Le inutili barriere al mercato volute dai leader europei
Immagini articolo
Freni politici nell'Ue
al libero commercio
GIUSEPPE TURANI


In Europa, contrariamente a quello che si pensa, non esiste ancora una corsa alle barriere commerciali e probabilmente non ci sarà nemmeno mai. Un po’ perché sarebbe antistorico, ma soprattutto perché le diverse economie sono molto intrecciate ed erigere barriere può essere molto complesso.
Ci si limiterà, probabilmente, a creare difficoltà a qualche produzione Ue - cosa che già si fa -, ma non in misura straordinaria. Tanto è vero che sul Vecchio Continente gira di tutto, anche perché certe produzioni mancano. Se vuoi un tablet deve essere americano o coreano, lo stesso se vuoi uno smartphone. Quello che sta accadendo è un altro fenomeno. Ci sono alle porte due competizioni elettorali molto importanti: prestissimo in Francia e più tardi in Germania. Così accadono cose strane. La Francia, le cui aziende hanno comprato quasi tutto il comprabile, ad esempio in Italia, dove hanno saccheggiato moda e alimentare, fa un po’ la difficile intorno a un’azienda francese che l’italiana Fincantieri vorrebbe rilevare. Anzi, ha bloccato l’operazione e sembra che lo Stato voglia entrare direttamente nell’azionariato, pur di bloccare l’acquisizione italiana.
Ma tutto questo pasticcio ha origini politiche. I socialisti francesi, che già hanno i loro problemi, non vogliono fornire altri argomenti alla signora Le Pen (nuova invasione degli stranieri). E poi è abbastanza noto che i francesi, famosi predatori di aziende in terra altrui, quando si va in casa loro sono sempre molto nazionalisti.
Ma non si tratta di barriere commerciali: anche in Francia, come ovunque in Europa, si trova in commercio quasi qualsiasi prodotto straniero. Storia non diversa è quella della Opel in Germania, che è di proprietà dell’americana General Motors e che quest’ultima vuole vendere alla francese Peugeot. I tedeschi, dovrebbero essere indifferenti: americana o francese, la Opel sarebbe sempre "straniera". Invece Angela Merkel si sta occupando della cosa: vuole dimostrare che sta molto attenta a quello che può capitare ai lavoratori tedeschi.
Naturalmente, viste queste storie e i precedenti, anche il governo italiano alza un po’  la voce e dice che vuole reciprocità: il francese Vincent Bolloré è grande azionista di Mediobanca, di Telecom e pare voglia prendersi anche Mediaset. In teoria la reciprocità esiste e finora nessuno ha osato mettere degli stop veri e propri (che sarebbero anche contrari alle norme comunitarie).
La verità è che i politici, soprattutto sotto elezioni, amano fare un po’ di rumore e mostrarsi grandi difensori degli interessi nazionali. In realtà, tutti sanno benissimo che buona parte dell’industria alimentare (o della moda made in Italy) non sarebbe finita in mani francesi, se il capitalismo italiano fosse un po’ più forte. E i tentativi di ingresso, acquistando aziende, in Germania sono stati finora molto modesti, perché i tedeschi sono forti e si difendono; l’acquisizione della Continental da parte della Pirelli fu bloccata non dal governo, ma dai regolamenti societari.
Insomma, non esiste ancora un’Europa della barriere. Quello che esiste è il desiderio dei politici di accreditarsi come grandi difensori degli interessi nazionali. Ma alla fine, come sempre, a decidere sarà il mercato.
19.02.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe