In Gran Bretagna cresce la voglia di un nuovo referendum
Immagini articolo
La Brexit ora fa paura
e si pensa al voto-bis
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Nella dura marcia verso la Brexit in Gran Bretagna molti si guardano indietro e cresce la tentazione per un secondo referendum. Quella che era solo una ipotesi remota inizia a prendere piede e anche osservando i sondaggi si comprende il progressivo cambiamento di umore a fronte delle difficoltà nei negoziati con Bruxelles e un certo clima di incertezza. Secondo una rilevazione condotta da Bmg Research per l’Independent, nel caso di un fallimento delle trattative il 57% dei cittadini sarebbe favorevole ad una nuova consultazione sul divorzio dall’Ue, dopo quella fatidica del 2016, mentre il 43% si dice contrario. Il mese scorso la percentuale dei favorevoli era del 54%.
Anche fra gli esponenti politici sembra che qualcosa sia cambiato. Perfino il grande euroscettico Nigel Farage, un po’ il padre putativo della Brexit, è arrivato a dire, per poi tentare goffamente una smentita, che serve un nuovo voto popolare per "mettere fine alla questione una volta per tutte". La proposta-provocazione di Farage, convinto che i britannici tornerebbero a scegliere l’addio all’Unione, ha così avuto l’effetto di ringalluzzire i maggiori avversari dell’ex leader Ukip, che si trovano sul lato opposto della barricata, quello europeista. Si tratta dei liberaldemocratici, dell’ex premier laburista Tony Blair molto attivo ultimamente, e di altri esponenti, in particolare fra le file del Labour. Per Tom Brake, portavoce dei libdem sul divorzio dall’Ue, "Farage non deve essere così convinto di poter vincere - ha affermato anche sulla base di altri sondaggi che mostrano una maggioranza nel Paese pro Remain - la gente ora è molto più consapevole dei costi della Brexit e delle menzogne diffuse dalla campagna Leave". Mentre il deputato laburista Chuka Umunna, ex blairiano della corrente liberal, ha sottolineato: "Forse per la prima volta nella sua vita Farage sta dicendo una cosa giusta". L’ipotesi del referendum bis viene invece vista come fumo negli occhi dai leader dei grandi partiti: sia dalla premier conservatrice, Theresa May, che la esclude del tutto e la definisce "un tradimento della volontà degli elettori"; sia dal capo dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, che la giudica "divisiva". Ma se fra i Conservatori al governo, e quindi incaricati di portare a termine la Brexit, la questione non si pone, fra i Laburisti all’opposizione, al cui interno prevale una maggioranza di Remain con "sacche" di elettori pro-divorzio, la possibilità è stata evocata da alcuni esponenti di spicco, fra cui il vice leader Tom Watson e il sindaco di Londra, Sadiq Khan.
Intanto le tentazioni britanniche vengono prontamente alimentate dall’Ue. "I cuori" dell’Europa restano "aperti" a un eventuale dietrofront di Londra sulla Brexit, ha fatto sapere il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, in un messaggio ai "nostri amici" d’Oltremanica. L’invito è molto chiaro: qualora "ci fosse un cambiamento nel cuore" dei sudditi di sua maestà, e questo potrebbe passare proprio per un nuovo referendum, "noi altri, sul continente europeo, non abbiamo cambiato il nostro cuore".
E nel proverbiale gioco del bastone e della carota Bruxelles fa anche intendere a Londra che la via per la Brexit sarà sempre più irta di ostacoli. Nelle ultime "direttive" messe a punto dagli Stati membri per il capo-negoziatore Michel Barnier, l’Ue intenderebbe irrigidire le richieste al Regno Unito durante il periodo di transizione dopo l’addio al blocco dei 28.
21.01.2018


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Troppa canapa light
e il mercato è saturo
L'INCHIESTA

Se lavori oltre i 65
rendite più ricche
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dagli esodati
ai pensionati d'oro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una tregua "olimpica"
riunisce le due Coree
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La folle corsa nucleare
non è solo propaganda
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La tendenza a esagere
...ereditata dai greci
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2018
12.02.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre 2017
12.02.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È in linea il nuovo dossier concernente la protezione dell'ambiente in Ticino
08.02.2018
La Segreteria del Gran Consiglio ha pubblicato la lista delle presenze dei Deputati alle sedute della legislatura in corso
07.02.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 febbraio prossimo
01.02.2018
Aggiornato il formulario della domanda di costruzione (versione 01.2018) [www.ti.ch/edilizia]
31.01.2018
Lingue e stage all'estero - 20 anni di scambi linguistici. Partecipa al concorso.
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Kosovo:
si festeggiano
i 10 anni
d'indipendenza

Messico:
la terra trema
e le paure
riaffiorano