Sofia Coppola
Immagini articolo
"Preferisco i piccoli film
perché ho più potere"
ROSELINA SALEMI


Il cognome, certo, è imbarazzante. Figlia di un mostro sacro del cinema, Francis Ford Coppola. Cresciuta in una famiglia molto tradizionale ("mamma Eleonora è sempre stata eccezionale con noi figli, papà cercava di essere presente"), ma nel cuore di Hollywood. L’ho conosciuta a Venezia nel 2010, quando ha vinto con Somewhere, che ha lanciato una delicatissima bambina di nome Elle Fanning. Accanto a Quentin Tarantino sembrava minuscola. Sofia Coppola, 47 anni, è in effetti minuscola. Occhi grandi e scuri, una struttura leggera, adolescenziale, un bel sorriso e una volontà di ferro. Per nulla chiacchierona, a dispetto delle origini italiane. Nomade, in senso vero. "Sono abituata a una vita in costante movimento - racconta al Caffè -. Quando noi figli eravamo piccoli, papà e mamma fecero un accordo: se lui doveva assentarsi per più di due settimane, l’avremmo seguito. Perciò ho studiato a Los Angeles, a New York, a Tulsa, Oklahoma, e nelle Filippine, al tempo di Apocalypse Now. Una famiglia da circo, i Barnum di Hollywood. Forse per via della vulcanicità di mio padre sono pacata ma meno propensa a infinite tournée. Forse ho preso da mia madre la calma esteriore che contiene la tempesta interiore".
Sofia Coppola non parla, sussurra. Viene da chiedersi come riesca a vivere con gentilezza il set, ambiente stressante e gridato. Nessun attore l’ha mai sentita alzare la voce. A Cannes (ha vinto la Palma d’Oro 2017 come miglior regista con The Beguiled, L’Inganno tratto dal romanzo di Thomas Cullinan) ha diretto un "bunch", così lo chiamava, un mucchio di donne, una gang chiusa in una villona stile Via col vento, circondata da un bosco e protetta da un cancello sempre chiuso. Lei lo racconta così: "Fuori c’è la Guerra Civile, una delle ragazzine più piccole va in cerca di funghi con i cannoni sullo sfondo e trova un soldato nordista ferito. Lo portano dentro, in questa casa/collegio per ragazze che le famiglie hanno abbandonato/cercato di sottrarre alla guerra. Mi interessavano le dinamiche di potere tra un gruppo e un estraneo che entra come un virus, e quelle tra i membri del gruppo. Sì, il lato femminile predomina. In questo senso il mio non è un remake del film di Don Siegel con Clint Eastwood, La notte brava del soldato Jonathan, è solo uno sguardo diverso, l’altra faccia della medaglia".
Così si capisce perché sono venuti fuori discorsi sul femminismo e sulla sorellanza, sulle donne alla regia nello star system: "Autrici come Kathryn Bigelow e Jane Campion ci hanno aiutato. Tutte dobbiamo molto ad Agnés Varda a anche a Jody Foster". Quello di Sofia Coppola è un cinema così speciale che la domanda provocatoria è quasi d’obbligo: accetterebbe un blockbuster da duecento milioni di dollari di budget come quelli della Marvel con i super-eroi? "Mi piace girare film piccoli dove ho il potere di fare le cose come voglio. Però, mai dire mai…".
Parla volentieri della madre, "sempre coinvolta in cose di arte e letteratura. È lei che mi ha spronato a essere creativa. Mi portava ai musei, alle gallerie, ai vernissage di artisti emergenti". Glissa sull’ex marito, il regista Spike Jonze. Si è felicemente risposata nel 2011 con il musicista francese Thomas Mars, leader della band Phoenix, che le ha dato due figlie, Romy e Cosima, alle quali dedica molto del suo tempo, "se non tutto". Vive per buona parte dell’anno in Francia ma pensa nostalgicamente alla vita immersa nella natura della California, "dove sono cresciuta. A volte, mi manca. Quando sono lontana mi diverte trovare in qualche negozio una bottiglia del vino che papà produce nella Napa Valley, e che porta il mio nome, Sofia".
25.03.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00