Alessandro Gassmann
Immagini articolo
"Faccio molta fatica
a svelare i sentimenti"
ROSELINA SALEMI


In questo periodo è difficile non incrociare Alessandro Gassmann. È passato al cinema con "Una storia senza nome", dove è un fantastico cialtrone, lo sceneggiatore Pes, che usa con disinvoltura una ghostwriter innamorata di lui ("è un tipo italiano, e meno male che riusciamo a prenderci in giro"). È a teatro, regista di "Fronte del porto". È protagonista nella serie "I bastardi di Pizzofalcone" (sulla Rai), tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni (seconda stagione, regia di Alessandro D’Alatri). L’ispettore Giuseppe Lojacono è - come suggerisce il titolo - uno dei "bastardi", poliziotti trasferiti in quel commissariato napoletano per punizione.
Gassmann confessa di amare moltissimo quest’uomo goffo, introverso, solitario: "È credibile. Lavora con persone che hanno un sacco di difetti, ma li hanno trasformati in punti di forza. Insieme formano un’ottima squadra. Lui, poi, ha un rapporto difficile con le donne, con la figlia, cerca di sfuggire al suo passato. È più un antieroe che un eroe. In sei puntate risolverà omicidi e farà i conti con se stesso". Nel gioco delle somiglianze sembra che non ci siano punti di contatto tra i due, "ma qualcosa in comune l’abbiamo. Anch’io, come Lojacono, parlo poco. Mi piace ascoltare. Sono un osservatore. Mi riconosco nell’onestà e nel senso del dovere quasi eccessivo. Tengo alla puntualità, all’ordine, vorrei essere perfetto. Sono esigente con me stesso: certe volte penso che potrei godermi di più la vita… E ho difficoltà a esprimere i sentimenti che provo. Quando devo dire una cosa importante, mi tocca vincere una certa timidezza. Vorrei rassicurare e invece devo essere rassicurato! Se sono costretto a comunicare una brutta notizia, la affogo nei dettagli. Perciò mi piace Lojacono".
A Napoli ormai è di casa, e lo salutano: "Buongiorno commissà!". "Dovrei correggerli - scherza -. Sono ispettore, ma non lo faccio. Ho imparato ad amare la città. Esagerata, rumorosa. Certe volte ti verrebbe da dire: ‘state zitti!’, ma se ti senti male per strada ti soccorrono in tre secondi. A Roma il tempo di reazione sarebbe di sicuro più lento…". E a Napoli è arrivata la storia di "Fronte del porto". "Non pensate all’America e a Marlon Brando. Siamo in Italia nel 1979, si parla di corruzione, malavita e camorra", precisa.
Come se non bastasse, avanza un altro Gassmann, suo figlio Leo, che suona la chitarra, canta con una bella voce profonda, e si è fatto notare a X-Factor 12. "Non sapevo niente. Si è presentato con la faccia di chi doveva comunicarmi qualcosa. Gli ho chiesto se aveva messo incinta qualcuna, se aveva menato qualcuno, se aveva una brutta malattia. A quel punto, mi ha detto: ho passato i provini dei giudici". La passione per la musica però non è mai stata un segreto. Così i Gassmann arrivano alla terza generazione di artisti. "Leo ha 19 anni e a breve mi dirà ‘vado’, ma per ora è qui. Studia Affari internazionali e Psicologia in un’università americana (così parla bene l’inglese) ed è bravissimo. Forse farà qualcosa di buono nel mondo dello spettacolo e troverà il suo posto, ma prima si deve laureare. Provo molta tenerezza per lui e i suoi coetanei. Non gli stiamo lasciando un mondo fantastico, io per primo l’ho terrorizzato parlando di clima e riscaldamento globale, ma loro sono sorprendenti. I Millennial sono la soluzione ai problemi, dobbiamo soltanto liberarli dall’insicurezza, aiutarli a credere in se stessi. Noi siamo antichi".
E non è finita qui. Tra qualche mese Gassmann sarà al cinema con la commedia di Massimiliano Bruno "Non ci resta che il crimine". "È un’opera divertente, con tre amici che fanno un salto nel tempo, catapultati nella Roma del 1982, anni della Banda della Magliana, in situazioni buffe, assurde, complicate. Da schiantare dalle risate". E dopo tutti questi giri da un set all’altro, è bello tornare a casa, "il porto sicuro dove trovo l’affetto, la protezione e le certezze. Quello che soffro nel lavoro è vivere in luoghi dove mi riconoscono. Adoro il mio anonimato familiare".
21.10.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00