Il panorama di guerra dopo il raid deciso da Trump
Immagini articolo
Ecco le forze militari
sulla scena siriana
GUIDO OLIMPIO


Russia, Siria, Turchia: tre degli attori coinvolti nel conflitto. Non certo gli unici, visto che nella regione operano 3mila americani, iraniani, jihadisti stranieri e sciiti venuti da fuori. Mosaico imperfetto di una guerra dove si usa di tutto, dai residuati della seconda guerra mondiale ad armi proibite come i gas.
Mosca è intervenuta nella crisi per salvare il presidente siriano Assad ed allargare il proprio ruolo nello scacchiere. Dati ufficiosi sostengono che Putin ha schierato circa 4mila soldati regolari, ai quali si aggiungono i mercenari di alcune compagnie. Non pochi. Ad oggi sarebbero morti circa 20 soldati, numeri che però nascondono un’altra verità. Dovrebbero essere molti di più. Il contingente ha i suoi punti di forza nella base aerea vicino a Latakia, nel porto di Tartus (terminale della filiera di rifornimento bellico) e in una serie di postazioni dalle quali garantisce sostegno pieno al regime. Fondamentale l’azione dei cacciabombardieri, così come delle unità speciali, determinanti nelle fasi critiche della battaglia. Altrettanto importante il ruolo della flottiglia schierata al largo: alcune navi hanno lanciato missili da crociera, altre hanno contribuito a completare lo scudo anti-aereo integrato dai missili S 300 disseminati in alcune località. La potenza di fuoco russa - artiglieria, jet, sistemi missilistici - ha avuto un grande impatto. Prima ha respinto le offensive degli insorti, quindi ha devastato le loro linee in chiave offensiva.
Senza questo aiuto (e di migliaia di volontari organizzati dall’Iran) Assad sarebbe stato sconfitto. Con l’inizio della rivolta, nel 2011, interi reparti sono passati con gli oppositori mentre non pochi civili hanno evitato di indossare la divisa pagando bustarelle. L’esercito, con il tempo, si è trasformato in una serie di milizie, con un ruolino scarso o insufficiente. Solo poche entità, come i Falchi o la Guardia repubblicana, rappresentano una realtà militare degna di questo nome. Spesso agiscono in parallelo con gli Hezbollah libanesi e i pasdaran iraniani. La mancanza di uomini ha costretto Damasco a concentrarsi nei centri abitati lasciando porzioni di territorio al nemico e ai separatisti curdi.
Nell’arsenale del regime ci sono anche strumenti di morte terrificanti, come i gas al nervino. La Siria aveva sviluppato nel passato questa componente nel caso di un confronto con Israele e dunque era riuscita a fare ampie scorte. Nel 2013 è stata costretta a consegnare gran parte del materiale, ma l’intelligence occidentale aveva più volte avvisato sul fatto che i lealisti nascondessero componenti importanti. E stando alle accuse di questi giorni le hanno usate a Idlib contro civili inermi, storia che ha aperto un nuovo fronte con l’Occidente.
Nella mischia c’è poi la Turchia. Sostiene una parte della ribellione e cerca di impedire la nascita di uno stato curdo al confine sud. Di recente ha concluso un intervento nel nord della Siria contro lo Stato islamico per creare un’area di influenza: le sue unità non hanno brillato, anzi hanno sofferto perdite notevoli. L’ambizioso presidente Erdogan ha offerto agli Usa commandos, cannoni e blindati (insieme a nuclei di insorti) come task force da impiegare nell’assalto a Raqqa, la roccaforte siriana dell’Isis. Washington, però, preferisce usare la carta curda ed ha aperto 5 installazioni importanti in questa area. Quella che sembra una composizione geografica poco netta somiglia molto ad una spartizione del Paese.
09.04.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni