La nuova America vista dalla Cina e dalla Gran Bretagna
Immagini articolo
Un cambio di rotta
a stelle e strisce


Dall’Asia all’Europa, da Pechino sino a Mosca. Quale ruolo giocherà nello scacchiere internazionale il nuovo presidente americano Donald Trump? Ma, soprattutto, che alleati riuscirà ad avere al suo fianco? Per ora tutti osservano con un certo distacco le prime mosse di presidente. Ma c’è anche chi, come la premier inglese Theresa May, vorrebbe già siglare patti e condividere strategie per mettersi al riparo dalle inevitabili conseguenze della Brexit. May sta cercando di tessere con pazienza accordi con gli Stati Uniti, una mossa che già fa indispettire parecchi Paesi. A cominciare da quelli europei che hanno letto non proprio con entusiasmo la scelta inglese di uscire dall’Ue. Ed ecco perché a May serve la sponda di Trump. Una scelta che disturba chi guarda con sospetto il tycoon. Ed è il caso di Pechino, cui non sono affatto piaciute le prime mosse del nuovo presidente Usa. La Cina, inoltre, deve trovare nuovi sbocchi di mercato e il protezionismo stile Trump comincia a preoccupare. In questo quadro internazionale c’è poi da tenere in considerazione il ruolo di Vladimir Putin, che è un’altra variabile di grande peso: Trump mette a rischio l’inedito idillio degli ultimi anni tra il capo del Cremlino e il presidente Xi Jinping. Tra accordi sul gas, progetti di sviluppo petroliferi nell’Artico fino al sostegno finanziario. Non sarà facile far filare lisce le relazioni fra America e Cina, soprattutto oggi che alla Casa Bianca c’è un presidente anomalo.


E adesso la May sogna un altro Asse Atlantico
Alessandro Carlini, da Londra

I campanelli d’allarme che agitano il Dragone
Antonio Fatiguso, da Pechino
29.01.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano