La nuova America vista dalla Cina e dalla Gran Bretagna
Immagini articolo
Un cambio di rotta
a stelle e strisce


Dall’Asia all’Europa, da Pechino sino a Mosca. Quale ruolo giocherà nello scacchiere internazionale il nuovo presidente americano Donald Trump? Ma, soprattutto, che alleati riuscirà ad avere al suo fianco? Per ora tutti osservano con un certo distacco le prime mosse di presidente. Ma c’è anche chi, come la premier inglese Theresa May, vorrebbe già siglare patti e condividere strategie per mettersi al riparo dalle inevitabili conseguenze della Brexit. May sta cercando di tessere con pazienza accordi con gli Stati Uniti, una mossa che già fa indispettire parecchi Paesi. A cominciare da quelli europei che hanno letto non proprio con entusiasmo la scelta inglese di uscire dall’Ue. Ed ecco perché a May serve la sponda di Trump. Una scelta che disturba chi guarda con sospetto il tycoon. Ed è il caso di Pechino, cui non sono affatto piaciute le prime mosse del nuovo presidente Usa. La Cina, inoltre, deve trovare nuovi sbocchi di mercato e il protezionismo stile Trump comincia a preoccupare. In questo quadro internazionale c’è poi da tenere in considerazione il ruolo di Vladimir Putin, che è un’altra variabile di grande peso: Trump mette a rischio l’inedito idillio degli ultimi anni tra il capo del Cremlino e il presidente Xi Jinping. Tra accordi sul gas, progetti di sviluppo petroliferi nell’Artico fino al sostegno finanziario. Non sarà facile far filare lisce le relazioni fra America e Cina, soprattutto oggi che alla Casa Bianca c’è un presidente anomalo.


E adesso la May sogna un altro Asse Atlantico
Alessandro Carlini, da Londra

I campanelli d’allarme che agitano il Dragone
Antonio Fatiguso, da Pechino
29.01.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni