function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Continuano gli episodi di violenza in Myanmar
Immagini articolo
Dura repressione a Rangoon
uccisi altri tre dimostranti
R.C.


Centinaia di persone continuano a sfidare il coprifuoco a Rangoon, la più grande città del Myanmar (ex Cambogia), incuranti delle conseguenze.  Nella notte fra venerdì e sabato, durante le veglie per ricordare le decine di persone uccise da quando i militari hanno preso il potere, la polizia è di nuovo intervenuta duramente.
Altri tre manifestanti, sono stati uccisi brutalmente.  I filmati condivisi sui social media mostrano gli agenti che trascinano tre persone per le strade di Rangoon, colpendoli ripetutamente alla testa.  I manifestanti hanno dovuto aspettare che la polizia smettesse di sparare per recuperare i corpi dei primi due. I media "Democratic Voice of Burma" e "Khit Thit Media" ne hanno confermato la morte. Il terzo è deceduto poche ore dopo per le ferite riportate.
La giunta militare sta dispiegando un crescente uso della forza per contrastare le manifestazioni quotidiane contro il colpo di stato del primo febbraio. Secondo quanto riporta l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici - un’organizzazione non profit per la difesa dei diritti umani che ha sede in Thailandia - , dall’inizio delle proteste sarebbero state più di 70 le persone sono uccise dai militari. Nonostante centinaia di migliaia di manifestanti continuano a riunirsi in tutto il Paese per chiedere il rilascio  della Consigliere di Stato, Aung San Suu Kyi - arrestata nel colpo di stato - e il ritorno alla democrazia. Tutti i poteri sono ora in mano al generale Min Aung Hlaing che accusa l’ex  leader legittimo del Paese di aver accettato una tangente da 600mila dollari e  lingotti doro, quando era al governo. Ma senza portare prove.
13.03.2021


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00