Una riforma annunciata dal presidente ptima del voto
Immagini articolo
Trump in contropiede
sui nuovi svravi fiscali
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


L’ultimo coniglio dal cappello Donald Trump lo ha tirato fuori a pochi giorni dal voto di novembre cogliendo tutti di sorpresa, compresa Capitol Hill che l’anno scorso aveva faticato a condurre in porto la prima manovra fiscale della Casa Bianca. Il presidente-prestigiatore ha lanciato una proposta dalla sicura presa elettorale: dopo i maxi-tagli a favore delle aziende e degli americani più ricchi, adesso sarebbe la volta della middle class. Scarsi i dettagli dell’iniziativa, criticata subito dai democratici come la riprova che la prima manovra fiscale di Trump, il Tax Cuts and Jobs Act del 2017, non sta particolarmente aiutando i candidati repubblicani nella prossima tornata elettorale.
L’"October Surprise" è arrivata a due riprese. "Stiamo studiando 24 ore su 24 come arrivare a nuovi sgravi che non riguardino affatto le imprese", ha detto Trump ai giornalisti che lo avevano seguito in Nevada gettando nello sconcerto  lo staff della Casa Bianca che non ne sapeva nulla. Proclamandosi un "nazionalista" - termine che ha immediatamente fatto fare un salto sulla sedia ai commentatori liberal - qualche giorno dopo Trump ha poi annunciato di aver chiesto a Capitol Hill di ridurre le imposte per la classe media, il cuore pulsante dei trumpiani doc, di circa il 10%. "Non c’è tempo per votare la manovra adesso, lo faremo dopo le elezioni", aveva aggiunto il presidente.
L’annuncio è arrivato mentre l’attività parlamentare è ferma: deputati e senatori sono da settimane tornati ciascuno nel proprio collegio per preparare il voto di midterm. Cosa intendeva dire il presidente? Alla Casa Bianca i suoi collaboratori hanno scartabellato ritagli di giornali, messaggi Twitter e spezzoni tv alla ricerca di qualcosa che avesse potuto ispirare il tycoon.
Ad accrescere il mistero sono state le contraddizioni contenute nell’annuncio. Trump ha detto che lo Speaker della Camera Paul Ryan è stato coinvolto nel drafting della proposta, ma l’ufficio di Ryan, che non si ripresenterà il 6 novembre per il rinnovo del mandato parlamentare, ha girato alla Casa Bianca  le richieste di chiarimento. Il presidente ha poi parlato di una "risoluzione" a proposito del meccanismo che farebbe scattare i nuovi tagli, ma per condurre in porto una manovra economica così importante come quella prospettata nei giorni scorsi serve il voto del Parlamento. "Mi sa che sta mettendo il carro davanti ai buoi", ha commentato Kyle Pomerleau, economista del think tank no-profit Tax Foundation. Mentre Jason Furman, professore della Harvard Kennedy School of Government, ha fatto una stima approssimata dei costi del provvedimento in circa 2 mila miliardi del prossimo decennio: tutto approssimativo, d’altra parte, in assenza di maggiori particolari.
Intanto il consenso intorno alla prima manovra di Trump continua a diminuire. Secondo un sondaggio Monmouth University, solo il 34 per cento degli americani approva, contro il 41 che disapprova. "La manovra non è mai piaciuta. E le crescenti incertezze su cosa succederà alle tasche dei contribuenti non sembra aiutare le prospettive del Gop (i repubblicani) a novembre", ha detto Patrick Murray, direttore dei sondaggisti dell’istituto. I timori sono quelli relativi al debito. In agosto un rapporto dell’Ufficio per il bilancio del Congresso ha mostrato che il deficit federale è salito del 20 per cento nei primi 10 mesi dell’anno fiscale 2018 in gran parte a causa dei tagli fiscali voluti dai repubblicani. Cifre da capogiro, secondo il Cbo: 1,46 trilioni di dollari in dieci anni o un trilione circa se aggiustato alla crescita economica, con un aumento del deficit di altri 230 miliardi di dollari solo il prossimo anno.
28.10.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur