Mauro Gianetti
Immagini articolo
"Amo ancora la bici
dopo quarant'anni"
ANDREA STERN


Aveva 12 anni quando vinse la sua prima corsa. Era un mercoledì pomeriggio e Mauro Gianetti girovagava per le vie di Isone in sella alla Graziella di sua mamma. Lo raggiunse Ettore Fora, autista del pullman che portava i ragazzi alle medie di Bironico, pedalando sulla sua Colnago. "Mi propose di fare una gara - racconta Gianetti - fino all’antenna radiofonica. Io partii come uno scalmanato e quando lui arrivò in cima io ero lì da due minuti e mezzo ad aspettarlo con l’orologio in mano. Subito dopo lui corse da mio padre e gli disse che doveva assolutamente farmi correre in bicicletta".
Detto fatto, già la domenica seguente Mauro Gianetti partecipò alla sua prima "vera" gara, con la Colnago di Ettore Fora. Arrivò quinto su oltre novanta partecipanti, quasi tutti più grandi di lui. "Per me fu come una vittoria, ero stato nettamente il migliore del mio anno. Fino ad allora non sapevo nemmeno dell’esistenza di corse ciclistiche giovanili, ma da quel giorno mi innamorai di questo sport e non mi fermò più nessuno".
Sono passati 40 anni e Mauro Gianetti, oggi 53 anni, lavora ancora nel mondo delle due ruote e non ha perso un briciolo della sua passione. Ritiratosi dalle competizioni nel 2002 dopo trenta vittorie tra i professionisti e un memorabile secondo posto ai Mondiali del 1996 a Lugano, ora è membro del comitato direttivo e business manager dell’Uae Team Emirates, squadra che nella rosa vanta atleti del calibro di Fabio Aru, Alexander Kristoff e Alberto Rui Costa. "Ho corso per diciassette anni e credo di essermi sfogato. Già allora mi interessava l’aspetto commerciale intorno alla squadra, la sua gestione, il suo equilibrio. Oggi sono quindi felice di fare il manager". Un lavoro che lo tiene a lungo lontano da casa, come ai tempi in cui era ciclista. "Sono abituato a girare, anche se per me il Ticino rimane il posto più bello del mondo. Ho visto dei luoghi straordinari, ma dobbiamo renderci conto che qui abbiamo il meglio. Quattro stagioni, ognuna diversa dall’altra, mentre in altre regioni si trova tutto l’anno lo stesso clima". Per non parlare delle montagne, la passione di Gianetti, che quando può si allena volentieri in compagnia del consigliere nazionale Rocco Cattaneo. "Ci tiriamo il collo a vicenda. Cerchiamo sempre la salita, siamo due camosci!".
Gianetti ha accompagnato Cattaneo anche nella trasferta in bici a Berna, lo scorso 24 novembre, poco prima dell’insediamento dell’ex presidente plrt in Consiglio nazionale. "È stato l’allenamento più lungo della mia vita. Era freddino, ma Rocco aveva davvero il fuoco dentro e ho dovuto cercare di stare al suo ritmo. Però sono felice di averlo potuto accompagnare verso questo suo nuovo traguardo. Per me è un amico e un maestro, sono fiero di lui". Una felicità che va oltre la fatica, uno degli elementi base del ciclismo. "Andare in bicicletta insegna a soffrire e guardare sempre avanti. Ricordo una volta al Tour de France quando, in una tappa vinta da Claudio Chiappucci, persi un’ora e mezza a causa di un colpo di sole e rimasi fuori dal tempo massimo per soli trenta secondi, a due giorni dalla fine. Fu una tremenda delusione, ma sono queste le situazioni che ti spingono a migliorarti".
Gianetti conclude sottolineando che "negli sport di squadra puoi vincere o pareggiare o perdere, mentre nel ciclismo uno vince e in duecento perdono. Quindi, a meno che non ti chiami Peter Sagan, la vittoria è un’eccezione. Credo che questo aiuti a crescere, nello sport ma anche nella vita". astern@caffe.ch
08.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018
23.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata