Tutte le menzogne raccontate dal presidente americano
Immagini articolo
Il New York Times
ora "sbugiarda" Trump


In tutto 74 bugie "certificate" in 113 giorni di presidenza. Per ora un record. Il New York Times, che da quando Donald Trump ha conquistato la Casa Bianca ha investito 5 milioni di dollari in inchieste di qualità, ha tirato un primo, provvisorio bilancio. Sui discorsi e le frasi pronunciate (anche sui "social") dal presidente Usa, naturalmente.
E lo ha fatto con uno speciale intitolato "The liar in chief", un bugiardo al comando. Tanto che non è un caso se, dopo i consensi iniziali, oggi il 60 per cento degli americani come dicono i sondaggi pensa che Trump "non sia un presidente onesto". Il quotidiano ha pubblicato una lista di tutte le frasi che poi si sono rivelate false pronunciate da Trump in interventi pubblici dal giorno del suo insediamento, il 20 gennaio. Già il giorno dopo è giunta, puntuale, la prima bugia. Era il 21 gennaio: "Non sono stato un fan dell’Iraq". E poi "Non volevo andare in Iraq". Prima ha supportato l’invasione, poi si è dichiarato contro, ha sottolineato il giornale americano. Ancora il 21 gennaio : "Tra i 3 e i 5 milioni di voti illegali mi hanno fatto perdere il voto popolare". Peccato, spiegano i giornalisti, che non ci siano prove che i voti fossero illegali. Gli articoli sono stati poi accompagnati da grafici frutto di una attenta elaborazione dei dati. Proprio da grafici si scopre, ad esempio, che Trump raramente ha mancato un appuntamento con una bugia. La prima pausa l’ha presa il primo marzo. Secondo il giornale, inoltre, le altre volte in cui Trump non ha detto una bugia, magari "lanciandola" su Twitter, è quando è andato in vacanza nella sua residenza di Mar-a-Lago in Florida, oppure quando gioca a golf. In questi casi si prende una pausa.
Per il Nyt, ancora, Trump ha raccontato, con una certa disinvoltura, 20 menzogne pubbliche nei primi 40 giorni di presidenza. Ma quelle più gravi sono legate al caso Russiagate e all’ex direttore dell’Fbi, James Comey.
Per quanto riguarda la metodologia il Nyt spiega: "Abbiamo fissato uno standard conservativo, lasciando fuori molte dichiarazioni dubbie. Alcuni potrebbero obiettare che il presidente non parlava letteralmente ma crediamo che il suo modello di impiegare le falsità per i suoi scopi, come uomo d’affari e politico, faccia pensare che le sue affermazioni non siano semplicemente errori trascurabili".
25.06.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch