Renault Alpine, un ritorno dal glorioso passato
Immagini articolo
Una mitica sportiva
da guidare ogni giorno
STEFANO PESCIA


Lunga 4.18 m e alta 125 centimetri, la nuova Alpine A110, erede della mitica coupé degli anni Cinquanta e Sessanta, è arrivata sulle strade con tutto il suo fascino. Un fascino che evidentemente deve aver colpito parecchio visto che i primi 1955 esemplari della Première Edition (1955 unità, come l’anno di fondazione della piccola casa francese, poi assorbita da Renault) sono stati venduti a scatola chiusa. Questo significa che chi decide di ordinare ora una A110 non la vedrà prima della metà del 2018, considerato che la produzione di "serie" inizia solo fra qualche settimana. Sotto le forme rétro della Alpine, si nasconde una moderna tecnologia, per poter ottenere una sportiva di grande agilità e leggerezza. L’intera struttura (pianale, telai di supporto della meccanica e pannelli della carrozzeria) è in lega di alluminio. Il peso della vettura è di 1080 kg. L’Alpine A110 si pone come obiettivo di essere una biposto utilizzabile tutti i giorni, pur mantenendo al contempo le prestazioni e la maneggevolezza di una vera sportiva. La vettura è ben accessibile e rifinita con elementi che richiamano le Alpine "storiche" e la capacità di carico è discreta (200 litri). Di cui 100 nel vano anteriore (sopra il serbatoio della benzina) e altrettanti in quello posto dietro il motore, al termine della coda. L’impianto di scarico sportivo; il sistema audio Focal e i sedili sportivi monoscocca Sabelt completano il look. Le dotazioni della vettura, comprendono anche un climatizzatore automatico, radar per la retromarcia e un sistema di infotainement con schermo tattile da 7 pollici. Con lo stesso potete pure gestire in particolare la navigazione e l’impianto audio. Tre i colori a disposizione della A110: il classico Blu Alpine, in bianco o nero. Il motore della compatta sportiva è posto subito dietro i sedili, in posizione trasversale. Si tratta di un 1.8l turbo a iniezione diretta derivato dal quattro cilindri 1.6l montato, tra l’altro, nella Renault Clio Rs. La cilindrata maggiore, un diverso turbo e un nuovo sistema di scarico con valvola attivata elettronicamente consentono di ottenere 252 Cv. Il cambio Getrag è di tipo robotizzato a doppia frizione. L’innesto delle sette marce può avvenire anche tramite le levette in alluminio ancorate al piantone dello sterzo. Le prestazioni diventano quindi decisamente da pista, anche grazie alla distribuzione dei pesi che ha una certa prevalenza sulle ruote dietro (il 56 per cento) che sono pure più larghe (255 mm) di quelle anteriori (205 mm). La guida trae beneficio dallo schema raffinato delle sospensioni, dal servosterzo diretto e dai freni a disco Brembo (con supporti in alluminio, che complessivamente permettono di risparmiare 2,5 kg). Tre le modalità di guida selezionabili (Normale, Sport e Pista), mentre le prestazioni sono proprio da sportiva: 0-100 km/h in 4,5 secondi e 250 km/h di punta (velocità limitata elettronicamente).
14.01.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole