function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Nadine Lacroix Oggier
Immagini articolo
"Negli alimenti serve
anche mettere il cuore"
ANDREA BERTAGNI


Chilometri e chilometri di foreste selvagge. Una natura da togliere il fiato. E da desiderare... anche nel piatto. Nadine Lacroix Oggier, 42enne dottoressa in microbiologia alimentare con accento francese del Québec, si è portata un po’ della sua terra in Svizzera.  Alla testa di un’associazione senza scopo di lucro con sede a Friburgo, Cluster Food&Nutrition, da qui vuole ripartire per raggiungere un cibo il più genuino possibile, naturale e al tempo stesso innovativo e regionale. Non una sfida semplice. Ma Nadine Lacroix Oggier è abituata ai cambiamenti. Quelle stesse trasformazioni che avvengono negli alimenti. E possono migliorare la salute dei consumatori. "In Giappone gli alimenti funzionali sono una realtà particolarmente sviluppata. Prodotti alimentari a cui sono stati aggiunti ingredienti naturali che possono avere benefici per la salute".
Alimenti funzionali. È questa, secondo la dottoressa canadese, la chiave. Per dare all’alimentazione una nuova rotta. In un mondo in mano ai giganti della produzione alimentare. Industrializzata e senza più un cuore. "Stiamo vivendo una fase cruciale - spiega - non è possibile rimanere con le mani in mano, bisogna agire, diventare consumatori sempre più consapevoli". Ecco perché, dopo un passato alla Nestlé e alla Philip Morris, Lacroix Oggier oggi ha come obiettivo proprio quello di trasformare il settore alimentare svizzero, scommettendo sull’innovazione tecnologica, sulla salute e sullo sviluppo sostenibile.
La microbiologa canadese non è arrivata in Svizzera per caso. "La mia tesi di laurea era sui batteri del latte durante la fermentazione. Ero interessata in particolare alla possibilità di massimizzare le loro qualità nutrizionali nella lavorazione del formaggio". Sperimentare per dare benessere e salute. Senza stravolgere il cibo. Nel rispetto della natura.
Nadine Lacroix Oggier è capofila di un progetto portato avanti anche dal polo scientifico e tecnologico di Friborgo per introdurre, tra l’altro, la coltivazione del caprifoglio turchino in Vallese. Una bacca dai poteri antiossidanti molto utilizzata in Giappone. Con un’altra iniziativa la dottoressa vorrebbe invece creare una nuova varietà di funghi ricchi di vitamine. In collaborazione con i contadini vallesani sta inoltre studiando un sistema per ottimizzare il consumo di energia delle serre. Perché l’impatto ambientale è fondamentale e non si è più disposti a mangiare senza sapere cosa c’è davvero nel piatto. "Oggi siamo tutti consumatori informati , non vogliamo più solo acquistare un prodotto ma conoscerne la sua storia".
Nadine Lacroix Oggier ha studiato molto. Lei, l’amore per il cibo e per la "manipolazione" ce l’ha fin da bambina. "Si può dire che ho sempre giocato con gli alimenti - racconta -, preparavo il pane, fermentavo la birra e vinificavo il vino". Con gli anni le abitudini non sono cambiate. "In effetti faccio fermentare la choucroute - sorride - e preparo anche una bevanda un po’ particolare che si chiama kefir, ricca di fermenti lattici ottenuta dalla fermentazione del latte a base di acqua, limone, zucchero".
Niente a che vedere insomma con la direzione presa di recente da alcune startup della Silicon Valley che hanno inventato la bistecca... senza carne, che riproduce il suo sapore e il suo odore. "Mi chiedo davvero dove stiamo andando. Vogliamo sul serio lasciare campo libero a un’alimentazione totalmente industrializzata?". Per Nadine Lacroix Oggier la risposta non può che essere una sola.
abertagni@caffe.ch
29.08.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Gilet
gialli:
ritorno
in sordina

Nuova Zelanda:
proteste
anti-lockdown
ad Auckland

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00