Daria Bignardi
Immagini articolo
"Non si può pensare
solamente  agli ascolti"
ALESSANDRA COMAZZI


aria Bignardi, giornalista, conduttrice, scrittrice, nata a Ferrara, 56 anni, è responsabile di Rai3, una delle poche donne a ricoprire ruoli dirigenziali nella tv di Stato italiana. Preferisce essere definita direttore, "direttrice mi ricorda quella delle elementari, piuttosto arcigna". Chissà se in questo ruolo è facile o difficile realizzare i programmi in cui si crede. "È difficile e faticoso. Per una serie complessa di motivi, che hanno a che fare con la burocrazia ma anche col contesto interno ed esterno alla Rai, non è detto che si possa sempre realizzare quel che si vorrebbe come lo si vorrebbe né che si abbia il tempo che servirebbe per rodare un progetto. Quando ci si riesce, si è doppiamente contenti". La missione di Rai3 è soprattutto raccontare la realtà, con diversi linguaggi. "Non ho un’idea astratta di tv: ho cercato di innovare e prendermi cura; in qualche caso ci sono riuscita meglio, in altri meno. Rai3 ha una programmazione squisitamente da servizio pubblico, in tutti i suoi programmi storici, da Ulisse a Chi l’ha visto? a Fazio a Mi manda Rai3 alle inchieste di Riccardo Iacona e Report ai programmi informativi di Lucia Annunziata e Gerardo Greco. E poi ci sono le tante cose che abbiamo fatto senza pensare agli ascolti, come Fuocoammare di Francesco Rosi in prima serata. Servizio pubblico è anche fare i salti mortali per acquisire velocemente i diritti di un film. O ricordare Paolo Poli a un anno dalla sua morte. E una serie come quella sui ragazzi malati del Bambino Gesù si sarebbe potuta fare solo sul servizio pubblico". Avrà dei programmi che le stanno più simpatici. "I neonati hanno bisogno di più attenzioni. Le corazzate navigano già sicure, serve solo fiducia e libertà, come i figli grandi. Ma si vuol bene a tutti. Le madri non fanno preferenze tra i figli".
Bignardi aveva esordito sulla rete che ora dirige collaborando con Gad Lerner a Milano Italia, poi è passata a Mediaset, conducendo da studio la prima e la seconda edizione del Grande Fratello, e poi ancora è stata a La7 con Le invasioni barbariche, dove spiccavano le interviste definite, per l’appunto "barbariche", pungenti. E intanto ha cominciato a scrivere libri, il primo fu, nel 2009, "Non vi lascerò orfani", una storia di famiglia che è anche una storia d’Italia. Personalità forte, come tutte le personalità forti può piacere molto ma anche no. "A volte mi chiedo se è meglio dirigere una rete, fare un’intervista, o ideare un programma: fare un’intervista è più facile, basto io, o quasi. Un programma o una rete li si costruisce in tanti". Lei che ha condotto il Grande Fratello degli esordi, quando il proto-reality era considerato un esperimento sociologico più che un programma, sarà pentita, visti i danni provocati nel tempi dai reality? "Non sapevamo bene cosa fosse allora, solo che era un genere completamente nuovo, che cambiava il modo di fare tv. Non credo abbia poi fatto tanti danni. I danni li fanno solo i programmi brutti. Non c’è un genere nobile e uno ignobile, ci sono solo programmi curati e non".
Chissà se conta saper scrivere nel fare tv. "Non so se conta. E quando faccio tv non scrivo: o fai una cosa, o l’altra. Avevo quasi terminato un libro una settimana prima che Campo Dall’Orto (il direttore generale della Rai,  prima della nomina negli scorsi giorni di Mario Orfeo, ndr) mi chiedesse di dirigere Rai3. È rimasto lì e non ho più scritto una riga, anche se mi accorgo che ha lavorato dentro, come un fiume carsico. Sarà interessante capire cosa è successo a quella storia, quando la riprenderò. La Rai è un’azienda complessa, che ne ha viste tante. È un miracolo se con tutti i paletti che ha e i condizionamenti che vive riesce ad avere i buoni risultati che ottiene. Si parla sempre dei suoi problemi e mai del fatto che gli ascolti tengono, la pubblicità pure, i programmi belli e ben fatti ci sono. Se ciò accade è perché ci lavora un sacco di gente alla quale sta davvero a cuore ciò che fa".
11.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel