Torna la tensione tra la Striscia di Gaza e Israele
Immagini articolo
La centrale nucleare
nel mirino della Jihad
R.C.


Si riaccende la tensione in Medio Oriente. Ieri, sabato, dalla Striscia di Gaza è partito un fitto lancio di razzi in direzione di Israele, che ha risposto con dei raid dell’aviazione militare. L’inviato delle Nazioni Unite in Medio Oriente, Nickolay Mladenov, ha chiesto un cessate il fuoco ma la Jihad islamica palestinese ha risposto minacciando di colpire la centrale atomica israeliana di Dimona, l’aeroporto di Tel Aviv e i porti di Ashdod e di Haifa.
L’escalation, la prima dopo la vittoria di Benjamin Netanyahu alle elezioni dello scorso 9 aprile, ha avuto inizio venerdì. Durante la Grande marcia del ritorno, che raduna ogni settimana centinaia di militanti palestinesi al confine con Israele, c’è stato uno scontro nella zona di Khan Younis. Un cecchino palestinese ha aperto il fuoco ferendo due soldati israeliani e l’esercito di Tel Aviv ha reagito con colpi di cannone sulle postazioni dei militanti. Quattro di loro sarebbero deceduti.
Dall’alba del giorno seguente, sabato, i palestinesi hanno proseguito le ostilità lanciando almeno centocinquanta razzi verso Israele. La maggior parte è stata intercettata dal sistema di difesa Iron Dome, ma alcuni ordigni hanno colpito degli edifici. Si segnala in particolare un razzo che ha colpito una scuola a Kiryat Gat, fortunatamente chiusa per il riposo sabbatico. Ma una donna che si trovava nelle vicinanze è rimasta ferita in modo grave, secondo quanto comunicato dai sanitari. Anche ad Ashkelon, città costiera nel sud di Israele, si registra un ferito, un uomo colpito dalle schegge di un razzo. Un altro ordigno ha colpito il tetto di una casa, sempre ad Ashkelon. La coppia che era in quella casa si è salvata perché, al suono delle sirene di allarme, aveva appena raggiunto l’apposita stanza blindata. Le autorità israeliane hanno ordinato l’apertura immediata dei rifugi nelle zone che si trovano in un raggio di 40 chilometri da Gaza.
Sempre ieri, sabato, l’aviazione di Tel Aviv ha risposto ai razzi palestinesi con un vasto attacco, nell’ambito del quale sono stati colpiti "una trentina di obiettivi terroristici di Hamas e della Jihad islamica palestinese", secondo quanto comunicato dal portavoce militare. Si tratterebbe di strutture per la produzione di armi, piazze di addestramento e una struttura navale di Hamas. Secondo fonti palestinesi, tre persone sarebbero morte, tra cui una bambina, e altre quattro sarebbero rimaste ferite. Israele ha inoltre annunciato la chiusura dei valichi con la Striscia di Gaza, quello pedonale di Eretz e quello merci di Kerem Shalom.
Sia le Nazioni Unite sia l’Egitto, che prima delle elezioni israeliane erano riusciti a far raggiungere una tregua, starebbero ora cercando di calmare le acque. Ma a preoccupare sono le minacce della Jihad islamica contro obiettivi strategici in Israele. La radio militare ha spiegato che i voli da e per l’aeroporto di Tel Aviv sono già stati deviati verso una rotta più settentrionale.
05.05.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

"Sogniamo una spesa
senza più plastica"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'ufficio del futuro
senza più fogli di carta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Trump cerca
di arginare
il dolo
dei dazi

Partiti i satelliti
Starlink
da Cape
Canaveral