Due economisti inglesi sull'ipotesi dell'Italia fuori dal'Ue
Immagini articolo
"Italexit sarà peggio
anche della Brexit"
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Non c’è dubbio, per il futuro dell’Europa una Italexit sarebbe peggio della Brexit". A sostenerlo è il professor Iain Begg, uno degli esperti più autorevoli della Chatham House, noto centro studi politico ed economico di Londra, riferendosi a una delle ipotesi emerse durante le polemiche politiche a Roma negli scorsi giorni. "Certo, tutto è possibile, ma un’uscita dell’Italia dall’Ue resta una opzione molto remota, nonostante tutta la retorica di questi giorni". Le conseguenze di Italexit, continua Begg, sarebbero infatti imprevedibili quanto dirompenti: "L’Italia non è solo un membro fondatore e grande sostenitore dell’integrazione europea, ma è anche impegnata in tutti gli aspetti dell’integrazione, inclusi i punti chiave rifiutati dalla Gran Bretagna, come l’euro e gli accordi di Schengen".
Per lo studioso, inoltre, uscire dall’Unione (che vorrebbe dire anche abbandonare l’euro) colpirebbe molto duramente l’economia. "Una nuova moneta - spiega il docente - subirebbe una svalutazione molto rapida, portando alla crescita dell’inflazione, e tutti i contratti denominati in euro sarebbero a rischio".
Poi, le banche italiane, già oberate da livelli preoccupanti di crediti deteriorati finirebbero rapidamente in crisi. "Ogni eventuale miglioramento per l’economia italiana emergerebbe solo nel medio e lungo termine", aggiunge Begg, con tutti i se e i ma del caso perché nel frattempo potrebbe verificarsi un crollo irreparabile". Anche l’Europa sarebbe destabilizzata da una Italexit ma probabilmente riuscirebbe a limitare i contraccolpi. I problemi maggiori resterebbero quelli per gli italiani. Ne è convinto anche Michael Cottakis della London school of economics, secondo cui con un’uscita dall’euro l’Italia entrerebbe in un periodo di forte recessione. "La durata di questo fenomeno non può essere prevista - aggiunge - in quanto Paese che esporta più di quanto importa potrebbe a un certo punto riprendersi ma il costo economico e umano sarebbe considerevole".
Comunque l’Italia, continua l’economista, non potrebbe in alcun caso uscire dal mercato unico europeo. "Avrebbe effetti ancora più devastanti sulla sua economia: la maggior parte dei suoi scambi commerciali avviene con gli altri membri dell’Ue. Molto più di quanto avviene fra il Regno Unito e l’Unione". Con uno scenario del genere, infatti, l’Italia entrerebbe in una recessione di lungo termine e si troverebbe quindi ad essere un Paese povero e isolato. Per Cottakis quello che Roma può cercare è un cambiamento delle regole europee e questo può farlo perché, a differenza del tentativo (fallito) del premier ellenico Alexis Tsipras, ha in Europa una influenza e un peso economico molto maggiore della Grecia.
03.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento