La prova su strada
Immagini articolo
La Ampera elettrica
rivoluziona le batterie
STEFANO PESCIA


Una positiva scossa firmata Opel anima con interesse il mondo delle vetture elettriche. Nella sua categoria la nuova Ampera-e rivoluziona la precedente Ampera. Si presenta come il prodotto di riferimento a un prezzo interessante, da 41’900 franchi. È capace di unire la tecnologia della batteria di ultima generazione al piacere di guida, con ottimali valori di elasticità e accelerazione. Un’interessante e compatta automobile che certamente non propone solo un passo in avanti nell’autonomia a emissioni zero, che si fissa a circa 500 km, a dipendenza dello stile di guida del conducente e della rete stradale percorsa. Con la lunghezza di 4,17 metri può infatti ospitare fino a cinque passeggeri, garantire una generosa abitabilità nella parte posteriore e una capacità del bagagliaio variabile da 381 a 174 litri. Misure che si dimostrano superiori alla media dei modelli di simile lunghezza grazie anche all’integrazione, senza spreco di spazio, dei dieci moduli della batteria. Infatti il pacco batteria è interamente collocato nella parte inferiore del telaio. La medesima è formata da 288 celle agli ioni di litio.
Le prestazioni del motore elettrico corrispondono ad una potenza di 204 cv, con una coppia massima di 360 Nm. La compatta vettura accelera da 0 a 50 km/h in 3,2 secondi mentre, la fase di sorpasso da 80 a 120 km/h, è in grado di effettuarla in soli 4,5 secondi. La vettura scatta da 0 a 100 in 7,3 secondi e raggiunge una velocità massima limitata a 150 km/h. La Ampera-e dispone di un equipaggiamento identico ai modelli a motorizzazioni tradizionali.
Sono pure presenti i sistemi di infotainment IntelliLink di ultima generazione e, naturalmente, Opel OnStar. I sistemi Intellilink sono compatibili con Apple CarPlay e Android Auto e portano il mondo degli smartphone su Ampera-e, permettendo ai passeggeri di avere pieno accesso alla musica preferita o di scaricare film e video. Per rendere il modello adatto a una pratica mobilità è in grado di ricaricare le batterie anche quando è in movimento. Per farlo, il conducente deve semplicemente rilasciare il pedale dell’acceleratore nella normale modalità "drive".
Durante le fasi di rilascio la vettura recupera automaticamente energia dal motore elettrico che funge anche da generatore. L’effetto frenante del propulsore aumenta quando il conducente passa in modalità "low", andando così a incrementare il recupero energetico. Azionando un comando posto dietro il volante, il conducente può inoltre selezionare la modalità "regen on demand" per massimizzare il recupero di energia. Alle stazioni di ricarica rapida pubbliche a corrente continua da 50kW può essere inoltre "ricaricata" per ulteriori 150 chilometri in mezz’ora.
Nuova energia che può essere ottenuta anche da una stazione di ricarica domestica (Wallbox) da 4,6kW. In caso di necessità è pure possibile utilizzare una comune presa domestica. Inoltre Ampera-e può essere ricaricata a tutte le stazioni pubbliche a corrente alternata di tutta Europa. s.p.
11.06.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni