Nicole Kidman
Immagini articolo
"Sperimentare...
è la mia passione"
ROSELINA SALEMI


Ha compiuto cinquant’anni lo scorso 20 giugno, è più magra, più bionda e più elegante di quando (un secolo fa) era la signora Cruise. L’ampia gonna di tulle disegnata da Raf Simons per Calvin Klein by Appointment le sta d’incanto. Nicole Kidman ha una bellezza glaciale e controllata, oltre una volontà potente che le ha permesso di resistere agli scossoni dello star system e di uscire dal cliché della bella-decorativa-che-non-sa-recitare. Mentre altre pur splendide cinquantenni faticano, lei è arrivata a Cannes 2017 con tre film e una fiction tv: "Abbiamo bisogno di storie, il mondo cambia e dobbiamo cambiare anche noi, quindi benvenga la televisione. Non ho mai lavorato tanto come in questo periodo, perché passo in continuazione da un linguaggio all’altro". Ha una vitalità contagiosa: "Ho voglia di sperimentare come una ventenne pur avendo una carriera solida. Non ho bisogno di lavorare: lo faccio perché recitare è la mia grande passione. E senza passione non si arriva da nessuna parte".
I suoi ultimi film sono stati L’inganno, di Sofia Coppola, The Killing of a Sacred Deer, di Yorgos Lanthimos, il fantasy-punk How to Talk To Girl at Parties, di John Cameron Mitchell e Top of The Lake - China Girl, (su Sky) firmato da Jane Campion, che vent’anni fa l’aveva diretta in Ritratto di signora. "Cerco di essere aperta, di collaborare con artisti che hanno visioni nuove come Yorgos Lanthimos, e con quelli ai quali sono legata da anni. Ho voglia di essere aperta, e se decido di affidarmi a un regista lo faccio fino in fondo". Quando le ricordi che The Killing of a Sacred Deer vira nell’horror con morsi, piaghe e occhi sanguinanti in primo piano, e lei è una mamma tenerissima, ti senti rispondere che tiene "la famiglia separata dal lavoro". Sposata con il musicista Keith Urban, due figlie (Sunday Rose e Faith Margaret, che è nata da una madre surrogata), ha l’aria di aver trovato il suo baricentro nella vita privata e ne parla con semplicità, senza divismi: "Anche se a volte le bambine vengono sul set, al momento non si rendono conto del mestiere mio e di Keith, sono molto più concentrate sulla loro quotidianità. Non credo abbiano visto un mio film".
La fortuna però non c’entra. C’entra di più l’aver avuto una madre femminista che la portava, racconta,  "alle riunioni della Woman Electoral Lobby. Ascoltavo con molta attenzione quei discorsi e mi sono rimasti addosso". C’entra curiosamente anche l’aver marinato la scuola per vedere Arancia Meccanica - "Adoro il cinema, adoro trovarmi davanti allo schermo in una sala buia" -. Era l’inizio di una vocazione e la scelta di un obiettivo inseguito con rara tenacia per 70 film, e chissà quanti altri ancora. "Cerco di pensare positivo, a volte faccio cose giuste, a volte sbaglio. Questo mestiere e questa vita sono un viaggio. Insegno alle mie figlie che è normale cadere, sbucciarsi le ginocchia e piangere, e che poi ci si rialza, ci si riprende. Anche artisticamente puoi cadere, ma poi ti rimetti in piedi, vai avanti.
Quindi evviva gli sbagli, facciamone tanti! Nel suo caso, non tanti. Ha avuto intuito nel dire sì a Sofia Coppola per L’inganno, remake al femminile del famoso film con Clint Eastwood La notte brava del soldato Jonathan (1971). "Sofia è venuta da me a Londra, ho preso la sceneggiatura, ma, ancor prima di cominciarla, le ho detto: io per te reciterei anche l’elenco telefonico". La sceneggiatura era scritta magnificamente, il film ha avuto la Palma a Cannes 2017 per la regia e Nicole Kidman era sì contentissima, ma con una nuova maturità. Ha ridefinito, dice, il concetto di successo. "Da ragazzina per me era l’America, recitare a Broadway. Poi, col passare degli anni, è diventato sinonimo di amore, perché la gloria, la notorietà, prima o poi finiscono. Keith e io ce lo ripetiamo sempre: è stato un miracolo trovarci, provare lo stesso desiderio di proteggerci e sostenerci a vicenda! Allora capisci che la tua famiglia è il tuo successo".
28.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin