Il senatore Lombardi rassicura le redazioni
Immagini articolo
"Assoluta indipendenza
per i miei giornalisti"
LIBERO D'AGOSTINO


Ai giornalisti di TeleTicino e Radio 3i assicura indipendenza e autonomia redazionale; a politici ticinesi, il senatore ppd Filippo Lombardi, presidente di Timedia, riserva invece vigorosi fendenti: "Bello eh, solo adesso si preoccupano del pluralismo dell'informazione".
Senatore, eppure ben 17 deputati, e di tutti i partiti, hanno firmato un'allarmata  interrogazione sul futuro riassetto di Timedia, che avrà il Corriere del Ticino come azionista di maggioranza?
"Pe nove anni da direttore del Gionale del popolo ho lottato con le unghie e con i denti per tenere in piedi la testata e salvare 50 posti di lavoro. Nessun politico si è mai preoccupato della sua esistenza e della perdita per il pluralismo dell'informazione. Per 18 anni ho combattuto per difendere TeleTicino che rischiava di chiudere, e nessun politico si è mai fatto avanti. Sono contento che questi deputati abbiano oggi scoperto il pluralismo dell'informazione".
Ma preoccupate per la loro autonomia sono anche le redazioni di TeleTicino e Radio3i?
"Se un giornalista non fosse preoccupato per la sua autonomia non sarebbe un buon giornalista. Posso rassicurare le redazioni che ho la forza, la competenza professionale, ma anche molta fiducia nel nostro partner, per continuare a garantire la loro piena indipendenza".
Lei resterà presidente, ma con una quota azionaria minima di Timedia. Crede davvero che avrà la forza per garantire l'autonomia delle redazioni, di fronte ad un'azionista di maggioranza come il CT, che avrà il 76% del capitale?
"Posso assicurare che regoleremo contrattualmente questa mia funzione di presidente e garante dell'autonomia e indipendenza delle redazioni. Che del resto sono sancite negli statuti, nelle linee editoriali e nella concessione ottenuta da Berna".
Se va in porto il riassetto della Holding Timedia, il CT diventa  l'azionista di riferimento di Teleticino e Radio 3i, due emittenti finanziate fino al 50% con i soldi pubblici del canone. Non pensa che il CT, testata della carta stampata, beneficerà così, anche se indirettamente, dei contributi pubblici che vanno ad una Tv e una Radio sotto  il suo controllo?
"Assolutamente no. La legge è chiarissima. I soldi del canone sono solo per la produzione televisiva e radiofonica. Inoltre l'Ufficio federale delle comunicazioni controlla e spulcia i bilanci anche per impedire riversamenti trasversali di fondi".
Non le pare, comunque, una situazione quantomeno anomala?
"Per nulla. In Svizzera la meta delle Radio e due terzi delle Tv private appartengono a gruppi editoriali che fanno capo a giornali leader".
Resta il fatto , che grazie a questa nuova piattaforma multimediale, il CdT avrà una posizione di forza, e finanziata anche coi soldi pubblici, sul mercato pubblicitario. Non la ritiene una distorsione della concorrenza?
" No, perche in Ticino ci saranno tre poli mediatici: il nostro, quello della Rsi e  il gruppo che fa capo al quotidiano la Regione, con Ticinonline, 20 minuti e Radio Fiume Ticino che, peraltro, riceve più soldi del canone di Radio 3i. Con tre distinti poli mediatici sul mercato pubblicitario non vedo nessuna distorsione della concorrenza"
Come mai suo padre ha deciso di vendere le sue quote azionarie?
"Contrariamente a quanto detto e scritto, la famiglia Lombardi non vende niente. C'è stato solo un aumento di capitale della società da 3 a 7 milioni e noi partecepiamo a questo aumento in misura minore degli altri soci".
ldagostino@caffe.ch
(1-continua)
08.04.2012


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14