Rientrata la crisi politica in Italia sul decreto fiscale
Immagini articolo
Salvini e Di Maio,
gli "amici ritrovati"
REDAZIONE CAFFÈ


Mentre gli investitori stanno abbandonando l’Italia (da agosto sono partiti verso l’estero, molti in Svizzera, ben 17 miliardi), a Roma è andata in scena la "pace ritrovata" fra la Lega e il Movimento 5 Stelle.
Alla fine del Consiglio dei ministri, convocato ieri, sabato, in tutta fretta dal presidente Giuseppe Conte per rispondere alla lettera della  Commissione europea, che ha bocciato il progetto di bilancio italiano, e mettere fine ad una bagarre fra i sui vice, è stato riscritto il decreto che aveva fatto litigare Matteo Salvini e il leader del Movimento 5 Stelle Di Maio. Il condono ci sarà, ma in versione ridotta: la "pace fiscale" varrà solo per chi ha fatto la dichiarazione dei redditi. Dal testo saranno cancellati lo scudo fiscale e il condono penale per il rientro dei capitali all’estero. "La non punibilità prevista in precedenza avrebbe dato un segnale di fraintendimento - ha chiarito il premier Conte - viene introdotto una specie ravvedimento operoso". Ovvero la possibilità di presentare una dichiarazione integrativa fino ad un massimo del 30% in più rispetto a quanto già dichiarato. Il tutto - è stato precisato - con un tetto di 100 mila euro per anno d’imposta.
Pace fatta fra Lega e M5stelle, dunque. "Amici ritrovati", come ha detto Luigi Di Maio che poi si è recato alla grande festa del movimento al Circo Massimo di Roma. "Amici mai persi", come ha aggiunto Salvini, dopo una settimana di insulti. Dal "non passo per scemo" e "basta sceneggiate" del leghista, al "non sono un bugiardo né distratto" del pentastellato. Il tutto all’insegna delle "manine" misteriose che avrebbero modificato il decreto sul condono fiscale approvato settimana scorsa con tanto di "scudo" per i capitali all’estero e l’impunibilità in caso di riciclaggio. Manina che Conte ha ridimensionato a "fraintendimento".
Ma la serie di "complimenti", conditi con la minaccia di Di Maio di denunciare il misfatto in procura, non hanno fatto bene all’economia italiana. Lo spread, la differenza di rendimento fra un titolo di Stato italiano e uno tedesco, è salito oltre i 340 punti, raggiungendo i massimi dal 2013. Il taglio del rating da parte di Moody’s, una delle più importanti agenzie di valutazione della solidità finanziaria di società e Stati, ha declassato l’Italia a "BAA3". In pratica viene considerata un Paese per investimenti "di media qualità, soggetto "a rischio futuro". Sullo stesso livello di Romania e Ungheria. Un punto in meno ancora e sarebbe rientrata nell’area sconsigliata per gli investimenti.
Una valutazione che non ha impensierito il vicepremier Di Maio,  che ha detto di aver accolto il responso di Moody’s "con un grande sorriso: ce l’aspettavamo". In merito al chiarimento avuto nel Consiglio dei ministri, Di Maio ha dichiarato che "grazie a questo decreto nasce uno Stato amico che aiuterà la parte più debole dei contribuenti".
Parole di soddisfazione anche da Salvini: "Finalmente si chiudono due o tre giorni surreali. Nessuno aveva intenzione di scudare, condonare, regalare, non tutto il male vien per nuocere, tutto è bene quel che finisce bene". C’è l’accordo, ha aggiunto il ministro dell’Interno "per recuperare quello che c’era nel contratto e non aveva trovato spazio, il saldo e stralcio delle cartelle di Equitalia, per le persone che versano in difficoltà economiche. Chiudiamo questa settimana con serenità, fiducia, compattezza e con questo impegno".
Rispetto alla lettera della Commissione Ue che ha segnalato "un non rispetto particolarmente serio con gli obblighi del Patto di stabilità", Conte ha assicurato che il rapporto con le istituzioni europee si svolge in un "clima di dialogo e di disponibilità". Ma non pensa di cambiare rotta. Di Maio, in precedenza, a nome del governo aveva  smentito che "si sia pensato a una riduzione del deficit che resta al 2,4%. Se dovessimo ridurlo non avremmo la riforma alla Fornero, il reddito di cittadinanza". Infine Salvini ha assicurato Bruxelles, ma impensierito la Francia: "Non c’è e non ci sarà nessun proposito di uscire dall’Ue o dal sistema della moneta unica. Stiamo bene in un continente, tranne ai confini della Francia. Ma là mando le pattuglie della Polizia e il problema è risolto".
21.10.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

"Mi sento vittima
di un complotto"
L'INCHIESTA

'No a piatti di plastica
alle feste e alle mense'
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I soldi dei contribuenti
per pagare il karaoke
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Trump con i tassi bassi
sogna d'essere Reagan
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Come i killer dell'Isis
ma non sono terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
07.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 novembre prossimo
26.10.2018
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2017 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
26.10.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da sabato 27 ottobre 2018 alle ore 8:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
24.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 5 novembre 2018.
23.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre e in Val Poschiavo dal 16 ottobre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Bregaglia
22.10.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2018
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch


Degenera
manifestazione
a Barcellona

Trump
denunciato
dopo la stretta
sull'asilo