function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
In Francia torna la paura mentre si cerca l'attentatore
Immagini articolo
Porta dritto all'Isis
l'esplosivo usato a Lione


Per adesso è una traccia. Una traccia che comunque porta lontano. Almeno come ipotesi investigativa. Perché a Lione, dove venerdì c’è stata una esplosione in centro, è stata trovata una quantità, una quantità minima  di esplosivo Tatp, il perossido di acetone. Si tratta - riferiscono gli inquirenti - dello stesso tipo di esplosivo usato dall’Isis in diversi attentati in Europa. Ma non è ancora detto che dietro la bomba probabilmente comandata a distanza a Lione ci sia lo Stato islamico. Anche perché la polizia non ha fatto alcun accenno ad una possibile responsabilità dell’Isis. Inoltre sino ad ora non ci sono state rivendicazioni, neppure su internet come invece spesso accade.
Fonti sempre della polizia che stanno svolgendo accertamenti sull’attentato nel centro di Lione che ha provocato il ferimento di tredici persone (alcune gravi sono state sottoposte a interventi chirurgici per l’estrazione delle schegge), hanno fatto sapere che la scientifica ha isolato un Dna sui reperti utilizzati per le indagini.
Durante la conferenza stampa di mezzogiorno di ieri, sabato, il procuratore della Repubblica Remy Heitz ha parlato di "90 inquirenti e 30 tecnici della polizia scientifica mobilitati" per individuare l’attentatore di Lione. Ma per ora di lui non c’è alcuna traccia. Sempre il procuratore Heitz ha inoltre spiegato che l’ordigno esploso era "telecomandato a distanza". Il magistrato ha poi parlato di "diverse testimonianze" e di una caccia all’uomo che continua senza sosta in tutto il Paese.
L’attentato si è verificato in una zona pedonale nei pressi di Place Bellecour, proprio nel cuore della cittadina francese. Il pacco, secondo la polizia, sarebbe stato "riempito di chiodi, viti e bulloni ed era posato per strada". Un uomo in bicicletta è sospettato di aver depositato il pacco bomba che è poi esploso. Per la polizia portava occhiali scuri, una maglietta nera a maniche lunghe e bermuda chiari.
Venerdì sera, appena appresa la notizia, il presidente francese Emmanuel Macron, aveva postato su Twitter un messaggio: "Penso ai feriti dell’esplosione di Lione, alle loro famiglie colpite dalla violenza che si è abbattuta in strada sui loro cari e a tutti i cittadini di Lione. Siamo al vostro fianco".
26.05.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00