Il dramma dei 12 ragazzi thailandesi intrappolati in una grotta
Immagini articolo
Riprende a piovere
e cresce la paura
PATRIZIA GUENZI


Il via libera alle operazioni per liberare i 12 ragazzi thailandesi intrappolati dal 23 giugno nella grotta Tham Luang insieme al loro allenatore sembrava imminente. Ieri, sabato, avrebbero dovuto iniziare un percorso ad ostacoli duro e pericoloso che li avrebbe finalmente portati fuori dall’incubo, dopo 15 lunghissimi giorni. Poi le precipitazioni. E il contrordine: "Aspettate a scendere".
Sono ore disperate nella caverna-trappola. Tutto fa pensare che l’accampamento dei soccorsi diventi un campo permanente. E che ci vorranno giorni prima che i ragazzi escano. "Almeno tre o quattro", ha detto il governatore di Changrai, Narongsak Osatanakorn.
L’arrivo di precipitazioni monsoniche era il timore di tutti coloro che in questi giorni si stanno impegnando per trarre in salvo i ragazzi. Almeno sino a mercoledì le piogge aumenteranno di intensità. E la paura è che il livello dell’acqua nella grotta riprenda a salire.
In un primo momento, la strategia dei soccorritori era di ritardare il più possibile il momento del recupero. Troppo rischioso, i ragazzi dovevano ancora essere istruiti all’uso delle bombole e a un percorso irto di difficoltà. Mentre il governatore avvertiva: "Se aspettiamo troppo non sappiamo quanta pioggia ci sarà". La pioggia è arrivata e i ragazzi sono di nuovo bloccati mentre un intero Paese resta col fiato sospeso.
Tutto era pronto. "Li porteremo fuori uno ad uno per mano", spiegavano i soccorritori che in questi giorni avevano cercato di istruire al meglio tutti i ragazzi, che non sanno nuotare. L’idea era quella di tirarli fuori con le bombole, addestrandoli prima per garantire un "rischio minimo". Intanto, due settimane dall’inizio dell’incubo, i ragazzi hanno scritto ai genitori per rassicurarli. "Non vi preoccupate... siamo tutti forti", si legge in una serie di lettere scritte su fogli di quaderno. Anche l’allenatore dei ragazzi, il 25enne Ekkapol Chantawong, ha inviato una lettera alle famiglie dei ragazzi, porgendo le sue "scuse sincere" per l’incidente. Si sente responsabile e in questi giorni il poco cibo a disposizione l’ha lasciato ai suoi ragazzi. Fallito, invece, il tentativo di installare una linea telefonica all’interno della caverna.
Le squadre dei soccorritori nei giorni scorsi sono riuscite a installare una condotta per l’aria, dopo il preoccupante calo del livello di ossigeno all’interno della caverna. E sino alle prime ore di ieri, sabato, tutto sembrava pronto. Mentre fuori, dove sostano 13 ambulanze, la gente grida "Hooyah! Hooyah! Hooyah!".  Forza, forza, forza. "Tirateli fuori, ragazzi, e fate presto".  
Tra le tante idee messe a punto in questi giorni per salvarli, anche l’ipotesi di utilizzare una trivella per scendere dal monte. Niente. Il solo modo per tentare di trarli in salvo resta quello iniziale: immergersi nella grotta, scivolare dentro il pantano per quattro chilometri, aggrapparsi alle rocce strettissime, strisciare sugli speroni taglienti.
Ad aiutare i soccorritori sono arrivati anche alcuni ingegneri che lavorano per Tesla, Space X e Boring Company, tre delle aziende tecnologiche di spicco dell’imprenditore statunitense Elon Musk.
08.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta