function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Colin Farrell
Immagini articolo
"Ero un bad boy
e oggi neanche fumo"
ROSELINA SALEMI


li ultimi due film, The Killing of a Sacred Deer e The Beguiled, erano andati a Cannes, cosa non frequente per un attore. Classe 1976, sangue irlandese, legatissimo a Dublino, Colin Farrell è un bad boy diventato good boy. Non a tutti riesce. È stato uno scavezzacollo e lo ammette, è andato in rehab, in riabilitazione, ha girato film discutibili (Alexander, tra i vari), blockbuster (Total recall, Animali fantastici e dove trovarli) e produzioni indipendenti (The Lobster), ha fatto una bella incursione televisiva con True Detective, ha avuto una tempestosa e disastrosa vita sentimentale. Due figli da due donne diverse, una causa con la ex Nicole Narrain, modella di Playboy, perché aveva commercializzato un video hard girato insieme, una lunga serie di fidanzate, tante, ma meno, giura, di quelle che gli sono state attribuite.
Adesso, superati i quaranta, è serissimo, anche se conserva quell’aura un po’ maledetta, quell’occhio acuto che obiettivamente piace, ed è addirittura elegante, una sorpresa dopo averlo visto in jeans stinti, sneakers, orecchini e capelli dritti, genere "out of the bed". "Dai - protesta - posso essere stato imprevedibile, ma mai davvero cattivo! Prima pensavo soltanto a divertirmi, in ogni modo possibile, alcol, droga, ragazze. Poi sono cresciuto, sono diventato padre, mi sono liberato, a fatica ok, delle cattive abitudini. Oggi neanche fumo più".
The Killing of a Sacred Deer, di Yorgos Lanthimos è un horror, protagonista Nicole Kidman, che flirta con il senso del destino e la maledizione, mentre The Beguiled (sempre con Kidman) è il remake femminile-femminista del controverso La notte brava del soldato Jonathan (1971) costruito su un leggendario Clint Eastwood ("ho visto tutti i suoi film e ho cercato di non confrontarmi con lui. Impossibile"). I suoi personaggi sono spesso inquieti e tormentati. Lo è il chirurgo di The Killing, chiamato a un terribile sacrificio, come il soldato ferito di The Beguiled, che durante la guerra di secessione entra in un collegio per signorine, semina lo scompiglio, le fa innamorare, le inganna e viene a sua volta ingannato. I ruoli cupi gli piacciono, perché, "sfortunatamente ci lega il dolore, non la gioia. Non tutti siamo felici, ma tutti conosciamo la sofferenza. Certo, non voglio fare solo film spacca-cuore, ma esplorare la dinamica delle emozioni".
Parlando del cinema parla anche si sé: "Ho attraversato periodi duri, ma da quando ho chiuso con alcol e abusi sono stabile e sereno. Mi concentro sul lavoro. I figli sono la mia priorità. Tento di essere severo ma non ci riesco. Non è facile essere un padre single, non si impara dai libri. Comunque - e la cosa potrà far sorridere, vista la mia fama - a un certo punto ho preso lezioni di yoga e molti miei atteggiamenti sono cambiati. Il successo è pericoloso e capisco chi fa teatro ogni tanto per ritrovare gli equilibri quotidiani. Da giovane, essere al centro dello star system, con la popolarità e tutto il resto, può diventare una trappola. Provi una falsa sensazione di onnipotenza, perdi il senso della realtà. Oggi mi sento immune dalle trappole del successo perché mi sono scottato varie volte. Vorrei soltanto far bene il mio mestiere. Immagino di invecchiare recitando in ruoli diversi, adatti all’età che avrò. Eppure mi sembra ieri quando ho cominciato…".
In The Beguiled, Farrell è il solo uomo in un cast al femminile, situazione non comune nel cinema hollywoodiano, ma l’ha vissuta con leggerezza e divertimento. "È stato un lungo, entusiasmante viaggio in una miriade di corsetti, pizzi e nastri e non mi sono sentito per niente a disagio, anzi. Sono cresciuto con mia madre e le mie due sorelle, Catherine e Claudine, forti, straordinarie, fantastiche, quindi è stato piacevole lavorare circondato da donne così creative e talentuose".
20.05.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00