Come sta cambiando la strategia dei lupi solitari dell'Isis
Immagini articolo
Il terrore si alimenta
con coltelli e machete


Si passa dalle bombe ai coltelli, dalle auto ai furgoni lanciati a tutta velocità sulla folla, e poi si ritorna ai coltelli. Anzi ai machete. C’è un’alternanza che segue uno schema preciso nella strategia del terrore dell’Isis. Basta pensare agli ultimi attacchi, a Bruxelles e a Londra, ma prima ancora ad Amburgo. Lupi solitari chiamati a muoversi attraversi appelli che passano da internet. Obiettivo numero uno: attaccare i poliziotti, creare un clima di incertezza, far lievitare la percezione della paura e dell’insicurezza. È questo che vuole l’Isis.
Intanto a Bruxelles e Londra hanno colpito con i  coltelli come è avvenuto in altre circostanze, ad esempio nella stessa Londra e ad Amburgo. Una strategia nuova, anzi vecchia che ritorna sistematicamente all’improvviso, quando non si possono organizzare attentati come quello avvenuto a Barcellona.
E a proposito di Barcellona, ieri, sabato, c’era anche il re di Spagna Filippo VI, con il premier Mariano Rajoy e il presidente catalano Carles Puigdemont al corteo (nella foto a sinistra) che ha attraversato i luoghi dell’attentato della cellula dell’Isis che ha portato morte e terrore sulle Ramblas. La manifestazione, alla quale ha partecipato mezzo milione di persone, si è aperta con un unico, enorme striscione bianco con la scritta "No Tinc Por", e cioè non ho paura. Lo striscione è stato portato da 75 rappresentanti dei servizi di sicurezza.


L’attacco in Belgio
"Rimane un caso isolato"
Indagini dopo l’agguato
L’aggressione è arrivata alle 20.30 di venerdì scorso, quando un uomo, un somalo di 30 anni, si è scagliato contro due soldati armato con un coltellaccio, probabilmente un machete, al grido di  "Allah Akhbar". I due hanno riportato ferite giudicate dai medici non gravi, uno al volto e l’altro a una mano. È successo nel centro di Bruxelles non lontano dalla Gran Place. I militari facevano parte di una pattuglia in servizio antiterrorismo che proprio nei fine settimana viene intensificato. I militari hanno sparato colpendo il somalo in più parti del corpo. L’aggressore è stato trasferito in ospedale dove poi è morto. Il Belgio è da tempo in massima allerta dopo gli attentati che lo hanno colpito e soprattutto dopo che sono state scoperte diverse cellule legate a movimenti e gruppi radicali, alcune direttamente al Califfato. "I primi elementi che abbiamo indicano che si tratta di un atto isolato e di una persona isolata", ha detto il sindaco di Bruxelles, Philippe Close. La magistratura indaga con l’ipotesi di reato di terrorismo.


L’aggressione in Inghilterra
L’inchiesta vuole chiarire possibili legami con l’Isis
La nuova strategia dell’Isis chiama all’azione i "lupi solitari", simpatizzanti o radicalizzati che non fanno parte dei commando. Gente che può agire senza dovere necessariamente fare i conti con covi o altre esigenze logistiche. E così a poche ore dall’attacco di Bruxelles ne è seguito un secondo a Londra. Anche qui, a quanto hanno riferito i giornali, l’uomo che venerdì   scorso si è scagliato contro tre agenti di polizia non lontano da Buckingham Palace avrebbe gridato "Allah Akhbar". E come in Belgio, dove le indagini vanno avanti nel più stretto riserbo, anche in Gran Bretagna si indaga per terrorismo. L’uomo, 25 anni, originario della città di Luton (50 minuti da Londra in pullman), è stato fermato per un controllo, ha spiegato Scotland Yard. Sul sedile dell’auto aveva "una spada lunga un metro", hanno raccontato gli agenti. Dopo l’aggressione, la fuga. E infine il fermo, non lontano appunto da Buckingham Palace. Si cerca ora di capire se l’uomo ha legami con cellule dell’Isis.


L’irruzione ad Amburgo
Quel machete al market era una spia da cogliere
Ma prima ancora di Londra e di Bruxelles in questa estate di terrore, un altro attentato simile era stato registrato in un supermercato ad Amburgo. A fine luglio un giovane era entrato in un supermarket armato con un machete e aveva ucciso un uomo di 50 anni e ferito diverse altre persone, cinque in modo serio. Era probabilmente un segnale, una spia di come sta cambiando la strategia del Califfato e di cosa chiede ora ai suoi "lupi solitari". Le indagini ad Amburgo stanno andando avanti. Anche in questo caso l’attentatore avrebbe gridato "Allah Akhbar". Si è trattato, ha scoperto la polizia, di un palestinese di 26enne originario degli Emirati Arabi. Gli era stata rifiutata la richiesta d’asilo in Germania. La sua fuga era stata bloccata da un gruppo di clienti del supermarket, tra i quali anche un tunisino che lo aveva colpito con una sedia. Secondo quanto è emerso in queste settimane il giovane "aveva contatti con ambienti salafiti". Era considerato "un caso sospetto" dopo la sua "radicalizzazione religiosa".
27.08.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2017
14.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2017
11.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, secondo trimestre 2017
07.09.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2017
06.09.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 settembre 2017.
05.09.2017
Pubblicati i dati di quattro ulteriori punti di misura delle PM2.5 in Ticino: Airolo, Locarno, Brione e Pregassona [www.ti.ch/oasi]
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2016
30.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
24.08.2017
Proscioglimento dagli obblighi militari 2017
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra
migliaia
manifestano
contro la Brexit

Bangladesh
Rohingya,
rischio di crisi
umanitaria

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch