function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Simone Moro
Immagini articolo
"Delle vette mi affascina
il silenzio e la solitudine"
GIUSEPPE ZOIS


L'ultima non ha avuto gli attributi che normalmente contraddistinguono le spedizioni che fanno epoca ma, a modo suo, è comunque una conquista, perché uscire vivi da un abisso di crepacci e ghiaccio è una grande impresa. Simone Moro, un sicuro re sul trono dell’alpinismo mondiale, ha iscritto anche una quasi tragedia nel suo palmarès. Il 18 gennaio 2020 resterà una data memorabile nella vita sua e di Tamara Lunger: insieme stavano tentando la scalata al Gasherbrum I e II nella catena montuosa del Karakorum, sull’Himalaya: all’improvviso lui è finito in un crepaccio. Venti metri a testa in giù, sbattendo schiena, gambe e glutei sulle lame di ghiaccio. Racconta: "Siamo arrivati a un soffio da un terribile epilogo. Tamara per fortuna riuscì a bloccare la caduta, poi ci inventammo il sistema per uscire da quel buco micidiale. È stata un’esperienza forte che mi ha lasciato addosso molto".
L’alpinista bergamasco, 54 anni il prossimo 27 ottobre, è il più alto - in assoluto - termometro dei cambiamenti climatici. La sua è una diagnosi che chiama tutti a un’urgente coscientizzazione, nessuno escluso: "Non è che si ritirano solo i ghiacciai lontani della Groenlandia, dell’Himalaya o del Monte Bianco. Spariscono e si ritirano anche i ghiacciai del Morteratsch, sul Bernina, dell’Adamello, del massiccio dell’Ortles Cevedale... I crolli sempre più frequenti, come sulle Dolomiti, avvengono perché si sciolgono i ghiacci che all’interno cementano le pareti. Si sbriciolano i pilastri di roccia che compongono in maniera calcarea questi monoliti". Succede vicino a noi. Il surriscaldamento del pianeta c’è e non possiamo aspettare che arrivi qualcuno con la bacchetta magica a risolvere un’emergenza colossale. "Tocca a noi modificare i nostri comportamenti, la doccia invece di durare dieci minuti abbassiamola a due, il termostato piuttosto che sui 23 gradi in inverno portiamolo a 18-19 e al posto di prendere gli ascensori e le scale mobili, proviamo anche ad andare a piedi".
Quindi risparmio energetico, risparmio d’acqua, risparmio di emissioni. "Se ci attiviamo subito, lo salviamo noi il pianeta". Fin da ragazzo questo scalatore, che è anche aviatore e scrittore, vive in simbiosi con la montagna: "Alla sua scuola sono diventato adulto. La montagna è anche la metafora della vita negli elementi che incontri: il desiderio, la bellezza, le rinunce, gli ostacoli, la solidarietà, l’amicizia. I suoi corsi sono aperti a tutti, gratis. Non si paga nessuna retta per partecipare alle sue lezioni. Bisogna però volerci andare".
Simone Moro detiene il record di maggior numero di ascensioni in prima invernale sugli ottomila metri. Montagna sempre, preferibilmente nella stagione più dura. Spiega quest’attrazione speciale: "D’inverno tutto è fermo, anche sull’Himalaya e così posso ammirare un pianeta com’era cento o mille anni fa, senza alcuna traccia umana. Mi immergo in un’avventura e un’esplorazione che oggi è un po’ più difficile vivere perché anche le montagne e le catene più sperdute sono meta di un numero crescente di viaggi o spedizioni. La mia è la ricerca di un mondo selvaggio e di solitudine, in cui l’arte di sopravvivere devo metterla in atto io, senza sconto alcuno, arrangiandomi. Lì capisci quali sono i tuoi limiti, i difetti, le difficoltà, le tue risorse fisiche e interiori".
Al punto in cui siamo c’è da chiedersi quanto spazio resta per il sogno nell’alpinismo d’oggi. Moro è positivo: "Ce n’è ancora molto. L’alpinismo è ben lontano dall’essere morto. Morirà quando non ci saranno più fantasia e voglia di sognare. Ma in quel momento purtroppo sarà sparito l’uomo. Significa che saremo diventati delle macchine e il mondo delle macchine è senz’anima, senza passione".
Un’ultima curiosità ineludibile riguarda l’equipaggiamento per un’ascesa sui tetti della Terra. Fisico asciutto, agile come uno scoiattolo, Simone cerca di stare il più leggero possibile: "Porto il necessario e non il superfluo, uno zaino di una quindicina di chili. Nell’Himalaya ogni chilo conta al punto che può anche inficiare una prestazione. Io non sono uno che esalta il peso dello zaino quanto piuttosto la capacità di saperlo fare bene".
17.10.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
07.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 19 ottobre 2020
05.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2020
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Cina, ovvero "Fabbrica"
per un mondo malato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tutte le ipotesi in campo
dopo la guerra più lunga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo, ambiente e clima
portano alla nuova umanità
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Abbiamo appena dieci anni
per evitare una catastrofe
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Accordo
fra Israele e Sudan
per normalizzare
le relazioni

Repubblica Ceca,
ospedale da campo
contro il Covid-19
a Praga

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00