Ernesto Preatoni
Immagini articolo
"La mia vita divisa
tra banche e Borsa"
MAURO SPIGNESI


Ernesto Preatoni ripensa a come era selvaggio l’Egitto quando ci sbarcò per la prima volta nel novembre del 1991 mentre dalla vetrata del suo attico sul lungolago di Lugano filtrano gli ultimi raggi di sole di una giornata mite. Uno dei protagonisti del capitalismo italiano, imprenditore con interessi in mezzo mondo, da tempo ha scelto il Ticino come base. Attorno al grande divano del salotto saltella il cagnolino di famiglia. "I miei figli - racconta - frequentano qui la scuola, io vivo qui da tempo, prima a Montagnola e adesso in città. Un tempo avevo anche una fabbrica a Novazzano. Qui trovo una eccellente qualità della vita, servizi e sanità di ottimo livello". Preatoni, figlio di una panettiera e di un ufficiale che aveva combattuto la prima e la seconda guerra d’Africa, è nato 75 anni fa in un paesino lombardo, Garbagnate, ed è uno degli ultimi "self-made man".
"Ho cominciato come promotore finanziario e pian piano ho creato una prima società, poi una seconda e via via ho costruito il mio gruppo". Un impero articolato in diversi settori, dallo sviluppo immobiliare sino ai servizi turistici dal Medio Oriente ai Paesi baltici, passando per la Birmamia. Ma, soprattutto, Preatoni è l’uomo che si è inventato il sistema delle multiproprietà a Sharm El Sheikh, la località che ogni anno attira milioni di turisti. "Quando arrivai sul Mar Rosso non c’era nulla, solo vento e sole. Avevo investito in una impresa chimica vicino al Cairo e vidi questi luoghi che mi fecero scattare l’idea di costruire una zona di vacanza facilmente accessibile da ogni parte dell’Europa. Presi come testimonial Omar Sharif e riuscii a vendere subito le prime costruzioni". L’instabilità e le minacce di attentati sono lontani da Sharm El Sheikh. "Eppure - racconta Preatoni - c’è una sorta di limite psicologico che ci ha creato tante difficoltà, anche se ora siamo in forte ripresa".
Ma prima del turismo Ernesto Preatoni è stato uno dei protagonisti del capitalismo italiano e della Borsa. È stato uno dei primi a sfruttare la potenzialità dei fondi di investimento. Ha scalato Bi-Invest, la Banca popolare di Lecco e poi il Credito Bergamasco. "Ma molti pensano che dietro una grande fortuna ci debba essere per forza un crimine iniziale. Così mi sono messo a scrivere un libro per raccontare innanzitutto ai miei figli che non è così, che chi lavora duro e si pone obiettivi precisi arriva in alto onestamente", racconta Preatoni mentre tiene tra le mani il "Pioniere" (Il Sole 24 Ore Libri), il saggio-intervista sulla sua vita che attraversa mezzo secolo di storia. E dove racconta dell’incontro con Aldo Ravello, il decano fra gli operatori della Borsa di Milano, sino a Enrico Cuccia, il potente "banchiere dei banchieri".
Preatoni ancora oggi sorride e racconta nuovi aneddoti. "Spesso mi chiedono - dice l’imprenditore - la differenza tra il mio passato e il mio presente, tra l’Italia e la Svizzera. E allora io metto a confronto la vicenda di Swissair e quella dell’Alitalia. La prima sappiamo come è andata a finire, nella seconda lo Stato ha iniettato 8 miliardi e mezzo per tenere in vita artificialmente un’azienda senza futuro. Quanti posti di lavoro, mi chiedo, si potevano creare con tutti quei soldi? Ecco, la filosofia svizzera è basata sulla concretezza. In Italia, e l’ho raccontato anche recentemente alla tv nazionale, per fare impresa bisogna essere eroi. Non che non ci siano i talenti, ma le grandi individualità non hanno mai fatto sistema, in tutti i campi dell’economia".
Preatoni oggi resta ancora affascinato dal mondo della finanza. Sorride mostrando il suo tablet dove segue in tempo reale la Borsa. "La piazza finanziaria svizzera - dice - si sta reinventando dopo aver puntato per anni sulla gestione patrimoniale. Oggi i temi cruciali sono la compliance e la web reputation. Ma qui li sanno affrontare". Ah, l’ultimo libro di Preatoni si intitola "Non regalatemi una banca. Salvo che…"
mspignesi@caffe.ch
03.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole