il mea culpa del papa in Irlanda per lo scandalo pedofilia
Immagini articolo
"Provo vergogna!
La Chiesa ha fallito"
R.C.


Non posso che riconoscere il grave scandalo causato in Irlanda dagli abusi su minori da parte di membri della Chiesa incaricati di proteggerli ed educarli". Così Papa Francesco, ieri, sabato, a Dublino, per la due giorni di visita in occasione dell’Incontro mondiale delle famiglie, parlando al Castello della città, ha toccato il tema più delicato: gli abusi sessuali su minori perpetrati da preti per decenni. Nel suo discorso di fronte al primo ministro irlandese a "Dublin Castle", Francesco ha detto di "provare vergogna" per lo  scandalo della pedofilia che pesa sulle spalle della Chiesa irlandese. "Il fallimento dei responsabili della Chiesa nell’affrontare adeguatamente questi crimini ripugnanti ha giustamente suscitato indignazione e rimane causa di sofferenza e di vergogna per la comunità cattolica. Io stesso condivido questi sentimenti", ha aggiunto.
Ad accoglierlo all’aeroporto nel pomeriggio era stato il premier Leo Varadkar, 39 anni, gay dichiarato. Anche lui nel discorso di accoglienza aveva fatto riferimento agli "aspetti oscuri" della chiesa irlandese travolta dagli scandali: "Le ferite sono ancora aperte e c’è molto da fare per ottenere giustizia, verità e guarigione per le vittime e i sopravvissuti. Santo Padre, io le chiedo di usare la sua influenza per assicurare che questo sia fatto qui in Irlanda e in tutto il mondo". Dal gennaio del 1975 sono state 1.259 le denunce di abusi contro 489 sacerdoti e religiosi in 26 diocesi. Di questi solo 36 sono stati portati di fronte ai tribunali penali. Il papa ha ricordato la sua recente lettera al popolo di Dio sullo scandalo pedofilia: "Un maggiore impegno, per eliminare questo flagello nella Chiesa a qualsiasi costo". Ha poi aggiunto che servono "norme stringenti" per rimediare gli errori del passato. Fuori dal Castello, dove è avvenuto l’incontro, un gruppo di "sopravvissuti" ha manifestato pacificamente dietro le transenne per protestare contro la mentalità ecclesiale che ha permesso a molti vescovi di non essere puniti per gli insabbiamenti degli scandali.
È da tempo che le vittime della pedofilia chiedono al Vaticano di istituire un Tribunale ad hoc per punire i vescovi che si sono resi responsabili delle coperture delle denunce dei fedeli.
26.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

I matrimoni politici
impossibili (o quasi)
L'INCHIESTA

Il bluff della canapa light
in 5 minuti diventa droga
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Gli affari d'amore
non si fanno in banca
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra senza confini
dei "mercenari killer"
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Atene: scontri
alle celebrazioni
per la Rivolta
del Politecnico

CIA:
il principe saudita
ha fatto uccidere
Khashogggi