Il presidente americano ha parlato di "virus straniero"
Immagini articolo
Trump sbaglia i conti
poi fa marcia indietro
ALESSANDRA BALDINI DA NEW YORK


Il governatore di New York, Andrew Cuomo, prevede per il suo stato "la stessa traiettoria" della Cina. Il medico del Congresso, Brian Monahan, paventa fino a 150 milioni di casi di contagio. Il New York Times parla di un milione e mezzo di decessi possibili. Mentre negli Usa è virtualmente impossibile sottoporsi al tampone, il presidente Donald Trump, si è svegliato dopo essere partito all’attacco del "virus straniero" bloccando inizialmente solo gli arrivi (non per americani, irlandesi, britannici, e "carte verdi") provenienti da Paesi europei.
Per gli americani "il rischio è basso, molto basso", aveva detto il presidente nel suo secondo discorso in prima serata alla nazione (il primo era stato quello sull’annuncio del muro con il Messico), mentre il virus era già arrivato negli Stati Uniti da settimane. Poi, la frettolosa marcia indietro, con la dichiarazione dello stato d’emergenza nazionale mentre Wall Street non smetteva di salire e scendere e i contagi aumentavano (2.175 sino a ieri sera, sabato, e 47 decessi). Il provvedimento annunciato consente di sbloccare 50 miliardi per combattere la pandemia e di mettere in campo iniziative per fare i test e guadagnare il tempo perso. La preoccupazione deve essere tanta, visto che Trump ha pure tolto i dazi sulle importazioni di apparecchi e prodotti medici dalla Cina. Insomma, un brusco cambio di rotta. Eppure sino a pochi giorni fa il presidente, 73 anni, aveva avvertito gli americani anziani: "State attenti, molto attenti", aveva detto nel discorso dallo stampo nazionalista scritto dal suo consigliere Stephen Miller, il padrino delle più crudeli politiche anti-immigrazione dell’America trumpiana. Mai, nei dieci minuti del messaggio, era entrato in merito alla scioccante difficoltà di chi non è già gravemente malato di farsi testare. "Un fallimento colossale da parte di questa amministrazione", ha accusato l’ex vicepresidente e potenziale sfidante di Trump in novembre, Joe Biden.
Tom Hanks e Rita Wilson ci sono riusciti: l’ex Forrest Gump e la moglie hanno scoperto di essere positivi perché erano a Sydney quando una febbriciattola e dolori li hanno indotti a ricorrere al medico: ora sono in isolamento e da "Down Under" hanno mandato a dire che "è così che si fa", la prevenzione attuata dall’Australia dovrebbe essere imitata da tutti i paesi del mondo. Trump, nel suo messaggio, non aveva dato consigli agli americani su come affrontare i difficili giorni che aspettano gli Usa. A telecamere spente l’amministrazione ha dovuto correggere parte del discorso: il bando agli arrivi dall’Europa si applica alle persone, non aalle merci.
Trump ha inizialmente ignorato l’emergenza definendola un "falso" orchestrato dalle sinistre e dai media progressisti per mettere in crisi la sua presidenza facendo crollare l’economia. L’epidemia si spegnerà in primavera, ai primi caldi, come succede con l’influenza, aveva pronosticato il presidente che, sempre vantando di avere il Dna di un genio grazie a uno zio professore a Mit, aveva professato "di capirci molto in fatto di virus", forse, aveva aggiunto, "per capacità innate".
Di fronte a tanto caos tocca a singoli e a istituzioni porre in atto azioni di contenimento e mitigazione della pandemia: molte aziende tra cui colossi come Google e Apple hanno optato per il telelavoro, nei college, anche i più prestigiosi come Harvard, Yale, Princeton e Stanford, le lezioni saranno online. Stop anche a football, hockey, baseball mentre le gare Nascar si svolgeranno senza spettatori.
15.03.2020



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00