colleghi gli dicono che è molto immaginifico, d’altronde lui fa cinema, parla per immagini. Pieraccioni precisa: "Sto dicendo che il cinema è una bellissima lettera d’amore, il teatro, invece, è come darsi un bacio. Io non facevo teatro da 16 anni, sicché fate voi. Invece Panariello di teatro ne ha fatto tanto, Giorgio bacia più frequentemente, in effetti, deve fare attenzione alla mononucleosi. Se ‘Il Tour’ si vedrà anche in tv? Come dice Carlo, è uno spettacolo teatrale che sì, potrebbe andare anche in televisione. Ma per adesso non ci pensiamo affatto. Ci divertiamo troppo a riempire i palazzetti. Ed è una soddisfazione personale enorme, questo dare e avere continuo con il pubblico".
Quanto è importante la fiorentinità, nel suo lavoro? "Il nostro non è un dialetto, è un vernacolo che sta simpatico. Sempre se non ci si prende troppo sul serio. Di questi tempi, mi chiedono spesso se Renzi ci ha condizionato in qualche modo. Ma noi s’era fiorentini prima di lui. Comunque, certo che c’ha condizionato. Io quando ho visto questo fuoriclasse dell’intrattenimento, ho pensato che ci stracciava. Ha parlato per quattro giorni di fila alla Leopolda, anche quando non c’era nessuno, sono andato a controllare. Mi son detto: questo ci stronca. Prima c’era solo Grillo, ora anche lui. Voleva venirci a dare una mano in palcoscenico, ma facendo le parti di tutti e tre. Carlo si è molto preoccupato quando prima di Sanremo gli ha mandato un telegramma: ‘Stai sereno’. Certo, ha una marcia in più: peccato che la marcia non gli entra".
Leonardo Pieraccioni ha una figlia piccola, Martina, cui è legatissimo. Si dice che a Torino ebbe una fidanzata. "È venuta a vedermi, ma col marito, lui non deve sapere che siamo amanti". Commento di Panariello: "Occhio, che tutte le donne accompagnate potrebbero essere state fidanzate sue: Leonardo il bello".
14.05.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch