Il nuovo leader della Spd pronto a superare Angela Merkel
Immagini articolo
Sankt Martin Schulz,
l'ascesa dello sfidante
STEFANO VASTANO, DA BERLINO


Dal 24 gennaio ai piani alti della Cdu, il partito della cancelliera Merkel, l’aria è molto tesa. Sino a quel giorno, infatti, era Sigmar Gabriel, Sigi come lo chiamano i suoi "Genossen",  il più probabile candidato delle (malconce) truppe socialdemocratiche alle politiche tedesche del 24 settembre. Ma i conti alla Cdu li avevano fatti senza la notoria imprevedibilità di Sigi. Il superministro dell’Economia, nonché dal 2009 presidente della Spd, quel fatidico martedì, ha gettato a sorpresa la spugna, lasciando a Martin Schulz non solo il timone della vecchia Spd (fondata nel 1863), ma anche l’arduo compito di sfidare Angela Merkel.
Per giunta poi dall’Economia Gabriel è passato al ministero degli Esteri, ma non è certo la capriola nell’esecutivo a innervosire gli strateghi della Cdu. Quanto il fatto che, in tutti i sondaggi, Gabriel figurava schiacciato dalla Merkel: in un confronto diretto, il 57 per cento dei tedeschi avrebbe rivotato la Kanzlerin, solo il 19 per Gabriel. Mentre ora il 62enne Schulz, ex presidente del Parlamento europeo, noto in tutta Europa per l’insulto di Silvio Berlusconi (che lo paragonò nientemeno che a "un Kapò" dei lager nazisti), piace. Se ci fosse l’elezione diretta del nuovo premier, il 50% dei tedeschi voterebbe per Schulz ( 9% in una settimana), mentre Angela Merkel non andrebbe oltre il 34% (-7%), ha rivelato il "DeutschlandTrend", cioè il tradizionale sondaggio della tv pubblica Ard. Sempre parlando di sondaggi, il 43% degli elettori tedeschi, secondo le ultime rilevazioni, spera che la prossima coalizione post-voto, sia la Große Koalitioni. 
Cos’ha dunque "Sankt Martin", come il settimanale Der Spiegel ha ribattezzato Schulz, che Sigi non aveva? Il fatto, per cominciare, che i tedeschi lo conoscono poco o niente. Sì, nel 1987, a 31 anni, è stato sindaco della sua cittadina di Würselen. Ma dal 1994 e per oltre 20 anni Schulz ha trascorso la sua carriera tra i palazzi dell’Ue a Bruxelles e Strasburgo.
Certo, avere un volto del tutto nuovo per gli elettori può giocare a favore di Schulz. Come il fatto di avere, al contrario della Merkel, la parlantina sciolta ed essere un vero self-made man. Come Gerhard Schröder infatti, l’ultimo dei Kanzler della Spd, anche Schulz non è cresciuto, come si dice, nella bambagia: suo papà era poliziotto; e alla scuola Martin, bocciato due volte, preferiva - anche in questo simile a Schröder - il pallone. Frantumatosi un ginocchio, dal calcio si getta nell’alcool: a un millimetro dal suicidio. È una libreria che apre a Würselen a salvarlo. Ancora oggi il vorace autodidatta - ma parla perfettamente inglese e francese - ama la letteratura (il suo romanzo preferito è "Il Gattopardo" di Tomasi di Lampedusa). In campagna elettorale, Schulz - che da presidente europeo era per gli eurobond ed avverso al feticcio dell’austerity della Merkel - punterà sul classico tema della giustizia sociale. "Voglio riconquistare la fiducia della gente nella democrazia e dei lavoratori in questo partito", ha detto appena nominato presidente della Spd. E soprattutto, ha aggiunto con foga: "Voglio vincere queste elezioni e diventare Kanzler".
Toni molto più schietti e netti rispetto a quelli dell’eterno indeciso e vago Gabriel. Per sconfiggere davvero la Merkel, Schulz dovrà raccogliere a settembre dal 30 per cento in su. "Combatterò sino all’ultimo minuto - ha detto - per far diventare la Spd il primo partito in Germania". D’altronde, nel 2005, anche la Kanzlerin salì al potere con il 35,2 per cento, battendo per un soffio Schröder (che si era fermato al 34,2). Aggiunti ai voti di "Die Linke", la sinistra estrema, più quelli dei Verdi (entrambi oltre al 10 per cento), Schulz potrebbe ritrovarsi al governo di Berlino con una coalizione "rot-rot-grün". Così improbabile la lunga scalata al potere di Martin Schulz, da ragazzo bocciato ed ex alcolizzato a quarto Kanzler della Spd non è.
Per questo, da gennaio, dirigenti e ministri della Cdu non dormono più sonni tranquilli a Berlino.
05.02.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.02.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 23 febbraio 2017 alle ore 11.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch