Analisi storica sul ruolo della Germania in Europa
"Berlino è ancora
il cuore economico"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


"La Germania della cancelliera Merkel si sta inevitabilmente sempre più profilando come la struttura politica, economica e cultura egemone in Europa". Parole dello storico Dan Diner, uno dei più prestigiosi interpreti del 20° secolo e docente di storia all’università di Gerusalemme. Che in questa intervista ci spiega "il nuovo ruolo egemoniale", come lo chiama lui, "della Germania nel 21° secolo".
Lei ritiene dunque che già oggi esista un "Kern-Europa", una avanguardia europea con la Germania al centro o come ‘nocciolo’ di questa sfera?
"Certo, di fatto già esiste ed è funzionante oggi un ‘Kern’ europeo con la Germania come polo centrale di attrazione economica ed influenza politica. La realtà è che questa funzione ‘dominante’ della cultura e politica tedesca al centro d’Europa disegna tutta una sua continuità storica dalla fine del 19° secolo, in epoca bismarckiana, attraverso le catastrofi del 20° secolo sino ad oggi, agli inizi del 21°".
Ma su cosa si fonda propriamente questo aspetto ‘egemoniale’ della cultura e politica tedesca?
"Si fonda sul fatto storico che, all’interno della storia in Europa, la cultura e l’ethos del lavoro e della produttività tedesca, la capacità come l’efficienza dell’organizzazione sociale in Germania si sono rivelate come le forme più moderne rispetto agli altri stati e culture del continente. È questa ‘Modernità’ della cultura del lavoro che ha segnato e segna ancora oggi nella Ue l’aspetto egemoniale del modello tedesco".
L’Unione europea, la Ue non dovevano essere un limite e una trasformazione del modello e dell’egemonia tedesca?
"Al contrario, dai Trattati di Roma a quelli di Maastricht e in particolare con l’unificazione delle due Germanie nel ’90 sotto Kohl vediamo come l’unità europea si svolge e dipana sempre dal ‘motore’ tedesco. E oggi con Angela Merkel notiamo come l’Ue, la sua politica e la sua etica del lavoro ed economia, diventano di fatto sempre più tedesche.  Come si vede anche dal nuovo equilibrio dell’asse Parigi-Berlino che Merkel e il più giovane Macron stanno ora ricostruendo".
16.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Inopportunità politiche
della Citta dei mestieri
L'INCHIESTA

Spie nei bancomat
truffano i turisti
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Continua la lotta
per liberare i nani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Le guerre danneggiano
la nostra economia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
L'amore d'antan
nel "Regality show"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.
06.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2018
01.06.2018
In occasione della "Settimana europea per lo sviluppo sostenibile", in programma dal 30 maggio al 5 giugno 2018, il Dipartimento del territorio (DT) ha aggiornato le pagine del proprio sito tematico, mettendo in evidenza attività e progetti promossi in collaborazione con i numerosi partner [www.ti.ch/sviluppo-sostenibile]
30.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile e primo trimestre 2018
29.05.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene:
manifestazione
contro l'intesa
sulla Macedonia

Valencia
pronta
a ricevere
l'Aquarius