Alla vigilia del voto anticipato la premier perde consensi
Immagini articolo
Rischio autogol
per Theresa May
ALESSANDRO CARLINI, DA LONDRA


Mai dare una vittoria alle urne per scontata. Questo probabilmente è il pensiero fisso nella mente della premier conservatrice Theresa May a pochi giorni dalle elezioni britanniche dell’8 giugno, che proprio lei ha voluto e che rischia di non vincere con un exploit come era nelle sue intenzioni quando ha scelto di andare al voto anticipato. Anche se i sondaggi sono sempre da prendere con le doverose pinze, il primo ministro avrebbe perso lungo la campagna uno dopo l’altro punti di vantaggio preziosi fino ad arrivare a una "forbice" di scarto che non può farle dormire sogni tranquilli. L’outsider, il leader laburista Jeremy Corbyn, partito da una situazione di divisione interna nel suo partito e coi media sempre pronti ad osteggiarlo, è riuscito - mantenendo la barra a dritta di un suo programma fortemente di sinistra - a ribaltare le sorti e addirittura a candidarsi come possibile nuovo primo ministro nel caso in cui i Tories perdano la maggioranza assoluta.
Intanto le autorità britanniche, come ha svelato il Times, avrebbero chiesto all’ex segretario di Stato elvetico Michael Ambühl, già capo negoziatore della Svizzera con l’Ue per i Bilaterali, di far parte di un gruppo di esperti nelle trattative sull’uscita del loro Paese dall’Unione europea. Ma a tenere banco a Londra è quella sorta di "miracolo" politico portato a termine da Corbyn, passato dal baratro dei 15-20 punti di scarto nei sondaggi di un paio di settimane fa ad appena il 3% di differenza dalla May, che paga soprattutto gli errori in una campagna elettorale che non ha certo emozionato per i grandi discorsi e per la retorica. Tutt’altro. I due maggiori partiti, Conservatori e Laburisti, si sono sfidati in molti casi sfruttando vecchie ricette e tentando di adattarle al Paese, che deve affrontare la sfida della Brexit. La leader tory aveva lanciato la sua sfida elettorale con un inconsueto voto anticipato, per rafforzare il suo mandato negoziale con Bruxelles. Ma nel frattempo è successo di tutto: c’è stata la strage di Manchester, che ha fatto emergere i suoi tagli alla polizia, prima come ministro degli Interni sotto il predecessore David Cameron e poi come premier, e le falle dei servizi segreti. E soprattutto ci sono stati i passi falsi e le retromarce imbarazzanti della May sul suo programma sociale. Non le resta quindi che rivolgere un appello accorato e chiedere alla gente d’avere "fede" in lei e nel governo tory affinché la Brexit possa diventare un successo.
Corbyn, il vecchio socialista che ha ricollocato il Labour a sinistra, invece, negli ultimi giorni sentendo il vento in poppa si è lanciato in promesse che hanno rasentato il populismo, come un milione di "buoni posti di lavoro", mega investimenti nel welfare, per un sistema sanitario malandato e le scuole del Regno, garanzie immediate per gli europei che si sono trasferiti nel Paese. Ma non intende tornare indietro sulla Brexit, al massimo è pronto a proporne una versione "soft", contro quella "hard" della May, che abbia al centro la salvaguardia dei diritti dei lavoratori. Gli scenari che ha di fronte la Gran Bretagna sono quindi diversi. Alla fine May potrebbe comunque farcela.
Oppure ci potrebbe essere un parlamento senza un partito dominante e lì si innescherebbe il toto-alleanze per formare accordi tra i diversi schieramenti. Una potrebbe essere già pronta: un’intesa di tipo progressista, non sotto forma di coalizione, ma che preveda un governo di minoranza laburista, con Corbyn quindi premier a sorpresa, sostenuto esternamente dai deputati degli indipendentisti scozzesi di Nicola Sturgeon, dai libdem di Tim Farron e altre forze. May la definisce "una coalizione del caos" ma è stata proprio lei a scoprire il vaso di Pandora della politica britannica andando alle urne.
04.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel