La nuova presidenza transalpina avvelenata dai "pirati"
Immagini articolo
Dagli Usa alla Francia
elezioni con gli hacker
REDAZIONE CAFFÈ


Dopo le presidenziali americane anche quelle francesi hanno visto gli hacker nel ruolo di "grandi elettori". Anche il voto per il nuovo inquilino dell’Eliseo, se non condizionato, figura avvelenato dai pirati online, che proprio alla vigilia del ballottaggio hanno inondato la Rete di ombre velenose. Emmanuel Macron, infatti, è risultato vittima di un "attacco hacker massiccio e coordinato", come ha denunciato lo staff del suo movimento "En Marche!". Un furto di dati sensibili non da poco (vedi articolo in pagina), visto che si parla di gigabyites, l’equivalente di migliaia di libri, che ha costretto la magistratura parigina ad aprire un’inchiesta, diffidando dal diffondere sui social media le "varie informazioni interne" rubate dai pirati .
Ma ciò non ha impedito, nella giornata di ieri, sabato, la diffusione in Rete di e-mail, documenti contabili e contratti dalla campagna del candidato centrista. Files ovviamente inviati in forma anonima su un sito web di condivisione. "I files che circolavano - ha confermato il movimento politico di Macron - sono stati ottenuti in parecchie settimane da hacker in caselle di posta private e pubbliche di diversi leader del movimento". En Marche precisa anche che i dati "piratati" documentano solo il normale funzionamento di una campagna presidenziale, ma quanto messo online costituisce un mix  di documenti autentici e falsi tale da seminare "dubbi e disinformazione".  Una diffusione velenosa considerata gravissima dalla stessa commissione nazionale di controllo della campagna presidenziale francese, al punto da ricordare che "sono in gioco la libera espressione del suffragio e la legalità dello scrutinio".
Nessuno, infatti, può valutare quanto la diffusione di questi dati ha influito sul voto che, nei pronostistici, vedeva Emmanuel Macron nettamente favorito con almeno venti punti di distacco sulla candidata di estrema destra, Marine Le Pen. L’ultimo sondaggio, infatti,  diramato dall’Istituto francese di opinione pubblica prima del "silenzio elettorale" attribuiva il 61 per cento dei voti a Macron e meno del 40 per cento alla leader del Fronte National. L’organismo di controllo ha ricordato che "la diffusione di informazioni false è suscettibile di costituire un reato, specialmente penale", esortando i media a non riferire sui documenti diffusi dai social network dopo l’attacco hacker e a non dare ulteriore eco al contenuto di questi dati.  
Ufficialmente non c’è alcun sospettato, anche se l’analogia dell’attacco informatico -subito ribattezzato "MacronLeaks" - con quello contro Hillary Clinton durante le presidenziali americane sembra puntare il dito contro hacker al servizio della Russia, ma si sospetta anche che l’azione sia partita dagli Stati Uniti. Tra i sostenitori di questa ipotesi anche l’inglese Ben Nimmo, ricercatore dell’Atlantic Council Digital Forensic Research, specializzato in guerra ibrida e sicurezza interna. Come riferito da vari media britannici, le sue prime ricostruzioni sulla pubblicazione dei files rubati rivelerebbero che dietro i primi tentativi di diffusione sui social network c’è un gruppo di estrema destra americano molto attivo in Rete.
07.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I sentieri del Russiagate
portano fuori dagli Usa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch