La cacciata di Isis da Raqqa non scongiura nuove tensioni
Immagini articolo
L'agonia del Califfato
non esclude attacchi
GUIDO OLIMPIO


Dopo aver perso Mosul, in Iraq, l’Isis è stato cacciato dalla seconda roccaforte, Raqqa, in Siria. Luogo simbolico dove sono avvenute esecuzioni d’ostaggi e i militanti avevano comandi per dirigere attentati in Occidente.
In pochi mesi il Califfato ha subito perdite consistenti: il suo territorio è diminuito dell’87%, i suoi introiti legati al traffico del petrolio sono scesi del 90%, circa 6 milioni di essere umani non vivono più sotto la bandiera nera. Crollata la produzione di propaganda. Le stime statunitensi sostengono che la fazione può contare nel quadrante Siria-Iraq una forza che oscilla tra il 6500 e i 10 mila uomini in armi, più i simpatizzanti, difficili da quantificare in quanto il supporto è variabile e soggetto a fasi contingenti.
Mese dopo mese i mujaheddin hanno dovuto sostenere una serie di offensive. Usa e curdi nel nord della Siria, milizie sciite e regolari iracheni appoggiati da Iran e Stati Uniti in Iraq, russi e regime di Assad nel nord del Paese: tre assi di attacco che non potevano non incidere. Centinaia di combattenti hanno perso la vita, altrettanti sono stati costretti ad arrendersi, molti i dirigenti eliminati da azioni mirate o dai bombardamenti devastanti (anche per i civili) che si sono abbattuti sulle loro posizioni.
Ora i vertici di Daesh, con al seguito famiglie e unità, si stanno riposizionando nella valle dell’Eufrate, cercano nascondigli nel deserto, usano strade remote per spostarsi e riorganizzarsi. Non è facile quando si è sotto pressione, con il rischio costante di essere inceneriti da un missile. Però si sono preparati sul piano emotivo e pratico. Da tempo i quadri hanno esaltato non solo la cultura del martirio - unque va messa in conto la morte - ma anche quella della "sconfitta". I momenti dove tutto sembra perduto diventano il punto di partenza per rilanciare la sfida.
Gli analisti si aspettano che l’Isis torni all’antico puntando sulla guerriglia, su tattiche mordi e fuggi, su missioni affidate a nuclei rimasti in retroguardia oppure nascosti nelle città abbandonate. Lo si è visto in queste settimane. Parevano sull’orlo del collasso e sono stati capaci di sorprendere i lealisti siriani con incursioni a lungo raggio.
Altri militanti cercheranno di raggiungere aree lontane dove rilanciare la lotta: la Libia meridionale, il Sinai, il Pakistan, ovunque ci sia un’opportunità. Altri ancora potrebbero infiltrarsi di nuovo in Europa, anche se i controlli sono serrati e l’Interpol ha creato un grande database di informazioni. Il pericolo di attacchi è messo nel conto: perché è una minaccia concreta, ma anche per mettere le mani avanti.
L’agonia jihadista non deve far dimenticare un punto. Lo Stato Islamico non è la testa ma la coda del problema. Ci sono istanze, tensioni religiose ed etniche, contrasti regionali tra sunniti e sciiti che forniscono munizioni agli estremisti. Il nazionalismo iracheno, l’espansionismo iraniano, le sponde di alcuni attori del Golfo contribuiranno, su piani separati, a tenere vive le tensioni. Prima al Qaeda e poi i seguaci di al Baghdadi sono stati lesti nello sfruttare gli errori degli avversari. Lo faranno di nuovo. Basta guardare a cosa sta accadendo: Bagdad che muove i tank verso il Kurdistan, i turchi che entrano in Siria pronti a martellare altri curdi. Tutti membri della stessa coalizione che non hanno perso tempo ad anteporre la loro agenda particolare a quella del contrasto all’Isis. Non è un bel segnale.
22.10.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin